Il Consiglio regionale nella seduta di ieri ha approvato a maggioranza (con 10 voti favorevoli di Fi, Lega, Idea, Bp e Fdi e 1 astensione del Pd) il disegno di legge riguardante il “Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2020 – 2022 dell’Ente di gestione del Parco naturale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane.”

“Nel bilancio di previsione 2020 si rilevano trasferimenti regionali pari a 572.288,00 euro di cui 450.000,00 euro di contributo ordinario per le spese di gestione consolidate, 100.000,00 di contributo per il concorso nelle spese di gestione finanziato con i proventi di cui all’addendum 2019 all’accordo del 2006 con Total, Shell e Mitsu (clausola 1) e 22.288,00 euro per risarcimento danni da fauna selvatica. In uscita, le somme derivanti dall’entrata dei 450.000,00 euro regionali, unitamente alle entrate proprie dell’Ente da proventi e servizi, finanziano le spese correnti di personale, funzionamento degli uffici, utenze, servizi esterni di gestione del patrimonio floro-faunistico, interventi di manutenzione ordinaria, spese di promozione, imposte e tasse, spese di funzionamento degli organi dell’Ente. Il trasferimento corrente aggiuntivo di 100.000,00 euro viene destinato per le competenze di spesa del personale e per gli oneri a carico dell’Enti su tali nuove spese di personale. Le entrate per rimborso danni da fauna selvatica per 22.288,00 confluiscono in uscita nel capitolo U02500, dove sono state convogliate la quasi totalità dei proventi derivanti dall’applicazione del Piano di assestamento forestale, mettendo a disposizione la somma di 117.456,56 euro per contribuire al pagamento dei danni già maturati e non liquidati nell’anno 2018.

Sempre nel bilancio di previsione 2020 rilevate entrate extratributarie per 137.800,00 euro, entrate in conto capitale per 428.610,93 euro, entrate per conto terzi e partite di giro per 346.000,00 euro e un avanzo di amministrazione vincolato per 732.155,44 euro per un totale complessivo di 2.216.814,37 euro. Di pari importo il totale generale delle uscite che comprende i servizi istituzionali e generali, di gestione e di controllo (589.544,66 euro), sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente (1.278.682,93 euro), fondi da ripartire (1.475,20 euro), debito pubblico (1.111,58 euro), servizi per conto terzi (346.000,00 euro).

Il bilancio di previsione pluriennale 2020/2022 rappresenta, nella sostanza, una proiezione delle previsioni di entrata e di uscita espresse nel bilancio di previsione 2020. Per ciascuna annualità 2021 e 2022 previste entrate pari a 936.800,00 euro e di pari importo le uscite.

Nella stessa seduta il Consiglio regionale ha approvato, sempre a maggioranza (con 9 voti favorevoli di Fi, Lega, Idea, Bp e Fdi e 2 astensioni di Pd e del consigliere Zullino -Lega) anche il disegno di legge riguardante il “Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2020-2022 dell’Ente di gestione del Parco naturale regionale del Vulture”.

I trasferimenti della Regione Basilicata per concorrere alle spese di funzionamento dell’Ente Parco naturale regionale del Vulture ammontano per ciascuna annualità 2020, 2021 e 2022 a 450.000,00 euro. Tale entrata corrente finanzia le spese correnti di personale, funzionamento dell’ente, utenze, servizi esterni di gestione del patrimonio floro-faunistico, interventi di manutenzione ordinaria, spese di promozione, imposte e tasse, spese di funzionamento degli Organi dell’Ente e tutto quanto necessario alla vita stessa del Parco. Il trasferimento corrente aggiuntivo di 100.000,00 euro nel 2020, a norma dell’art.5 della L.R. n.10/2020, viene destinato ad uno specifico capitolo di uscita attraverso il quale l’Ente Parco potrà procedere all’assunzione di personale da assegnare ad attività di sicurezza e monitoraggio ambientale.

Il bilancio di previsione 2020 in termini finanziari presenta, dunque, trasferimenti correnti per un totale complessivo di 550 mila euro, ai quali si aggiungono 500 mila euro di entrate in conto capitale (Programma Inngreenpaf – Progetto ambienti acquatici del Monte Vulture), 288 mila euro di entrate per partite di giro e circa 564 mila euro per l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione per un totale complessivo di 1.902.313,77 euro. Di pari importo le uscite così suddivise: 453.006,59 euro per servizi istituzionali e generali, di gestione e di controllo, 1.159.307,18 per la missione 9 “Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente”, 288.000,00 euro per servizi conto terzi (partite di giro).

Il bilancio di previsione pluriennale 2020/2022 rappresenta, nella sostanza, una proiezione delle previsioni di entrata e di uscita espresse nel bilancio di previsione 2020. Per ciascuna annualità 2021 e 2022 previste entrate pari a 838.000,00 euro e di pari importo le uscite.”