Si è registrata una consistente partecipazione ed un grande interesse di pubblico alla cerimonia di premiazione del concorso di poesie dialettali e foto d’epoca “innANZItutto”, organizzata dall’Associazione Culturale “L’Alternativa” e svoltasi ad Anzi nella suggestiva Piazza Dante Alighieri.

E’ quanto scrive con soddisfazione in una nota il Presidente dell’Associazione Culturale “L’Alternativa”
Giovanni Petruzzi.

La prima edizione –si legge– del concorso di poesie in vernacolo è stata vinta dal poeta Benito Patitucci, classe 1936, di Cosenza con la suggestiva poesia ‘U CHJANTU ‘UN TEN CULURE “.

Al secondo posto Angelo Canino di Acri (Cosenza) con “A SEGGIA”, al 3° Fausto Marseglia di Marano di Napoli con “A valigia”.

Il premio per la miglior poesia dialettale anzese è stato attribuito a Savino Cilibrizzi con ” I FUC D’ SAND’ANDONIO”, mentre altri due poeti locali hanno ricevuto diplomi di merito. Si tratta di Concetta Padula con “ARRIV’ ‘A ‘UGL” e Antonio Sarli con “27 Maggio 2019”. Le poesie dialettali di Anzi sono state brillantemente declamate da Carmela Albano.

Il premio speciale della critica è stato attribuito a Felice Mastropietro di Gravina in Puglia (Bari) con “U manifeste”.

Molto apprezzati gli inframmezzi musicali di Giuseppe Rivelli durante la presentazione del libro “In finito Infinito” di Gianni Romaniello, il quale ha composto la Giuria che ha valutato le poesie partecipanti al concorso, insieme all’antropologo Giuseppe Melillo, alle docenti letterarie locali Rossana Andriuzzi e Giusy Petrone ed al poeta, prof. Vincenzo Pietropint, che ha presieduto la Giuria esaminatrice.

Questa, invece, la classifica finale della sezione foto d’epoca del concorso “innANZItutto”:
1° Antonio Barracato di Cefalù (Palermo) con la foto “U CASTAGNAR”
2° Elena RIGHI di Castellarano (Reggio Emilia)“GIORNI FELICI”
3° Teresa Guadagno di Aquara (Salerno) “AQUARA BORGO DEL CILENTO”

Il testo, con relativa traduzione, della poesia dialettale che ha vinto il concorso, composta da Benito Patitucci di Cosenza  

’U CHJANTU ’UN TENA CULURE

Haju vistu tant’uocchj stralunati
e facci scarminati ppi l’affannu,
cori scigati di quannu sû nati
e vrazza azate ’n cielu, acquannu acquannu,

ca circanu riparu a ’ncunu puortu,
’mplorannu ’na pezzata ’i fratillanza,
’na guccia d’acqua prima d’essâ muortu
e pû chiangiutu ’ntra nu bucu ’i stanza…

labbra jiaccate, senza cchiù sudure,
e vucche spalancate cumu porti
ppi gridari allu munnu lu terrure
ca nu’ canuscia paci e spanna morti…

manu ’ncruciate, rutte e troppu stanchi,
tantu ca ’un sû capaci d’acchjappari
’nu zìnzulu fitusu ch’alli fianchi
cci lu cunsenta di se cummegliari…

mamme ccu minne longhe e senza latte,
picculi ormai ridutti pell’ed’ossa,
guagliune viulentate cumu gatte
e priparate a scinna dintr’a fossa…

Puru cu l’uocchj chjusi ê vistu tantu…
haju raggiuntu ’i munti cchiù pizzuti,
duve nàscianu jiumi curm’i chjantu
ca se mmisc-canu lienti, cittu e muti,

all’amarizza ca te sciga l’arma
e pu diventa lancia di cristallu:
nu murmurari ca nun tena carma
e scurra curviannu dintr’u vallu,

mentri ugne guccia cangia e si fa stella,
spanniennu ntuornu ’i piezzi cchiù lucenti;
ppicchì lu straziu nascia a ’na rasella,
ma pu ’mpunna ra faccia dintra nenti…

Simu miliardi e chjini di dulure,
quannu ’a tristizza stenna ’ntuornu ’u mantu.
Allura… avìmu tutti nu culure:
nun c’è cchiù razza quannu scinna ’u chjantu…
IL PIANTO NON HA COLORE

Ho visto tanti occhi stralunati
e facce distrutte dall’affanno,
cuori straziati da quando sono nati
e braccia alzate al cielo, a malapena,

che cercano riparo in qualche porto,
implorando uno spicchio di fratellanza,
una goccia d’acqua prima di morire
ed essere pianto in una stamberga…

labbra spaccate, senza ombra di sudore,
e bocche spalancate all’inverosimile
per gridare al mondo quel terrore
che non conosce pace e semina morte…

mani incrociate, ferite e molto stanche,
tanto da non essere capaci di afferrare
neanche un frammento di stoffa
che consenta di poter coprire i fianchi…

mamme con seni flosci e senza latte,
bambini ormai ridotti pelle e ossa,
ragazze violentate come animali
e pronte a essere gettate in una fossa…

Anche con gli occhi chiusi ho visto tanto…
ho raggiunto i monti più alti,
dove nascono fiumi pieni di lacrime
che si frammischiano, in silenzio,

all’amarezza che sconvolge l’animo
e si trasforma in lancia di cristallo:
un mormorio che non conosce tregua
e scorre serpeggiando nella valle,

mentre ogni una goccia si tramuta in stella,
spargendo intorno frammenti di luce;
perché lo strazio nasce in un angolino,
ma poi bagna il viso in un attimo…

Siamo miliardi, stracolmi di dolore,
se la tristezza ci avvolge nel suo mantello.
È allora che siamo tutti di un solo colore:
non c’è più razza quando scende il pianto…