lunedì, 4 Marzo , 2024
HomeCronacaAL VIA LA MARCIA DEL RISCATTO RURALE

AL VIA LA MARCIA DEL RISCATTO RURALE

Un bicchiere di Aglianico beneagurante per il tour, in camper, che gli attivisti del movimento ”Riscatto” cominciano da venerdi 25 da Matera per stimolare istituzioni, cittadini, movimenti a fare  quadrato sui tanti problemi del mondo agricolo che investono la tutela del territorio, con la prevenzione delle calamità, la sana alimentazione a difesa del made in Italy, la filiera dei prezzi e della distribuzioni, la tassazione iniqua, il reddito delle imprese agricole.

Motori accessi, dopo quelli dei trattori, e Marcia del Riscatto delle Comunità Rurali pronta a coinvolgere quanti hanno a cuore le sorti di un settore, che non ha ancora superato la questione dell’Imu.

Gianni Fabbris, presidente di Altragricoltura, una delle realtà che con sindaci e associazioni, ha  tenuta desta l’attenzione sul problema ricorda che la strada è ancora in salita.

11825736_10207616359877063_5743383690519473128_n

”Nel momento in cui il governo -afferma Fabbris- annuncia di voler ritirare la tassa dal 2016, il Movimento rilancia l’iniziativa chiedendo garanzie sul fatto che non venga compensata con altri costi e tagli per il mondo rurale e che vengano restituite le somme già sottratte nel 2014 e 2015 a Comuni, cittadini e agricoltori. Ma la Marcia va molto oltre la mobilitazione contro la tassa da cui è nata e si pone l’obiettivo di chiamare all’unità il mondo delle campagne per riconquistare dignità a chi lavora la terra ed a chi vive nelle comunità rurali.

“Basta con l’gricoltura italiana raccontata con la favola del mulino bianco e del favoloso Made in Italy che esporta, con i nemici all’esterno delle frontiere che falsificano il parmesan o i caporali che nascono come i funghi dal nulla. La verità è ben diversa e noi la vogliamo raccontare al Paese. E’ la verità di un patrimonio di lavoro che si sta perdendo, con diritti che si indeboliscono, con un Made in Italy senza il prodotto del lavoro italianoe sempre più in mano ai grandi marchi della speculazione finanziaria, di campagne e paesi che si spopolano, di povertà che aumenta, di un territorio ambientalmente aggredito.E’, anche, il luogo di tante esperienze e tentativi di uscire dalla crisi, di fare economia, di lavorare la terra e scambiare il cibo in maniera socialmente condivisa, di lavoro e fatica quotidiani che devono fare i conti con il crollo dei prezzi al campo, il trust commerciale, lo sciacallaggio sociale, l’aumento dei costi produttivi, una burocrazia ed un peso di tasse e tributi insopportabili, i servizi che si indeboliscono”.

Un appello che gli organizzatori della Marcia porteranno a Roma il 31 ottobre sul tema ” NO IMU – TE LO DO IO IL MADE IN ITALY”, dopo la positiva iniziativa del 18 settembre scorso che ha portato  alla costituzione della Rete dei municipi Rurali (che associa comuni, associazioni e cittadini nella difesa delle comunità rurali) e alla elezioni dell’agricoltore Salvatore Pace come Presidente e il Sindaco di Gravina in Puglia, Alessio Valente, come Sindaco Presidente del Coordinamento dei Sindaci Rurali.

Gli organizzatori hanno dato appuntamento ai sostenitori  della Marcia, domani  alle ore 17,30,  nell’atrio antistante l’ingresso della Provincia di Matera, per  il brindisi augurale con l’Aglianico del Vulture.

Servirà a salutare  la partenza delle 5 persone (tre agricoltori, un giornalista e il portavoce del movimento) che per 36 giorni, sostenuti da un gruppo di appoggio di almeno un centinaio di persone, porteranno in giro per l’Italia le proposte del movimento, il messaggio di unità e organizzazione e lo sguardo al futuro che viene dagli agricoltori di Puglia e Basilicata.

12043069_10207982244138298_7238915797891020025_n

Questo il programma della giornata del 25 settembre:

Partenza della Marcia per il Riscatto delle Comunità Rurali Matera, Sala del Consiglio Provinciale Venerdì 25 settembre 2015

ore 15,30 – Incontro Pubblico Presentazione e condivisione degli obiettivi, dei contenuti e del programma della Marcia per il Riscatto delle Comunità Rurali e della Manifestazione del 31 ottobre 2015 a Roma NoImu – Te lo do io il Made in Italy Intervengono Sindaci, Rappresentanti di Associazioni, Agricoltori e Cittadini L’Assessore All’Agricoltura della Regione Basilicata, Luca Braia

ore 17,30 Partenza della Marcia del Riscatto e brindisi augurale

MARCIA DEL RISCATTO DELLE COMUNITÀ RURALI

info: www.marcia2015.riscatto.info

contatti: marcia2015@riscatto.info

 

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti