Un altro passo avanti verso l’inclusione di cittadini svantaggiati, che per un motivo o per un altro non possono farsi capire da operatori di servizi di pubblica utilità, impreparati a farlo.Capita per le lingue straniere o per le persone sorde,mute o con altra disabilità. A Potenza, presso l’ufficio di via Pretoria, le Poste hanno messo a disposizione un operatore che conosce la lingua dei segni. L’auspicio è che il servizio possa essere esteso anche in altri centri della Basilicata, come Matera,per esempio, Policoro, Melfi, Lagonegro e dove occorrerà
LA NOTA DI POSTE ITALIANE

Poste Italiane parla la lingua dei segni anche a Potenza. L’ufficio postale di via Pretoria, fra i primi in Italia, si aggiunge a quelli di Genova, Vicenza e Palermo dove è già attiva la presenza di personale in grado di esprimersi nella lingua dei segni, permettendo anche ai clienti con disabilità uditiva di poter usufruire a pieno di tutti i servizi offerti, sia postali che finanziari.
La comunicazione al cliente della presenza di personale in grado di comunicare nella lingua dei segni viene fornita da un avviso posizionato in modo ben visibile accanto al gestore attese, in cui è indicato anche il nome dell’operatore di Poste Italiane al quale rivolgersi.
Nell’ufficio “Potenza Città” di via Pretoria ci sarà un operatore, madrelingua LIS e laureato in Scienze delle Comunicazioni.
Poste Italiane conferma, con questo ulteriore servizio, il suo impegno quotidiano per l’integrazione e l’inclusione sociale con l’obiettivo di sviluppare soluzioni che valorizzino le pari opportunità e vadano incontro alle diverse abilità.

Poste Italiane- Media relations