Costanza, serietà, spirito di abnegazione e volontà di curare la salute della comunità, per preservarla dai rischi di contagio da virus a corona, alla fine vengono premiati con risultati rassicuranti. Ed è quanto sta accadendo, giorno dopo giorno,a Irsina dove gran parte della popolazione è stata vaccinata, dai 60 agli 80 anni, come da calendario regionale, si è passati ai giovani. Il sindaco Nicola Morea, che è stato sempre in trincea, durante la fase calda della pandemia contrassegnata anche dalla zona rossa, nel rimarcare il risultato raggiunto, evidenza il forte senso di solidarietà che medici, volontari e cittadini stanno mettendo in campo nelle vaccinazioni. Ma senza abbassare la guardia. Il vaccino è importante. ”Ma – ripete fino alla noia Nicola Morea- ricordiamo di rispettare le regole del buon senso” Più chiaro di cosi…

LA NOTA DEL SINDACO
Irsina da’ la spallata decisiva al Covid.
Dopo aver vaccinato la popolazione over 80 secondo il calendario regionale, nel corso del mese di aprile la città di Irsina ha vaccinato le fasce di età over 60 e over 70.
Nelle scorse settimane Irsina ha registrato una nuova situazione critica a causa del Covid con numerosi ragazzi positivi e il rischio di nuovi provvedimenti restrittivi che avrebbero creato un danno enorme in una cittadina che inizia a vedere la luce con presenze turistiche e la voglia di ripartire.
Così si è deciso di procedere con la vaccinazione delle altre fasce di età.

Martedì 8 giugno 250 cittadini della fascia di età 40-59 anni hanno ricevuto la prima dose di vaccino Astrazeneca, mentre oggi altri 250 cittadini della fascia 18-39 anni hanno ricevuto la vaccinazione con Johnson & Johnson.

Il tutto è stato possibile mettendo in campo una organizzazione impeccabile che ha visto una coesione incredibile tra i Medici di Medicina Generale (Capezzera, Dilillo, Draetta e Silvano), il Dr. Masciullo, i medici volontari Capezzera e Dilillo) , gli infermieri Papangelo e Volpe, i formidabili volontari di Protezione Civile Vola, i nonni vigili, il personale degli uffici comunale e del reddito minimo, Assessori e Consiglieri Comunali: tutti hanno dato l’anima per raggiungere un grandissimo risultato.

Il Sindaco Morea ha manifestato orgoglio per il lavoro svolto che pone Irsina tra i primi Comuni in Italia per percentuale di vaccinati.

Infatti, oltre l’80% della popolazione irsinese tra i 18 e i quasi 100 anni è vaccinata.

Si tratta di un risultato incredibile, costato impegno, abnegazione, spirito di gruppo, sacrificio ma che ha comportato anche tanta tanta soddisfazione ed emozione in tutti coloro che a vario titolo hanno partecipato.

Irsina, paese che ha sofferto tantissimo per il Covid, compie un passo decisivo per liberarsi dal virus.