Crescono positivi e ricoverati in Basilicata. Sono sette i nuovi contagiati che sono stati rilevati tra i 640 test processati ieri 3 settembre che fanno salire a 43 il totale. Salgono (ed è la cosa più preoccupante) anche i ricoverati in ospedale che sono ora 4 (di cui solo uno in terapia intensiva). Matera, Policoro, Potenza e poi anche Tursi e San Severino Lucano i comuni interessati dai casi di propri residenti di oggi. Quattro sono invece i guariti, tutti di nazionalità straniera.

Una crescita che riguarda altre realtà a noi vicine come la Campania dove sono stati 193 i nuovi positivi e 22 i nuovi ricoveri in ospedale in più rispetto a 24 ore fa (in tutto 189  i casi tra reparti di terapia ordinaria ed intensiva).  Contagi record a Napoli dove sono 801 i casi attualmente positivi, quando appena un mese fa erano solo 36. Con l’intera Italia  che nelle ultime 24 ore ha fatto registrare  978 positivi e 8 decessi.

Una crescita che aumenta le preoccupazioni ma che eppure è il segnale di una aumentata capacità di sorveglianza del sistema sanitario che individua ed isola con più tempestività i positivi.

Così come afferma Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, a proposito della imminente riapertura delle scuole :”Basta ansia, le scuole riapriranno in sicurezza perché abbiamo il distanziamento, abbiamo le mascherine. Abbiamo comportamenti da adottare. Abbiamo tutto. Non serve nient’altro.” E aggiunge :  “Qualcosa rischiamo, qualcosa accadrà. Un po’ di scuole dovrà chiudere? Amen, fa parte della sorveglianza. Chiudiamo e riapriamo“, sottolinenando che: “Con le finestre aperte, la scuola è il posto più sicuro dove possono stare i nostri figli“. Per Remuzzi non bisogna farsi spaventare dai numeri: “Confondiamo i contagi con la gravità della malattia. Ci spaventiamo per numeri che non significano moltissimo. Indicano solo che abbiamo sviluppato la capacità di entrare nella fase della sorveglianza, e quindi troviamo le cose laddove ci sono”.

Insomma prudenza,  attenzione e niente panico, preparandoci al meglio anche psicologicamente a convivere, per un periodo che non ci è dato sapere, con questo ospite indesiderato.

Ma ecco il report di oggi della “task force regionale” con cui comunica quello che anticipavamo ad inizio articolo, ovvero “che ieri, 3 settembre, sono stati processati 640 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 7 sono risultati positivi.

Le positività riguardano 1 cittadino residente a San Severino Lucano; 2 residenti a Potenza, 2 residenti a Policoro; 1 residente a Tursi, domiciliato a Policoro; 1 persona residente a Matera.

Nella stessa giornata, a seguito di doppio tampone negativo, sono state registrate 4 guarigioni di cittadini stranieri: 2 tra quelli in isolamento domiciliare e 2 tra coloro che sono ospitati in una struttura dedicata della regione.

Con questo aggiornamento i lucani positivi diventano 43 dei quali 39 si trovano in isolamento domiciliare.

Attualmente sono 4 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane:

-una nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza,

-mentre al ‘Madonna delle Grazie’ due pazienti si trova nel reparto di Malattie infettive e un altro in quello di Terapia intensiva.

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 376 guariti; 1 persona residente nella regione Lazio e in isolamento in Basilicata; 1 cittadino residente in Umbria in isolamento in Basilicata; 5 persone residenti in comuni della Toscana e in isolamento in Basilicata; 1 cittadino residente in Emilia Romagna e in isolamento Basilicata; 1 cittadino residente in Puglia e ricoverato al ‘Madonna delle Grazie’ di Matera; 8 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero in isolamento in Basilicata; 31 cittadini stranieri in isolamento in Basilicata in una struttura dedicata; 1 cittadino residente in Basilicata in isolamento nel Lazio.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 58.690 tamponi, di cui 58.109 risultati negativi.

Il prossimo aggiornamento domani 5 settembre alle ore 12,00.”

Seguono prospetti riassuntivi.