“Altri avvisi di garanzia? Ma, e quelli dei giorni scorsi…” Domande scontate prima di guardarsi intorno. Le prime avvisaglie di una pagina di giudiziaria tutta da scrivere(anzi da recitare) sabato mattina 17 aprile, in piazza Vittorio Veneto, con quelle porte allarmate del Palazzo di Giustizia allestito all’ingresso del ” Cinema Comunale” o ”Impero” ,come continuano a chiamarlo in tanti, per il set della fiction ” Imma Tataranni 2” l’ arrembante sostituto procuratore della Repubblica, ispirato ai romanzi della scrittrice Mariolina Venezia. E poi quella bacheca della ”Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera” con gli ”avvisi e le circolari” . i decreti di notifica di questo o quel procedimento, le richieste inviate al presidente del Senato Pietro Grasso sullo scioglimento di comuni mafiosi avanzate dalla presidente della commissione antimafia Rosy Bindi, che a Matera c’è stata davvero (coincidenze? Il 16 aprile 2014) presiedendo un vertice in Prefettura.

E per tanti materani il ritorno del Tribunale, in piazza Vittorio Veneto, nel Palazzo dell’Annunziata è stato un tuffo nel passato a 50 anni fa. Quando in quell’edificio al piano superiore c’erano le aule del tribunale, dove si tennero processi eccellenti e di cronaca cittadina, al pianterreno e nell’altra ala la scuola Media ” Francesco Torraca”, l’ingresso del cinema Impero, la sede dell’Ept e alcuni negozi. Altri tempi e ricordi segnati da foto d’epoca. Il ritorno della fiction ”Imma 2” diretto da Francesco Amato ha allarmato e non poco i passanti per la presenza di una ”gazzella” dell’Arma dei Carabinieri con i lampeggianti accessi, militari con divisa estiva…, e la partenza dei veicoli della Polizia Municipale.

Piazza bloccata, giustamente, e scene girate con la Pm Tataranni, interpretata da Vanessa Scalera, che dall’ingresso del Tribunale ha raggiunto una vettura che l’attendeva. E in piazza, oltre le transenne, pubblico e curiosi hanno seguito con attenzione i movimenti della illustre concittadina che ormai conosce bene strade e piazze, percorse con ogni tempo e con una gestualità che ne fanno ”patrimonio comune” per simpatia e professionalità della Città dei Sassi. Ormai quel ” Veloceee” della prima serie e il recente ” Di Luss !” le stanno meritando sul campo il conferimento della ”cittadinanza onoraria” per il contributo dato- suggeriamo al primo cittadino- alla tutela del patrimonio ”IMMAteriale” della città. Oltre che alla promozione di Matera, naturalmente. Merito anche, ormai sulla bocca di tutti (in italiano e in dialetto) della nostra attrice Lia Trivisani, che continua a starle accanto come tutor. In tanti vorrebbero vederla recitare accanto a Vanessa e ad altri protagonisti apprezzati della fiction come Massimiliano Gallo, Alessio Lapice, Alice Azzariti e locali come Nando Irene. Mai dire mai e lasciamo che la “Provvidenza” o ” U’ Patratar’n” (il Padreterno) veda e provveda per quando e se sarà. E già perchè si continua a girare per la fiction, prodotta da IBC Movie srl e Rai fiction , che sarà trasmessa probabilmente su Raiuno a fine anno . Chissà magari ci potrebbe essere una sorpresa.

E poi la ”PM” è imprevedibile ed è pronta ad aprire e a chiudere fascicoli quando meno ve lo aspettate, anche per una terza serie…Almeno così auspicano i concittadini che curiosano intorno al set, che notano subito se ci sono volti conosciuti tra le comparse selezionate con l’apporto del regista di Blu Video Geo Coretti. E subito viene fuori la richiesta dialettale : ” Allar, quonn t’ m’ha ‘bbda ch’ Imma Tataronn?…E allora quando ti vedremo nella fiction con Imma Tataranni?”. Piano. Prima bisogna finire di girare, poi si monta e poi si programma. Un po’ di pazienza. Ma siamo matti. Imma direbbe ” Ueh, Veloceeee!”