Documenti alla mano, un po’ di pazienza e attendere il turno per il casting dell’attesissimo Bond 25, il film n.25 della lunga serie dedicata all’agente segreto di Sua Maestà britannica. Non si conoscono ancora luogo e data di inizio delle selezioni ma riteniamo che sia questione di giorni, tanto più che le riprese cominceranno nei rioni Sassi e nel parco della Murgia nella terza settimana di agosto e si concluderanno a fine settembre. Nel complesso 20 -25 di giornate sul set a Matera, capitale europea della cultura 2019. che manterrà volti e ritmi di città contemporanea rispetto alle ambientazioni scenografiche religiose del passato come accaduto per la ”Gerusalemme” del ”Vangelo Secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini e ”The Passion” di Mel Gibson e altri che hanno contributo non poco a promuovere Matera nel mondo. E per ”Bond25” l’effetto moltiplicatore con oltre 150 milioni di cinefili e appassionati nel mondo il ritorno sarà consistente sia in termini di immagine per il territorio ( sono previste sequenze sulla costa di Maratea e a Gravina in Puglia) che economici nell’immediato e in prospettiva, con l’1 per cento di Pil per il bilancio regionale. Del resto occorre pensare a uno staff di produzione di 400 addetti ai ritorni per le maestranze locali e alla filiera turistica in generale e al migliaio di persone all’incirca che saranno assunte come comparse. E’ immaginabile che i candidati verranno anche da fuori provincia e regione, quando saranno resi noti luogo e data per il casting. Naturalmente funzionerà anche il tam tam della presenza dell’attore Daniel Craig, che interpreterà il ruolo di James Bond , di Lea Seydoux nel seducente ruolo di bond girl o del ”cattivo” Rami Malek e altri che fanno parte del cast diretto da Cary Fukunaga. Matera pronta a tornare set per un film che uscirà nell’aprile del 2020. Naturalmente ci sono da mettere in conto i disagi per la limitazione dei movimenti, che saranno indicati dalle ordinanze. Da mettere in conto anche polemiche e prese di posizione. Appelli d’obbligo alla comprensione e alla pazienza. Sul set ci sarà la Matera di oggi con altri capitali del turismo internazionale. Per cui puntiamo tutto sul 25 come Natale e come James Bond, con tutto quello che potrà venire sul grande schermo del turismo internazionale. Per Matera l’occasione di mettere in campo un progetto di lunga durata, con gli uomini giusti sulla scena giusta…

LA NOTA SULLA CONFERENZA STAMPA AL COMUNE

Sassi seducono Bond, la produzione sbarca a Matera: impatto mediatico ed economico da capogiro

12 milioni di euro di investimento sulla città, circa 100 strutture ricettive interessate e 400 persone al lavoro per la produzione che sarà vista da oltre 150milioni di persone nel mondo solo nelle sale cinematografiche, senza contare il circuito dell’home cinema e degli altri canali distributivi.
Sono i numeri di Bond 25, il nuovo film di 007 che sarà girato a Matera a partire dalla metà di agosto per circa 5 settimane. Le riprese interesseranno la quasi totalità dei Sassi che saranno protagonisti assoluti e unici delle avventure del più importante agente segreto del cinema. 

Stamattina nella Sala Mandela del Comune di Matera la conferenza stampa per illustrare gli aspetti tecnico-organizzativi della produzione. Vi hanno partecipato oltre al Sindaco, all’assessore alla Cultura e al responsabile dell’ufficio cinema del Comune di Matera, Raffaello De Ruggieri, Giampaolo D’Andrea e Ivan Moliterni, il direttore della Lucania Film Commission, Paride Leporace, i manager della produzione per le scene girate in Italia, Enzo Sisti, Robin Melville, Serena Peleggi e lo Unit Production Manager, Matt Jones.

Il 25esimo film della saga di 007, l’ultimo probabilmente con Daniel Craig a vestire i panni dell’agente segreto britannico, uscirà nelle sale ad aprile 2020.

“Abbiamo scelto Matera perché è Matera” ha detto Robin Melville. “La sceneggiatura prevedeva che bisognasse girare in Italia e abbiamo scelto Matera perché è una città unica. Se ne conoscete altre così, non ditemelo” ha concluso ironicamente.
“Sono esterrefatto per quello che sta per accadere” ha sottolineato il Sindaco de Ruggieri. “E’ un’opportunità incredibile per la città che avrà un impatto economico stimato nell’ordine di un punto di Pil dell’intera Basilicata e valenza mediatica difficilmente calcolabile. 007 è la storia del cinema. Poche città italiane hanno avuto il privilegio di essere immortalate nelle pellicole di questa straordinaria saga di successo e questo testimonia il livello di attrattività e di fascino che Matera riesce ad esercitare nel mondo”.
“Ho trovato una città cresciuta – ha detto Enzo Sisti – che ha lavorato come produttore esecutivo in numerosi film girati in città. Matera ha raggiunto una qualità nel gusto e una dimensione culturale che fino a qualche anno fa vedevo solo in pochissime realtà italiane. Prevediamo che questo film possa avere un impatto terribilmente favorevole per la città. I film di Bond vengono visti in tutto il mondo e la vetrina mediatica sarà enorme”.
“Una crescita non solo economica e mediatica – ha sottolineato Paride Leporace – ma per tutto il settore cinematografico e per la scena creativa lucana”.
“Trattandosi di una produzione di grandi dimensioni è inevitabile che non sia invisibile – ha evidenziato Ivan Moliterni -. E’ in corso un processo di partecipazione e coinvolgimento della comunità che ci consentirà di far emergere soprattutto le opportunità e i valori offerti da questo film”.
“Un’opportunità del genere – ha concluso il Sindaco de Ruggieri – non può essere svilita da polemiche sul parcheggio o sull’accessibilità momentanea di alcuni luoghi. Bisogna essere consapevoli della portata di quello che sta accadendo sotto il profilo culturale, sociale ed economico”.