Sarà un evento unico: i popoli amazzonici che auto-convocano la prima assemblea mondiale per l’Amazzonia, e invitano tutti gli attori sociali del pianeta, attivisti e attiviste ad aderire e partecipare.

L’assemblea si terrà il 18 e il 19 luglio online, alle ore 22:00 in Italia. Ogni sessione durerà due ore e mezza con traduzione in diverse lingue. La prima sessione sarà dedicata all’analisi della situazione, la seconda alle campagne comuni.

A seguire l’appello in italiano e spagnolo, con le campagne che verranno discusse, e tutte le informazioni utili per aderire e partecipare.

L’assemblea è la prima tappa di un percorso globale che porterà a una giornata mondiale di mobilitazione.

 Auto-convocazione della

Prima Assemblea mondiale per l’Amazzonia

Contro l’etnocidio, l’ecocidio e l’estrattivismo in Amazzonia

aggravati dalla pandemia di COVID19

L’Amazzonia è inondata di morte nelle sue comunità, villaggi, città e paesi. Il COVID 19 infuria fra i cosiddetti “popoli della foresta” che soffrono secoli di indifferenza, abbandono, sfruttamento, estrattivismo, razzismo ed etnocidio. Questa regione, essenziale per la stabilità dell’ecosistema terrestre, sta vivendo un’accelerazione dell’ecocidio e del terricidio.

Le cause del deterioramento dell’Amazzonia sono le imprese agroindustriali, le monocolture, la semina di semi transgenici, gli agrocarburanti, l’estrazione legale e illegale, l’estrazione e la dispersione di idrocarburi, la biopirateria, i megaprogetti idroelettrici e idroelettrici, le linee di trasmissione e le strade mal pianificate, le organizzazioni finanziarie internazionali e i loro prestiti e investimenti, il traffico di droga e la criminalità organizzata.

I governi del Nord e del Sud, sia neoliberisti che progressisti, incoraggiano l’estrattivismo in modi diversi, indebolendo l’Amazzonia a livello sociale ed ecologico. Ora, allo scopo di “riattivare l’economia per uscire dalla crisi COVID 19” , i governi della regione stanno allentando le disposizioni legali ambientali, indigene e sociali per promuovere ulteriormente l’estrattivismo.

La distruzione dell’Amazzonia ci porta più vicini al precipizio e alla catastrofe climatica. Senza un’Amazzonia vivente, non ci sarà futuro per l’umanità.

Molti stanno combattendo e resistendo di fronte a questa distruzione. Le donne dell’Amazzonia sono le più minacciate e allo stesso tempo le più creative e resistenti nella difesa del loro corpo-territorio.

Le sfide sono molto grandi e l’unità nella diversità è urgente e inevitabile, con il protagonismo dei popoli originari, custodi delle origini e del Buen Vivir.

Di fronte a questa realtà, movimenti, collettivi, reti, reti, attivisti e organizzazioni di popoli indigeni, quilombole, abitanti dei fiumi, spillatori di gomma, caboclos, marrons, contadini, artisti, religiosi, difensori della natura, comunicatori, accademici, donne, giovani e abitanti delle città amazzoniche, auto-convochiamo la Prima Assemblea Mondiale dell’Amazzonia che si terrà online il 18 e 19 luglio.

Il nostro obiettivo è quello di articolare un’alleanza al servizio delle piattaforme e delle campagne esistenti, per rafforzare le nostre azioni e il nostro impatto nella difesa dei diritti umani, dei diritti dei popoli indigeni e dei diritti della natura. Cerchiamo di costruire un processo a spirale di assemblee/azioni per aggiungere volontà, per concordare obiettivi e per concordare iniziative di mobilitazione attorno a proposte che emergono dal dibattito e dal consenso.

A questo scopo, dedicheremo il primo giorno della nostra Assemblea per riflettere e discutere i problemi dei Paesi e della regione pan-amazzonica, e il secondo giorno discuteremo le proposte di azione e arricchiremo tre campagne che stiamo costruendo:

1. Campagna globale per affrontare i gravi impatti dei Covid19 sulle popolazioni indigene, gli afro-discendenti e l’intera Amazzonia.

2. Campagna globale per boicottare prodotti, aziende, investimenti, politiche governative, accordi commerciali e industrie estrattive che distruggono l’Amazzonia.

3. Giornate di mobilitazione globale per fermare l’etnocidio, l’ecocidio e l’estrattivismo e per salvare l’Amazzonia, essenziale per affrontare il cambiamento climatico.

L’Assemblea mondiale dell’Amazzonia si svolgerà online sabato 18 e domenica 19 luglio alle 15.00 in Ecuador, Colombia e Perù, alle 16.00 in Bolivia, Cile, Paraguay, Guyana e Venezuela, e alle 17.00 in Brasile-Sao Paolo, Guyana francese e Suriname (alle 22:00 in Italia). Ogni giorno avremo una sessione di due ore e mezza e avremo la traduzione simultanea in spagnolo, portoghese, inglese e francese.”

Per partecipare e ricevere il relativo Zoom link è necessario compilare il seguente modulo:

https://forms.gle/gViUA68EGPzbqRtV7

L’evento sarà trasmesso anche su:

https://www.facebook.com/asambleamazonica/ e

https://www.youtube.com/channel/UC5uRVxQWBKbtyYZXj4_8Zk