Pollice verde, con tanta voglia di sporcarsi e giocare con la terra, prendersi cura delle piantine e apprezzarne la fragranza in un minestra preparata a scuola o dalla mamma. E vedere tante manine ( per motivi di tutela dei piccoli, non pubblichiamo le foto che li ritraggono) armeggiare nelle vasche di terra allestite a Matera in uno spazio recuperato attiguo alla scuola per l’infanzia ” Guerricchio” di via Enrico Fermi, ci ha preso e non poco. Tutto merito di un papà premuroso come Andrea Paoletti e sensibile con la moglie Mariella del futuro dei piccoli, della loro vita di relazione…anche a tavola tanto da lavorare a un progetto che lega tre “A” ambiente, amicizia e alimentazione per un presente e un futuro a misura di bambino e di famiglie. E con ” Mammamiaaa”, il progetto promosso dall’associazione Casa Netural con la Fondazione ”Matera-Basilicata 2019” nell’anno di Matera capitale europea della cultura, si è passati dalla buona intenzione ai fatti. E tutti, dai volontari di Casa Netural, ai quadri della Fondazione alle maestre della scuola coordinate dalla preside Isabella Abbatino, all’Amministrazione comunale per lo sfalcio finale delle erbacce, hanno recuperato un spicchio di terra da trasformare in orto. E il risultato è stato davvero sorprendente. A volte basta poco…come si suo dire. Così basilico, prezzemolo, menta, salvia, le piante che forniscono aromi e sapori ai piatti della dieta mediterranea, e della cucina contadina in particolare, sono le prime essenze vegetali messe a dimora nell’orto dei piccoli delle scuola dell’infanzia con l’obiettivo di far crescere la cultura della sostenibilità, di una alimentazione genuina e di attivare relazioni di quartiere. ” E’ -ha detto Andrea Paoletti, promotore del progetto di Casa Netural- un vero e proprio giardino formativo(“Learning Garden” come vuole la deleteria pratica degli anglicismi a tutti i costi) per offrire ai piccoli alunni nuovi percorsi educativi imparando a coltivare la terra e osservando i sistemi viventi”. E,infatti, i piccoli – come era prevedibile- si sono volentieri sporcate le manine e inseguito con un rametto le formiche che si muovevano come impazzite. Esperimento riuscito e poi a gara a mettere a dimore le piantine, con l’impegno a prendersi cura tutto l’anno. Preside e insegnanti accompagneranno i bimbi per un impegno destinato a passare ad altre generazioni, come recitano frasi, pensieri e intenti riportati su un cartello affisso all’ingresso.


Anche l’Amministrazione comunale, come ha annunciato l’assessore all’Istruzione e alle Politiche sociali Marilena Antonicelli, farà la sua parte dopo aver provveduto allo sfalcio dell’erba. Saranno installate in tempi e modi da concordare anche delle telecamere, per evitare-come accaduto- la visita di malintenzionati o il verificarsi di episodi da degrado sociale. All’iniziativa si affianca l’apertura (nel pomeriggio ndr)presso Agoragri, il parco urbano comunitario creato dall’ Associazione . Agrinetural in viale Italia, dove sorgeranno un orto (U’ Iurt) e il giardino dedicato alla comunità di Mammamiaaa, un ricettario vivente delle storie raccolte da tutta Europa. “U Iurt” di Mammamiaaa , in particolare, sarà un nuovo punto di riferimento per le famiglie di Matera, e i cittadini temporanei di Matera 2019. Qui si terranno un calendario di eventi e attività mensili. Per il resto non vi resta che ammirare ricette e piante alla balconata Guerricchio e visitare il sito web www.mammamiaaa.it. Con tre ”A” finali, naturalmente….