mercoledì, 19 Giugno , 2024
HomeAmbienteM5S: Folle decisione della Francia su vecchie centrali nucleari

M5S: Folle decisione della Francia su vecchie centrali nucleari

Prolungare per altri 10 anni il funzionamento dei 32 vecchi reattori nucleari della compagnia Electricité de France (EDF), senza alcun processo di Valutazione di Impatto Ambientale e senza coinvolgere in questo processo nemmeno gli Stati limitrofi, come vuole fare la Francia, è una follia. Stiamo parlando di centrali entrate in funzione tra il 1979 e il 1987 la cui attività, se venisse prolungata, supererebbe il tempo di funzionamento oltre la quarta revisione periodica decennale, che è il termine massimo per cui sono state progettate. Su questo ci piacerebbe sapere qual è la posizione del nostro Ministero perché queste centrali ce le abbiamo dietro casa e non possiamo non avere voce in capitolo sulla questione”. Lo afferma in una nota il deputato del Movimento 5 Stelle in commissione Industria Enrico Cappelletti, che sul tema ha appena presentato un’interrogazione al Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e al Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. “Il governo francese vuole farla passare come ordinaria manutenzione quando così non è – continua Cappelletti – oltretutto violando l’obbligo stabilito dalla convenzione di Espoo sul tema di informare e consultare i Paesi confinanti su simili iniziative. Per questo contro l’Eliseo è stata persino aperta una procedura. A dicembre ci sarà una riunione di tutti i Paesi che hanno sottoscritto la convenzione, nella quale tra le altre cose si parlerà anche di queste ‘vecchie’ centrali francesi. Ci aspettiamo che il Governo partecipi e tuteli la nostra sicurezza. Su questo esigiamo che ci sia chiarezza, informazione e concertazione, un tema così delicato non può essere gestito in modo arraffazzonato”.

Vito Bubbico
Vito Bubbico
Iscritto all'albo dei giornalisti della Basilicata.
RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti