Ho apprezzato molto, insieme alla Giunta e all’Amministrazione tutta,  la sollecitazione che Lei ha fatto in merito alla problematica del collegamento San Mauro Forte- Scalo di Grassano.”

Comincia così la lettera che il Sindaco di San Mauro Forte Francesco Diluca ha indirizzato al parroco del paese Don Giuseppe Di Perna che qualche giorno fa aveva rappresentato la necessità di un collegamento con una navetta con lo Scalo di Grassano dove arrivano e partono bus per tutte le destinazioni (http://giornalemio.it/viaggi/san-mauro-forte-don-giuseppe-e-lultimo-miglio-per-lo-scalo-di-grassano/) ma che è allo stato impossibile raggiungere per l’assenza di mezzi pubblici.

Il Sindaco dichiara di condividere, insieme alla sua amministrazione, la problematica sollevata e rende noto che sulla questione già erano stati fatti dei passi da parte del Comune, anche con l’interessamento diretto dell’assessore regionale al ramo Nicola Benedetto.

Ecco di seguito il resto della lettera di Diluca a Don Giuseppe.

  “Condividiamo in toto quanto rappresentato nella sua lettera del 13 settembre 2017, tant’è che vorrei rassicurare Lei e tutti i cittadini che sul problema già avevamo iniziato a lavorare nell’ambito della programmazione in corso degli interventi relativi alle “Strategie per le Arre Interne” con cui si mira proprio ad eliminare questo ed altri gap che affliggono i nostri sfortunati territori.

    Programmazione ancora in corso, tant’è che proprio ieri (nota prot.5413/2017)  ho risposto ad una richiesta del Comune di Stigliano -capofila del progetto- e agli uffici regionali di programmazione e trasporti,  in merito alla georeferenziazione delle fermate dei servizi di TPL (Trasporto Pubblico Locale) che abbiamo chiesto di istituire nell’interesse di questa comunità. E specificamente sulle linee:

  • San Mauro Forte – Stigliano;
  • San Mauro Forte- Ferrandina Scalo
  • e -per l’appunto- San Mauro Forte – Scalo Garaguso-Grassano-Tricarico.

   In data odierna  (il 19-9-2017  è la data della missiva) ho, comunque, interpellato l’assessore regionale alle infrastrutture e mobilità, Nicola Benedetto -già in passato dimostratosi particolarmente sensibile al problema- che nell’assicurare di aver ricevuto anch’egli la Sua nota, mi ha autorizzato a riferire del suo confermato impegno in tale direzione, con una tempistica che collocherebbe agli inizi dell’anno prossimo l’approvazione degli atti che dovrebbero dare soluzione al problema.

Nel frattempo, incrociando le dita affinché tutto vada per il meglio e nella consapevolezza (come anche da Lei sottolineato) che non tutto dipende dal solo nostro impegno, restiamo a disposizione per ogni altro  chiarimento ed anche solo  per  monitorare insieme l’evoluzione del percorso prima indicato.”