Una domanda secca, fatta al Presidente del Consiglio regionale da colleghi a Potenza a conclusione dell’incontro a porte chiuse su Matera 2019, se “Marcello Pittella inaugurerà” l’anno della Capitale europea della Cultura . Ma non si sa al momento se nel ruolo di presidente della giunta regionale o come parlamentare. Le trattative nel Pd sono in corso e la coperta è troppo corta e poi occorre verificare le opportunità dei collegi (uninominale o proporzionale?. La conta dei parlamentari va avanti tra conferme, new entry e designazioni da Roma ma è possibile che vengano da Bruxelles…come Gianni Pittella. Ma è tutto in alto mare e i problemi sono tanti e vanno disinnescati come il dimensionamento scolastico, Matera 2019, le vicende del petrolio e dello spopolamento della Basilicata. Pittella, glielo riconosciamo, affronta senza patemi tutte le situazioni a cominciare dalla candidatura o ricandidatura alla Regione per il secondo mandato. ” Mi farebbe piacere- ha detto Pittella , rispondendo a una sua possibile presenza per Matera 2019.Perchè questo accada occore che venga ricandidato e quindi rieletto…E mi sembra eccessivo, ma mi farebbe piacere pensare a una ricandidatura certa. Noi le cose siamo abituate a guadagnarcele, a sudarcele lavorando. Se ci saranno le condizioni io…la dico così: In questo mese si chiuderanno le liste e le candidature al Parlamento. Ancora nulla è stato totalmente deciso, Quando ci saranno decisioni definitive io non mi sottrarrò nel dare la giusta comunicazione, relativa anche alla mia persona, al lavoro che sto svolgendo e al futuro. In quel caso dovessi rimanere in Basilicata a svolgere la funzione di presidente fino a novembre 2018 il futuro di Pittella? Se lo guadagnerà sul campo.Se sarà bravo a guadagnarsela insieme alla sua maggioranza di centrosinistra”. Una posizione di attesa che la dice lunga sulle opportunità di candidatura e ricandidatura… Di certo una posizione migliore rispetto a quella di altri , che continuano a restare sulla graticola.