Con la gente, tra la gente e per la gente ma non con le piazzate di folle interessate e opportuniste nelle stazioni dei treni e nei piazzali dei camper, ma mettendo mano ai contatti diretti su bisogni, problemi e proposte che non devono finire puntualmente con start up o APPlicazione, ma sulle cose che si possono fare ”insieme” e in poco tempo. E Franco Vespe, un puro e appassionato della politica, che ha dato ma ha ricevuto anche batoste e delusioni, ci riprova a impegnarsi con un confronto aggregante, partendo dai giovani e da quanti ci stanno a mettere faccia e parte del proprio tempo per il Bene Comune. Per farla breve tutti in ” Officina” per accomodare un giocattolo rotto, quella della politica, e dalle tante mezze figure che continuano a occupare indignamente a livello nazionale e locale posti e ruoli che contano nella vita della polis e che hanno fatto allargare la forbice della partecipazione (e non solo al voto) tra amministratori e cittadini. Serve uno scossone e forte, sopratutto nella ex capitale del divano, dove si dorme su scomodi divani e materasssi che sono quelli dell’inedia e della mediocrità. E così enerdì 10 Novembre alle ore 19:30 presso il cinema Piccolo a Matera ci sarà la presentazione alla città dell’Officina del Bene Comune. Una associazione – dice in quattro righe Franco Vespe, astronomo, maestro di scacchi e persona impegnata nel sociale- che vuol sviluppare cultura politica e fare animazione civile e sociale sul nostro territorio. Il suo ambito di azione per ora comprende, oltre che Matera, anche Policoro, Bernalda, Pisticci, Altamura. Nell’assemblea si illustreranno i principi ispiratori dell’ Officina e sarà animata da molteplici interventi degli associati che non mancheranno di testimoniare la vivacità e l’entusiasmo di tutti coloro che hanno intrapreso questa stimolante avventura”. Auguri e dal Piccolo un ”ciak” augurale per i lavoratori dell’Officina.