Il tempo passa e la processione non cammina“si dice dalle nostre parti. E…..deve essere, evidentemente, proprio questo lo stato dell’arte dell’andamento del processo evolutivo della crisi comunale se il primo cittadino ha sentito il bisogno di diffondere un ulteriore appello “a tutte le forze politiche e civiche presenti in Consiglio ” affinchè si convincano a sostenere il proseguimento della navigazione dell’Arca di Noè, ora pericolosamente incagliata nelle secche e sul punto di capovolgersi. Magari rinforzando l’equipaggio a nuovi volenterosi, contemplando pure l’ipotesi di lasciare a terra qualcuno dei vecchi compagni di viaggio ancora recalcitranti ed indomiti.

Intanto, il 22 aprile si avvicina e il tempo diventa sempre di meno per limare disponibilità e superare resistenze che, nonostante il comune diffuso desiderio di non andare a casa, persistono per la paura di un prezzo che si potrebbe pagare a fronte di un’avventura dai contorni incerti e con un nocchiero così pieno di se  e poco incline ad accettare suggerimenti e mediazioni che pure sono il sale delle convergenze e della gestibilità di una coalizione di governo così eterogenea.

Non saranno gli appelli del sindaco, ma le convenienze dei protagonisti, a stabilire l’esito di questa telenovella. Se ne faccia una ragione De Ruggieri e dovrà lavorare per questo -diventando abile in quell’arte del taglia e cuci in cui ha dimostrato sino ad ora di essere alquanto scarso- se vorrà sopravvivere a capo della Città. Le chiacchiere stanno a zero e il richiamo a sensibilità tese genericamente al bene della comunità lasciano il tempo che trovano.

Ma eccolo l’appello diffuso con un comunicato stampa che ha tanto l’aria di una conclusione non scritta del tipo….speriamo che me la cavo!

 

GOVERNO CITTADINO. NUOVO APPELLO DEL SINDACO
“LAVORIAMO INSIEME PER LA CITTA’ SUPERANDO PREGIUDIZIALI E VETI”

Torno ad esprimere l’invito a tutte le forze politiche e civiche presenti in Consiglio di divenire protagoniste libere di questa nuova fase amministrativa”.

Lo scrive il sindaco Raffaello de Ruggieri che aggiunge: “Le conclusioni assunte nell’ultimo Consiglio Comunale hanno espresso i valori della condivisione e della responsabilità. L’accettazione di un aggiornamento dell’assise da parte di n.30 consiglieri su 31 presenti ha testimoniato l’esigenza di non interrompere la difficile costruzione di un nuovo governo cittadino.”

Questo obbligoprosegue il sindaco non può essere ignorato e il giorno delle decisioni definitive, fissato per il prossimo 22 aprile , non ulteriormente rinviabile. Superiamo pregiudiziali, veti e rivincite e, nel rispetto della dignità e del ruolo di ciascuno, affrontiamo il tema del migliore governo della città, contenendo ogni posizione assolutistica e ultimativa.

“In questo scenario propositivo –insiste De Ruggieri– vanno collocate le dichiarazioni pronunciate dentro e fuori l’aula da alcuni Consiglieri Comunali auspicanti una riconsiderazione delle decisioni assunte, senza pregiudiziali e senza tatticismi.”

Sgombriamo il campo da inaccettabili posizioni intransigenticonclude il sindacoe lavoriamo insieme per il bene della Città”.

Matera, 11 aprile 2017