“Questa storia che è stata messa in giro che il ministro Luigi Di Maio mi avrebbe parlato di Matera pensando che Matera fosse in Puglia è veramente una barzelletta, anche abbastanza ridicola.”

E’ tranchant ed infastidito Michele Emiliano -testimone/attore diretto del siparietto messo ai raggi x- che stronca quelle interpretazioni maliziose che hanno fatto il giro del web accreditando l’idea di un Luigi Di Maio che gli avrebbe parlato di Matera pensando che fosse una città Pugliese (https://www.facebook.com/micheleemiliano/videos/548247138950207/?hc_location=ufi).

Oddio, qualche dubbio, del sentito ed immaginato del video può anche starci quale attimo di defaillance di un Di Maio preso dal turbinio dei suoi impegni quotidiani. Ma è davvero alquanto improbabile sostenere che possa esservi stato un errore così pacchiano, anche da parte di chi di gaffe ne ha collezionate più d’una.

Addirittura il governatore della Puglia, oltre a portare la sua testimonianza diretta e smentire, afferma che: “ Tra l’altro ho sentito e risentito il testo è non c’era nulla nella conversazione che si prestasse ad un’interpretazione del genere.”

Per poi stroncare il battage che si è sviluppato intorno al video con un “Siamo, come al solito, a quelle modalità politiche che poi provocano solo la confusione dei cittadini e una reciproca sfiducia.”

Spiegando che: “Il Ministro mi ha semplicemente chiesto cosa stiamo combinando per sostenere lo sforzo di Matera “capitale europea della cultura. Ovviamente, io ho detto che i pugliesi hanno investito 2,5 milioni di euro per sostenere l’evento culturale in sé più il finanziamento milionario del raddoppio della ferrovia Bari-Matera per interconnettere la Puglia con la Basilicata.

In particolare: supera i 198 milioni di euro la somma investita dalla Regione Puglia per il raddoppio, la messa in sicurezza e la dotazione di mezzi sulla linea ferroviaria Bari – Matera.

La Giunta Regionale Pugliese ha poi varato un programma destinato alla Puglia con Matera 2019, che impiega 2,5 milioni di euro.
L’obiettivo, con le azioni messe in campo, è arricchire il percorso dei turisti e visitatori diretti a Matera con itinerari ricchi di esperienza e promuovere così il territorio pugliese, che confina con la capitale europea della cultura, con le ricchezze storiche, artistiche, culturavali e del paesaggio; sostenendo gli sforzi degli operatori e dei comuni e valorizzando l’immenso patrimonio della Puglia. ”

Ecco forse è questa la vera amara notizia che ci rimane alla fine: a Matera si arriva benissimo dal versante pugliese grazie alla Regione Puglia, mentre abbiamo ed avremo anche nel 2019 un tratturo che collega la Basentana alla Capitale europea della cultura.