Ormai è diventata una barzelletta di livello europeo. Matera, capitale della cultura 2019, non ha un teatro dotato di comfort e riqualificato dove far svolgere gli spettacoli, nonostante manchino sei mesi alla cerimonia inaugurale del 19 gennaio 2019. Di passi avanti non ne sono stati fatti. Anzi, a cominciare dalla vicenda delle trattative per l’acquisto e la ristrutturazione del cineteatro Duni.

Responsabilità tante. Ma da nessuno sentiamo recitare un doveroso ‘’mea culpa’’ a cominciare da quei politici cittadini, che nella campagna elettorale per le comunali di tre anni fa, avevano lasciato intravedere o illuso che sette milioni di euro potessero andare per l’acquisto del cineteatro Duni.

Niente di più inesatto, ma alla lunga i nodi vengono al pettine. E così alla disponibilità del Comune ad acquistare il vecchio teatro, in base alla stima dell’Agenzia del Demanio di un anno fa, non corrisponde alcun stanziamento della Regione per la eventuale ristrutturazione e tantomeno di una parte della proprietà a favorire questo percorso. E si citano carte, verbali, diffide e via elencando. Il consigliere di Forza Italia, Eustachio Di Lena, nella interrogazione che riportiamo di seguito esprime non poche perplessità sulla vicenda, chiedendo al sindaco Raffaele De Ruggieri e a diversi referenti dell’Amministrazione comunale di dire le cose come stanno.

Nel frattempo si attendono sviluppi da altre situazioni come l’aggiudicazione dei lavori di allestimento per 9,8 milioni di euro per la Cava del Sole, dove verrebbe ospitata una struttura amovibile e da smantellare nel 2020. Non si sa più nulla o quasi sul progetto di un teatro tenda da parte di privati e sui lavori fermi per vari motivi, al cineteatro Kennedy o al Borgo La Martella. Le risposte nella prossima seduta del consiglio comunale e,forse, con la presenza del nuovo assessore ai Lavori Pubblici.

Michele Casino (Forza Italia), eletto alla Camera dei Deputati il 4 marzo scorso, non è stato più rimpiazzato. A quanto pare toccherà a un esponente del Pd, vista la disgregazione di quella coalizione trasversale che tre anni fa aveva portato alla elezione del sindaco De Ruggieri.

AL SIG. Sindaco di Matera , Avv. Raffaello De Ruggieri
al Segretario Generale del Comune di Matera
al Collegio dei revisori del Comune di Matera
al Dirigente comunale del patrimonio del Comune di Matera
all’Ufficio legale del Comune di Matera

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA E ORALE

Il sottoscritto Consigliere comunale Eustachio Di lena,
chiede al Sig. Sindaco di Matera avv. De Ruggieri che riferisca in aula alla prossima riunione consiliare ,indicando da subito i termini per la invocata risposta scritta, sui seguenti argomenti:

premesso che

 e’ ripetutamente apparsa sui giornali la notizia che il Comune di Matera starebbe trattando l’acquisto del Teatro Duni ;
 in proposito sono emerse sulla stampa notizie dalle quali risulterebbe che la trattativa e’ stata intrapresa con il precedente liquidatore della teatro Duni srl , rag. Carmerlino Scalise già dimissionario da oltre un anno e recentemente revocato definitivamente dai soci della società E.R.TEATRO DUNI SRL proprietaria del teatro , nell’assemblea dei del 20 marzo 2018, con la quale sono stati nominati liquidatori due commercialisti in Matera ( Luigi Morelli e Antonio Gemma ) ;
 la vendita avverrebbe in una condizione particolare dato che esisterebbe una deliberazione di soci della E.R.TEATRODUNI SRL che nell’assemblea del 1 aprile 2017 hanno rifiutato ufficialmente ed all’unanimità l’offerta di acquisto del comune per 3.4 milioni di euro;
 esisterebbe una richiesta di accesso agli atti Comunali datata 3 giugno 2017 a firma dall’avv. Claudio La Russa di Roma , legale della NAVONA SRL , socia e conduttrice del Teatro Duni;

si chiede
al Sindaco De Ruggieri che venga relazionato:

– sulla legittimità di tale trattativa con particolare attenzione alla indagine del reale interesse del Comune e della legittimazione del liquidatore revocato della E.R. Teatro Duni, rag. Carmelino Scalise , a trattare e concludere malgrado il voto contrario dei soci della societa’ e nonostante la sua revoca;

– sugli accertamenti circa la titolarita’ della proprietà dell’immobile ;

– di chiarire se è vero o meno che il Comune sta trattando con la società E.R.TEATRO DUNI
SRL che sarebbe sottoposta a procedura prefallimentare;

Tutto questo in quanto il comune di Matera come pubblica amministrazione deve mantenere saldi i principi di legalità e di correttezza nello svolgimento della sua attività anche laddove si produca in atti contrattuali pubblici ma di natura privatistica ed al fine di fugare ogni dubbio circa la possibilità di procedure ed atti negoziali invalidi ovvero illegittimi.

Infine si invita il Sindaco a riferire circa la scadenza della richiesta di ACCESSO AGLI ATTI PUBBLICI DEL COMUNE DI MATERA da parte dell’avvocato Claudio Larussa che prevede che il Comune entro 10 giorni debba indicare alla controparte il nome del responsabile della richiesta ed entro 30 giorni debba fornire gli ATTI richiesti .

Matera,13/06/2013
DISTINTI SALUTI

Arch. Eustachio Di lena
Consigliere comunale lista FORZA MATERA