Ma che bella città. Non si conoscono ancora ufficialmente i contenuti e il programma del Carnevale di Matera 2018, e nè tantomeno le somme stanziate, e già ci siamo con le polemiche, dopo la riunione fatta martedì pomeriggio in Municipio alla vigilia della festa iniziale di  Sant’ Antonio Abate. Avremmo preferito che l’Amministrazione comunale avesse pubblicizzato la cosa, con una nota finale, dopo l’esperienza defatigante e con in tempi che sappiamo del cartellone natalizio. Ma finora nulla. Perchè? Dimenticanza collettiva o altro? E, invece, il giorno dopo registriamo l’apprezzamento del Consorzio Albergatori e dell’Associazione dei B&B sulla proposta del Comune, pur evidenziando che le cose vanno fatte per tempo e che non ci siano strumentalizzazioni. Sull’argomento interviene il responsabile provinciale dei Verdi, Giovanni Angelino, che cita la presa di posizione del segretario cittadino del Pd Cosimo Muscaridola, invitando il sindaco a maggiore trasparenza tanto più- come osserva l’esponente del Sole che ride- il primo cittadino è stato sempre contrario agli eventi ludici. Perplessità anche sull’affidamento a un comitato di vagliare le proposte delle associazioni, con tempi ristretti : entro il 22 gennaio. Un antico detto popolare ripete che la ”gatta per la fretta fece i figli ciechi” , come accaduto (purtroppo per la città) nel caso di alcune opere pubbliche appaltate e bloccate per alcuni limiti progettuali. Non facciamo carnevalate . Del resto siamo in Quaresima sia per le conflittualità evidente nel governissimo cittadino e sia per quanto si sta prospettando, a suon di colpi bassi, per le elezioni politiche. Altri tempi quelli del Carnevale organizzato da Trm con la questua tv animata e condotta dal cuore di Matera, Franceschino Santantonio, con le matinate della buonanima di Peppino Persia e le ironie di un funambolico Akuna Matata,impersonato dall’ottimo Donato Loparco. Era la Matera che aveva la ”cap o ‘sciuc”, la testa al gioco…Oggi c’è poco da ridere : il piatto piange e quanti non si siedono al tavolo carnascialesco , perchè non invitati possono presentare il conto. Carnevale o Quaresima? Fate voi…

LA NOTA DEL CAM E DELL’ASSOCIAZIONE b&b

COMUNICATO STAMPA

Il Consorzio Albergatori e l’Associazione dei B&B di Matera esprimono apprezzamento per la proposta del Comune di organizzare una grande manifestazione per il Carnevale 2018 e renderla un appuntamento fisso.

Si tratta di un positivo esempio di coinvolgimento delle associazioni di categoria e di volontariato della città, opportunamente ascoltate prima di annunciarne l’organizzazione, che coinvolgerà le stesse in modo attivo e proattivo.

Un inizio d’anno promettente, insomma, sul piano del metodo e anche della promozione di eventi destagionalizzanti, più volte invocati a gran voce dagli operatori del settore ricettivo.

Certo, prossimamente occorrerà lavorare d’anticipo sui tempi di organizzazione, ma riteniamo non sia il caso di strumentalizzare politicamente questa vicenda – come apprendiamo dalla stampa – e, come sempre, ci siamo già rimboccati le maniche per la città e per la riuscita di questa iniziativa. Come non abbiamo mai smesso di fare.

Matera, 17 gennaio 2018

LA NOTA DEI VERDI

Comunicato stampa

Angelino: il Carnevale nei Sassi di Matera va programmato e non improvvisato

Predicare bene ma razzolare male. L’Amministrazione Comunale di Matera guidata dal sindaco De Ruggieri continua a stupire in negativo e fa di tutto per perdere quel briciolo di credibilità che aveva provato a recuperare dopo l’ingresso di esponenti di centrosinistra nel cosiddetto Governissimo. Credo che sia doveroso da questo punto di vista sottolineare la nota del segretario del PD Matera Cosimo Muscaridola che ha criticato il metodo con cui il sindaco De Ruggieri ha deciso di dare via libera al Carnevale nei Sassi di Matera. E’ questo il PD che apprezzo e con il quale vogliamo lavorare per il bene del nostro territorio. Anche i Verdi non sono contrari al Carnevale nei Sassi di Matera ma quando ci sono dei fondi pubblici da utilizzare è doveroso da parte di un’Amministrazione, in questo caso il Comune di Matera, garantire la trasparenza degli atti e la più ampia partecipazione dei soggetti coinvolti. Purtroppo ancora una volta il sindaco De Ruggieri si è trovato con le spalle al muro e sebbene non si conosce ancora la cifra che sarà stanziata per il Carnevale nei Sassi di Matera perché ogni provvedimento deve essere approvato dalla giunta vorremmo capire perché il sindaco De Ruggieri, da sempre contrario agli eventi ludici, adesso improvvisamente decide di cambiare idea per favorire probabilmente qualche amico di bottega. Il comitato che si occuperà di gestire questo Carnevale nei Sassi sarà pure lontano dalle logiche dei partiti ma intanto qualcuno gli ha affidato il compito di operare in sintonia con l’Amministrazione Comunale e potrà quindi decidere se accettare o meno le richieste che arriveranno entro il prossimo 22 gennaio al sito del Comune di Matera. Siamo ancora una volta di fronte ad un evento improvvisato, tenuto conto che martedì grasso cade il prossimo 13 febbraio ma per l’Amministrazione Comunale va bene così, anche se il sindaco De Ruggieri non ha mai mostrato grande entusiasmo per eventi di questo genere. Eppure, chissà perché, per il Carnevale nei Sassi di Matera il sindaco ha cambiato idea. Ben vengano iniziative di questo genere ma vanno programmate e soprattutto occorre garantire la più ampia partecipazione attraverso un bando pubblico. Tutto questo non è avvenuto e il metodo utilizzato non ci piace affatto. Pertanto invito il sindaco di Matera a riflettere sulle modalità con cui si organizzano questi eventi perché la città dei Sassi, alla vigilia del 2019, non può improvvisare ma deve programmare seriamente se vuole presentarsi al mondo da capitale europea della cultura.

Giovanni Angelino, responsabile provinciale Verdi