…In Paradiso, davanti a San Pietro, e in via Ridola sede del movimento APPeppino, dove è stato fatto lo spoglio del voto on line dal sito www. jimmyilfenomeno.it per le ” Pappagallarie”, che hanno selezionato i candidati per le elezioni regionali in Basilicata, è successa una mezza rivoluzione. I votanti hanno scelto il probabile candidato presidente, e quelli che saranno in lista, puntando sulla tradizione e sull’innovazione tanto creare interrogativi ma anche commenti tra i più disparati e preoccupazioni nelle altre coalizioni. La scelta di Eustachio Lasartascin, che porta il nome del Santo Patrono guerriero di Matera, e il cognome soprannome ( padella, ovarola in dialetto) legato alla tradizione culinaria delle uova du povridd o arrappate ha scatenato, come era immaginabile, entusiasmo e consenso per la scelta di campanile, visto che i voti sono venuti anche dai materani all’estero che giustificano la platea della primarie dei 324.612 aventi diritto. Ma allo stesso tempo hanno destato preoccupazione nei partiti tradizionali, dal Pd a Forza Italia, che sono alla ricerca di candidature vincenti. Preoccupazione per il campanilismo, qualunquismo vaffaista pentastellato e della deriva sovranista leghista che la designazione della ‘’Pappagallarie’ potrebbe ingenerare perché uno vale uno e i pacchetti mariologi, marcellisti, salvatoregni ,cosiministi e via capa di mellonando così come stanno potrebbero servire solo per il ballo zecchiniano del Moscerino. Naturalmente nella sede di APPeppino sono tutti contenti per l’exploit delle Primarie , dove lo spoglio si è concluso allo scoccare del richiamo domenicale al desco famigliare : ‘’ Peppino, Vito, Michele, Franco, Antonella, Paolooo, Stacchioooo…. Posso calare la pastaaa?’’. E Stacchio Grieco, responsabile piani quinquennali del movimento della chiave da 16, è stato quello che è più ha apprezzato il voto plebiscitario verso un candidato di nome Eustachio e verso altri come Teopista (moglie di Sant’Eustachio e in dialetto Teapust) Senza C’Libr e altri, della stessa gens o ‘sckatt(i)m come si dice a Matera Eustachio Balzibbù, Eustachio Quarratidd, Teopista Zumb. Zimb ed Eustachio Senza C’Libbr. Cognomi e soprannomi da neofiti della politica ma dalla identità precisa, anche perché avere dalla propria parte i Santi un certo vantaggio lo dà. Anche se, come ha evidenziato l’avvocato Michele De Rovellis,legale del movimento, bisogna vedere come si comporterà la Santa Sede per l’importanza che nella Patristica ( tutto quanto riguarda lo studio dei Santi)ha in campagna elettorale. E allora si sta studiando di registrare il nome Eustachio, doppia C compresa e i diminutivi Stacchio, Uccio, Eus e composti Mariaeustachia, mariastock e via elencando. La delega femminile, Antonella Presta, per il peso delle pari opportunità vorrebbe associare anche i nomi Bruno e Bruna in modo da rafforzare il peso dei Protettori sulla campagna elettorale. Per Vito L’Evangelista, devoto a Santa Lucia per mestiere e per devozione, la cosa non deve preoccupare più di tanto e pensa di alla campagna di marketing con la campagna ‘’un pappagallo in ogni casa’’ con tanto di caggiola…contenitori bisex come da immagine di copertina, per comitive e turisti e naturalmente del doppio logo APPeppino (la chiave da 16) e del Logo Lego 2019. Una intuizione geniale che Paolo Grillaio farà produrre a prezzi stracciati a Cuba, mentre un altro Eustachio l’editore ‘’Uccio’’ Altezza (a causa del correttore ortografico di Windows) preparerà una elegante brochure. L’associazione urologi del Sasso si è calata a pesce, anzi a pappagallo, sull’operazione associando una campagna gratuita di controlli e cure termali. Anche l’associazione Piante officinali della Murgia, che produce la ‘’spaccapietre’’ anticalcolosi renali e uretrali, finanzierà la campagna elettorale per le regionali di APPeppino. E il lider Pino Sigillino, dopo aver posato nei giorni scorsi con un manifesto originale di Fidel della collezione mottiana, è al lavoro con un programma improntato su tre ‘’P’’…Pane, Politica e Pappagallo. La cerimonia e la presentazione inaugurale di candidati e programma il 16 (la chiave di APPeppino) dicembre 2018. Naturalmente uova alla Sartsc(i)n per tutti…