Con gli occhi all’insù nel Cosmo ma con i piedi ben piantati per terra e,in particolare,a Matera nel centro di geodesia spaziale ” Giuseppe Colombo” di contrada Terlecchia. Il programma satellitare Edrs troverà nella Città dei Sassi un ulteriore sviluppo con la realizzazione di una stazione di terra ( MUGS) per il sistema europeo di trasmissione dati (EDRS) con il programma Copernicus. A realizzarlo saranno e-GEOS, una società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%), e l’operatore satellitare SES. La struttura sarà pronta per il 2019 ed è un vanto, lo ribadiamo, per tutta la regione, salvo il notorio strabismo che avviene periodicamente quando si tratta di altre cose, fatte da altre strutture di ricerca ,aldilà del versante potentino del fiume Basento. E questo capita quando non si hanno i piedi per terra o non si conoscono a fondo le diverse realtà che operano nei settori dell’osservazione spaziale, della terra o del sottosuolo.

LA NOTA DI TELESPAZIO

Programma satellitare EDRS: e-GEOS e SES realizzeranno a Matera una stazione di terra

La nuova infrastruttura dell’European Data Relay System migliorerà i sistemi di raccolta dei dati di osservazione satellitare della Terra in Europa

Roma, marzo 2018 – e-GEOS, una società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%), e l’operatore satellitare SES realizzeranno a Matera una stazione di terra (MUGS: Matera User Ground Station) per il sistema europeo di trasmissione dati EDRS (European Data Relay System). La nuova infrastruttura riceverà, elaborerà e distribuirà i dati provenienti dal segmento spaziale dell’EDRS e sarà utilizzata dal programma europeo di osservazione della Terra Copernicus per rendere più veloce la ricezione delle informazioni per la gestione delle aree urbane, la salvaguardia dell’ambiente, l’agricoltura, la salute e le attività di protezione civile.

EDRS è un sistema ottico per le comunicazioni che consente, in Europa, la trasmissione di dati in tempo quasi-reale da satelliti in orbita bassa attraverso i satelliti geostazionari EDRS-A e EDRS-C. Il programma è una partnership pubblico-privata tra l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e Airbus, nell’ambito del programma ARTES (Advanced Research in TElecommunications Systems) dell’ESA.

Il progetto di costruzione della stazione di Matera, gestito da ESA, sarà guidato da e-GEOS in qualità di primo contraente, in stretta collaborazione con SES, che è stata selezionata per progettare, consegnare e testare l’infrastruttura, e Airbus, che realizzerà il centro di raccolta e stoccaggio dei dati.

La nuova stazione sarà installata e integrata presso il Centro di Geodesia dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) all’interno del Polo spaziale di Matera, che da oltre vent’anni fornisce con e-GEOS servizi e soluzioni di geo-informazione. Una volta completata, la proprietà e la gestione della stazione, operativa dalla seconda metà del 2019, saranno trasferiti dall’ESA all’ASI.

“La stazione di Matera permetterà al sistema EDRS di fornire un servizio in tempo quasi-reale di trasmissione dati da satelliti in orbita bassa, consentendo all’ASI di sviluppare applicazioni per il monitoraggio del nostro Pianeta grazie alle Sentinelle del programma Copernicus.” – ha dichiarato Bruno Versini, Chief Operation Officer di e-GEOS. “Un risultato importante, che nasce dall’unione tra le nostra capacità di operatore del segmento di terra e di leader nell’integrazione tecnologica, e dall’esperienza ingegneristica dei nostri partner.”

“Siamo lieti di essere stati scelti come partner tecnologico in un progetto così importante. Attraverso la collaborazione con e-GEOS, leader globale nel campo dei servizi e delle applicazioni geospaziali, potremo contribuire al miglioramento dei sistemi di raccolta dati per l’osservazione della Terra in tutta Europa”, ha dichiarato Steve Collar, CEO di SES Networks.

e-GEOS, azienda leader nel settore della geoinformazione, può vantare oltre due decenni di esperienza nella fornitura di soluzioni per il Centro Spaziale di Matera, in particolare nella gestione dei satelliti Sentinel del programma europeo Copernicus. La Matera User Ground Station del sistema EDRS sarà in grado di elaborare e trasmettere i flussi di dati provenienti dai satelliti Sentinel-1 e Sentinel-2 di Copernicus, che saranno inoltrati alla stazione di terra dal segmento spaziale dell’EDRS. La stazione sarà equipaggiata con un’antenna di sola ricezione in banda Ka.