Anche quest’anno l’ Associazione Sportiva Dilettantistica “Dimensione Danza Giselle” di Potenza concluderà l’Anno Accademico 2016/2017 con il Saggio-Spettacolo che si terrà domenica 18 giugno 2017, alle ore 18.30, al Teatro Due Torri.

Il programma prevede nella prima parte, Immagini d’autore, un incontro tra l’arte della danza e l’arte pittorica.

Questa sezione, dedicata alla tecnica classica accademica, è un omaggio al pittore Edgar Degas (1834-1917) esponente dell’impressionismo che, a cento anni dalla sua morte, rivive con tutto il suo romanticismo dando vita e movimento ad immagini immortali. Degas è riuscito a dare forma ai suoi capolavori con giochi di luce e sfumature di colori, rendendo meraviglioso il mondo della danza e, in particolare, ritraendo le ballerine di danza classica, non solo impegnate sul palcoscenico, ma anche durante le lezioni, le fasi di preparazione, le pause delle prove e pause dietro le quinte di uno spettacolo.
L’effetto di un quadro in movimento, verrà composto e animato dai corsi propedeutici e regolari curati e coreografati da Marisa Tramutola su musiche di Holger Simon Paulli, Chopin, Pirre Rodes.

Nella seconda parte, dedicata al repertorio del balletto classico, andrà in scena La Fille Mal Gardée su musiche di Ferdinand Herold, andato in scena per la prima volta a Bordeaux nel 1789.

Il Centro “Dimensione Danza Giselle”, con le coreografie liberamente create e rielaborate da Marisa Tramutola, presenterà la storia ironica e divertente della bella e giovane Lise che, segretamente innamorata di Colas, giovane affascinante e bello, dovrà nascondersi da sua madre, la vedova Simone che osteggia l’amore tra i due giovani. Mamma Simone, infatti, vorrebbe dare in sposa la figlia Lise al ricco ma ingenuo Alain, figlio del barone Thomas, in cambio di una cospicua dote. Trionferà l’amore che, dopo tutto “non si compra e non si comanda!”

Infine, la terza parte dedicata alla danza moderna, contemporanea e Hip-hop con La ballerina cosmica, tratto dall’omonimo libro della scrittrice Linda Ferri, che narra la storia di “Pepita che vuole fare la ballerina ma, senza le scarpette che imprigionano i piedi. Vuole diventare una ‘ballerina cosmica’, dondolandosi a testa in giù da una stella e sollevarsi in volo appesa a una nuvola.”
Sulle musiche di vari artisti, si esibiranno i corsi di Hip-Hop curati da Peppe D’Andrizza e i corsi di modern contemporary curati da Giusy Carella.

Con questo spettacolo finale”, dice Marisa Tramutola, direttrice del Centro Dimensione Danza Giselle, “vogliamo esprimere al massimo il lavoro svolto durante l’anno, continuando a perseguire il nostro obiettivo che, da sempre, è quello di trasmettere la disciplina della danza, non solo come forma artistica ma anche come strumento di educazione per la formazione della persona, verso una crescita culturale per sé e per gli altri. Inoltre, continuiamo a formare anche professionisti della danza, sia come ballerini, sia come insegnanti. Anche quest’anno, vedremo sul palco la presenza di alcuni ex allievi che continuano a studiare in scuole professionali fuori regione, prova di una forte disciplina e dedizione, appresa sin da piccoli.”