Mostre, camminate, videoart e una passione, quella dell’arte di vivere una vita che vale’’, come riporta il sottotitolo del progetto Mater@Mythos, che rafforza il rapporto tra Matera i centri della Basilicata e l’appuntamento con Matera capitale europea della cultura per il 2019. Un legame legato a un ‘’viaggio nel cuore della vita’’ tra le bellezze di una regione, che ha testimonianze e attrattive storico culturali da preservare e per ricordarlo al Circolo La Scaletta guardano al futuro in continuità con il passato. Visto che 50 anni fa il benemerito sodalizio ottenne il premio nazionale IN/Arch bandito dall’Istituto nazionale di architettura per l’impegno speso per la valorizzazione delle chiese rupestri e del patrimonio artistico e archeologico del capoluogo.

E’ dedicato alla figura carismatica di Bruno Zevi, fondatore dell’ IN/ARCH, Istituto Nazionale di Architettura, il primo appuntamento dell’evento emozionale Mater@ Mythos, inaugurata il 12 novembre ore 18.00, presso il Circolo La Scaletta, via Sette Dolori, 10. L’architetto viene ricordato attraverso una mostra/convegno intitolata “Bruno Zevi e l’Amore per Matera: l’Armonia dell’Architettura per l’Armonia dei Comportamenti”, che ripercorre l’evoluzione dell’architettura della città dei Sassi.

L’esposizione, composta da 19 pannelli con testi, fotografie e planimetrie, è ispirata al saggio “Strade di Matera” di Massimo Locci, componente del Consiglio direttivo IN/ARCH, che parteciperà all’iniziativa insieme a Francesco Orofino vicepresidente IN/ARCH, Beatrice Fumarola, coordinatrice segreteria nazionale IN/ARCH, Francesco Gioia, presidente Ordine Architetti di Matera, Raffaello De Ruggieri, sindaco di Matera, Ivan Focaccia, presidente del Circolo La Scaletta e Tomangelo Cappelli, coordinatore regionale dell’ evento Mater@ Mythos.

meeting

Nel corso dell’evento sarà ricordato anche il prestigioso premio che nel 1966 l’IN/ARCH, allora presieduto da Bruno Zevi, conferì al Circolo La Scaletta per l’impegno profuso nella conservazione e la valorizzazione del patrimonio architettonico. L’incontro offrirà l’occasione per lanciare alcune proposte concrete finalizzate alla valorizzazione del Patrimonio Culturale e Architettonico della Basilicata, a sostegno di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. L’evento Mater@ Mythos intende promuovere, grazie al protocollo d’intesa tra Regione Basilicata, IN/ARCH Istituto Nazionale di Architettura e MiBACT, un modello eticosostenibile di sviluppo sociale ed economico che puntando su creatività, tradizione e innovazione vuole investire sui giovani, per favorire l’occupazione e promuovere l’Armonia dei Comportamenti attraverso l’Armonia dell’Arte e dell’Architettura.

Gli appuntamenti proseguono venerdì 13 novembre,con la visita dei rappresentanti dell’INARCH al Ponte Musmeci della città di Potenza, insieme ai rappresentanti istituzionali del capoluogo. L’obiettivo della tappa potentina è l’inserimento degli interventi di restauro e valorizzazione dell’opera, tra le priorità nella programmazione regionale 2014/2020 e l’avvio delle procedure di inserimento del Ponte nella lista del Patrimonio Mondiale Unesco.
Domenica 15 novembre è in programma l’arrivo a Matera della prima tappa del “Cammino per una vita che vale”. L’iniziativa, promossa dall’associazione “La Compagnia del Leone”, partirà l’11 novembre da Lauria ( Pz), scelta in quanto capofila dell’ Unione dei Comuni del Lagonegrese, per concludersi presso il Circolo La Scaletta., dove sarà proiettato il video-art “Viaggio al cuore della Vita” con Michele Placido e Katia Ricciarelli.

immagine_mater@mythos

Il percorso intende rilanciare concretamente un modello di programmazione turistica, che attraverso un viaggio emozionale ed ecosostenibile, possa mettere in sinergia Matera Capitale della Cultura 2019 con tutti i borghi lucani.
L’evento Mater@ Mythos si concluderà il 3 dicembre 2015, presso Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci, dove sarà allestita una mostra interattiva sul patrimonio rupestre. L’iniziativa è parte del Progetto Interregionale di Sviluppo Turistico “Itinerari interregionali tra siti e villaggi del patrimonio della civiltà rupestre” di Puglia e Basilicata, che ha come obiettivo la promozione di un’offerta turistica integrata delle due regioni.

Nel complesso rupestre gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado di Matera, attraverso un allestimento dinamico e interattivo, in un’atmosfera totalmente immersiva, con l’ausilio di foto, virtual tour, installazioni multimediali e giochi interattivi, potranno scoprire le eccellenze artistiche e culturali di Puglia e Basilicata. La mostra interattiva è a cura della RTI Iris – Space- Profin Service.

L’iniziativa è promossa dall’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici della Regione Basilicata, in collaborazione con Regione Puglia, Comune di Matera, Fondazione Basilicata Matera 2019, INARCH, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Associazioni studentesche, UNIBAS, Circolo culturale “La Scaletta”, Istituto Comprensivo “G.Pascoli”, Istituto d’istruzione secondaria “I. Morra”, Comitato Festa della Bruna, Oltre l’Arte, Centro Europeo di Drammaturgia della Provincia di Potenza, Camera di Commercio di Matera e Confesercenti Matera.

Un percorso da vedere e da seguire fino in fondo nel segno di Mater@Mythos.