Venerdì 7 agosto, alle ore 19.30, presso il chiostro dell’ex ospedale San Rocco, “Altrimedia Edizioni” presenterà il libro di Sergio FadiniA Matera si va, si torna, si resta”.

Interverranno l’autore, il giornalista Filippo Radogna e l’editore Vito Epifania.

Presentazione_Fadini

Sergio Fadini è un materano per scelta, non per nascita. Dei materani sembra aver introitato la capacità di scavo, di ricerca paziente, di raccolta e conservazione, di lenta e precisa conquista degli spazi e dei tempi, dei modi e delle forme. Quasi come avesse avuto Matera già nel Dna prima che nel cuore, un patrimonio che riversa nelle pagine di questo libro fatto di storie e luoghi, immagini e persone, indicazioni utili per il turista, incontri da ricordare e narrare per diletto. Il tutto proposto con garbo e ironia, scrupolo del dettaglio, con dati e numeri, ma soprattutto amore sconfinato per questa città.

La città in cui rivivere il proprio sogno caparbio che non gli dava pace: creare un posto dove il viaggiatore potesse dormire e far colazione la mattina, come se fosse a casa sua. Anzi meglio…

anteprime_fadini

Una quarta di copertina – sottolinea l’editore Vito Epifania – che riporta al lettore la giusta dimensione, di passione e di precisione, con le quali l’autore racconta questo suo progetto di vita e di cultura. Una narrazione di cui abbiamo apprezzato la freschezza, lo stile spontaneo e curato, ma soprattutto le provocazioni su temi a noi particolarmente cari quali gli impatti del turismo nel sud e il valore di un turismo responsabile per un territorio impegnato nella sfida epocale del 2019. In questo momento di risveglio e di slancio verso orizzonti importanti, abbiamo la responsabilità di interrogarci sul tipo di scelte da compiere, sulla loro qualità e sulla loro sostenibilità.”

Il libro “A Matera si va, si torna, si resta” inaugura la nuova collana “Paesaggi Raccontati” che nasce sulla scia dell’omonimo progetto dedicato alla narrazione dei territori che Diotima, società proprietaria del marchio Altrimedia Edizioni, ha realizzato assieme ad altri partner di livello internazionale, con l’intento di narrare i territori attraverso diverse tecniche narrative: scrittura, ma anche tecniche pittoriche ispirate ai carnet des voyages, foto e video-reportage.

anteprime_fadini3

La collana intende proporre testi innovativi, dove la narrazione dei luoghi non è solo descrittiva ma si imbeve di storie, di racconti, di gente.

Ogni paesaggio ha un’anima, questi racconti la colgono nei dettagli, nel panorama di sfondo, nei siti che lo caratterizzano, nei percorsi segnati e in quelli nascosti, nei cartelli e nei monumenti, nella natura che lo colora e persino nelle ferite che lo avviliscono. Nelle storie che s’intrecciano, incuriosiscono e stupiscono e – a volte, ma non di rado – lasciano senza fiato.

Per una visita che dia l’opportunità di tornare a casa con un bagaglio nuovo e colmo, c’è bisogno anche di una guida, di qualcuno che accompagni discreto perché sa dove andare, indichi le strade e i posti che ha già conosciuto nei particolari e sa come trasmetterli.

Queste pagine hanno proprio questo compito: aiutare uno sguardo diverso, indicare i momenti e i posti che non puoi perdere, e farlo con la semplicità e insieme la cura, l’accortezza e la passione di chi sa che raccontando una storia, raccontando le storie, si apre un sentiero.

E ti viene solo la voglia di ritornarci un’altra volta ancora…

 

 Per conoscere meglio l’autore…ecco come si presenta nel suo blog:

“Sono Sergio Fadini, Consulente e Formatore turistico, esperto di turismo responsabile. Ora anche professore (a contratto) di sociologia presso l’Università della Basilicata.

Saggista e scrittore nel tempo libero.

Responsabile Ospitalità Italia per l’Ass. Italiana Turismo Responsabile (AITR) e fondatore del progetto “il Vagabondo”, il più longevo progetto di turismo responsabile nel Sud Italia, cui collaboro alacramente.www.ilvagabondo.org Da qui il mio nickname che mi accompagna oramai da 18 anni.

Studi

Dottore di ricerca presso l’Università della Calabria; studi sul tema del turismo responsabile ai tempi della globalizzazione.

Di cosa mi occupo

Gestisco un B&B (l’abbabbio nei Sassi) a Matera.

Faccio consulenze e formazione sui temi del turismo e delle comunità locali, su richiesta di enti pubblici e privati.

Ideo e coordino progetti e format di  marketing territoriale, come il progetto internazionale di marketing territoriale Paesaggi Lucani.

Organizzo corsi di scrittura creativa sul tema del viaggio per grandi e piccini.

Una descrizione di me

La miglior descrizione di me l’ha scritta Gloria Civardi, valente scrittrice e disegnatrice che ho conosciuto a Matera, durante la Scuola del viaggio. Recita così:

Lui ha lo sguardo chiaro, vestito di malinconia lontana.

Sorriso allegro, e qualche spruzzo di sale sul mento.

Due piccole rughe verticali gli si disegnano fra le sopracciglia inseguendo un pensiero, e una vena leggera, appena visibile sottopelle, risale la fronte quasi al centro.

Le labbra morbide si delineano a tratti concentrate sull’ovale regolare del viso.

La voce della cadenza rallentata, un po’ trascinata, mette a proprio agio.

Quello che esprime, è una capacità di cogliere il lato leggero delle cose senza tuttavia negarne la profondità.

L’andatura fa il paio con il piacere di godersi la vita assaporandone gli attimi uno ad uno. Vagabondando.

Da solo o con chi l’accompagna.

Entrando in relazione con essi, dando loro importanza.

Stando dentro ciascuno per il tempo che merita.

Senza congedarli troppo in fretta ma senza nemmeno trattenerli.

Accettando semplicemente.

Un esserci che lascia liberi di essere.

Il modo migliore di esserci.