SABATO 11 AGOSTO 2018

ore 21.30

Piazza Aldo Moro

Grottole (MT)

PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE

a cura di IAC

con: Mustafa Ahmed, Blessing Akuetie, Amadou Barry, Nadia Casamassima, Maurizio Cicchetti, Annamaria D’adamo, Assuma Dtata, Joseph Geoffriau, Flora Ihiane, Mutar Jallow, Jennifer Jhon, Josiah Kpehe, Ousman Manjang, Fallou Nias, Rizq Salah, Andrea Santantonio, Bubacar Sambou, Alì Sohna, Franky Jerry Tchagou

Nella piazza di un piccolo paese, una compagnia teatrale si prepara a mettere in scena uno spettacolo ma le prove vengono interrotte dall’arrivo di un gruppo di ragazzi e ragazze che chiedono di raccontare le proprie storie.

Come dei personaggi, a cui l’autore ha dato vita ma non la possibilità di esistere, gli ospiti di questa storia portano con sé la memoria della propria terra di origine: l’Africa e ne raccontano le atmosfere e le vicende lontane e vicine.

C’è una condizione di impotenza sociale ancora più forte e bruciante, di evidente ingiustizia. Ci sono bambini, ragazzi e adulti con vite da romanzo, e nessuna voce in capitolo, letteralmente implosi fra il vortice di vicende nelle quali sono immersi e l’impossibilità di racconto. È il paradosso degli stranieri e dei loro figli, che vivono una situazione complementare a quella degli italiani, ma con lo stesso silenzio sociale: biografie molto dense, ingenti patrimoni di esperienze e di avventura, mancanza delle parole o dello spazio sociale per condividere tutto questo.

Lo spettacolo nasce da un laboratorio teatrale inserito nel progetto Building my Stage, finalizzato all’acquisizione di competenze nell’ambito dello spettacolo dal vivo e dedicato ai minori non accompagnati ospiti delle comunità lucane di Salandra, Nova Siri e Sant’Arcangelo.

Tra ottobre 2017 e maggio 2018, IAC ha incontrato i ragazzi e le ragazze provenienti da Senegal, Gambia, Guinea, Nigeria,Somalia, Mali, Egitto, Camerun, Liberia per far emergere storie della tradizione africana e vissuti personali con l’intento di avvicinare gli abitanti locali alle storie e alla cultura dei migranti.

Lo spettacolo è stato messo in scena a Sant’Arcangelo, Matera, Salandra e Nova Siri.

IAC Centro Arti Integrate si occupa di promozione e produzione teatrale legata al teatro d’arte sociale.

Dal 2016 in collaborazione con l’Associazione Tolbà e la coop. soc. Il Sicomoro, si occupa di guidare percorsi di formazione teatrale dedicata ai minori migranti.

La Cooperativa Sociale Il Sicomoro nasce a Matera nel 2002. Ha uno scopo mutualistico e come oggetto attività socio-sanitarie ed educative suddivise per le aree: minori, adolescenti, giovani; anziani; migranti e rifugiati politici; disabili e pazienti psichiatrici; nuove povertà; lotta alle dipendenze. L’impegno della Cooperativa, in diversi comuni della Basilicata, è quello di conciliare cultura e inclusione sociale per creare luoghi e metodi in cui l’inclusione diviene un valore che produce cultura e sviluppo.

Il Comune di Grottole ospita lo spettacolo nell’ambito del progetto SPRAR.