Non ne conosciamo i contenuti, per sapere se le diverse aspettative di integrazione o di dimensionamento siano state recepite, ma si tratta di una sicura accelerazione nel percorso di definizione della Zona economica speciale Taranto- Basilicata. La Giunta regionale con delibera n. 605 del 3 luglio 2018 ha adottato il “Piano di Sviluppo Strategico Zes Basilicata a carattere interregionale” finalizzato allo sviluppo della istituzione di una Zes Jonica interregionale di concerto con la Regione Puglia. Il documento. informa una nota della Regione Basilicata. è stato inviato alla competente commissione consiliare e alla Regione Puglia per la prosecuzione dell’iter di approvazione. La cosa anticipa nei tempi la stessa regione Puglia, che di Zes da mettere a punto ne ha due: l’altra è sul versante adriatico. Ma a noi interessa che la cosa vada avanti come del resto auspicato da più parti, a cominciare dal comitato zes lucana 2017 e come emerso durante un recente confronto promosso dalla Cgil territoriale. Soddisfatto l’assessore alle attività produttive della Regione Basilicata , Roberto Cifarelli che opportunamente osserva quanto è stato fatto finora- “Dopo la vana attesa-ha affermato Cifarelli- di ricevere dalla Puglia copiadel Piano Strategico della Zes Jonica interregionale Puglia-Basilicata che fa perno sul porto di Taranto, e dopo ave il nostro ‘Position Paper’ già nello scorso mese di febbraio e poi ancora a maggio, a seguito della concertazione con le parti sociali e con i sindaci interessati, lo scorso 3 luglio abbiamo deciso di adottare in Giunta la parte lucana del più complessivo Piano Strategico per la istituzione della Zes Jonica”. “Abbiamo svolto i nostri ‘compiti a casa’ sempre tenendo conto della tempistica concordata con la Regione Puglia; ma, al fine di accelerare le procedure e pur senza aver mai ricevuto neppure in bozza il Piano Strategico elaborato ed in discussione in Puglia abbiamo rotto gli indugi e adottato in Giunta la sola parte lucana del Piano già in possesso della Regione Puglia. Ciò al fine di consentire alla competente commissione consiliare di esprimere il proprio parere. Resto sempre in attesa di ricevere gli atti pugliesi affinchè vi sia una piena condivisione del lavoro svolto. La Basilicata ha rispettato e rispetterà appieno impegni e scadenze così come eviterà inutili e dannose polemiche. A noi – ha concluso Cifarelli – interessa soltanto che il Piano Strategico della Zes Jonica, importante per lo sviluppo industriale della Basilicata, approdi quanto prima sul tavolo del Ministro per il Sud”. Siamo d’accordo. Settembre tempo di vendemmia per la Zes appulo lucana? E’ auspicabile.