L’occhio vuole la sua parte e nella civiltà dell’immagine da vedere, toccare, sentire (lasciate perdere l’alienante virtuale social 2.0) stimola i cinque sensi e la voglia di coinvolgere e di farsi coinvolgere. Manifestazioni come il Fiati Festival Ferrandina” è tra questi, con un logo e un manifesto dalla grafica pulita e azzeccata. Merito del giovane grafico Tonio D’Aloia, che ha tradotto su carta, segni e colori le indicazioni del direttore aristico Antonio Zizzamia con il contributo ”strumentale” di Rocco Mastrangelo che suonato i classici tre squilli di tromba per focalizzare i luoghi e le atmosfere ferrandinesi. Carta canta e spartito aperto per cinque giorni, dal 25 al 29 luglio,in chiostri, piazze, palazzi per concerti, concorsi, laboratori musicali con dieci formazioni musicali e 1000 musicisti provenienti da varie regioni italiane , senza dimenticare la qualità e la professionalità dei ‘maestri’ individuati per le commissioni . L’obiettivo senza girarci intorno e per far decollare una manifestazione, che rappresenta una evoluzione del raduno delle bande da giro, giunto alla 33^ edizione, è quello di puntare sulla formazione e sulla serietà di tutto quanto si intende mettere in campo utilizzando appieno le potenzialità dei fiati. E su questi e altri aspetti il direttore artistico ha le idee chiare, con la passione di chi oltre a essere legato al territorio sa bene che tradizioni come quelle della bande da giro devono ”innovarsi” e lavorare con serietà per proporsi al pubblico. Un discorso semplice che a Ferrandina pone la prima pietra, come abbiamo sentito nel corso della conferenza stampa – condotta dalla dinamica collega Margherita Agata- e per i diversi aspetti del Festival, dal sindaco di Ferrandina Gennaro Martoccia, dall’ assessore comunale alla Cultura Maria Murante e dal capo di gabinetto della Provincia di Matera, Carmine Lisanti. Tutti pronti a una sfida destinata a diventare un appuntamento fisso e impegnativo sul piano organizzativo, ma che può portare valore aggiunto all’economia locale. Il Festival, infatti, avvia un percorso evolutivo, sulla qualità e sulla formazione, delle bande da giro che rappresentano una peculiarità della tradizione musicale del Mezzogiorno e per contribuire a far conoscere, anche in funzione di Matera 2019 risorse e attrattive delle aree interne della Basilicata.Mille musicisti, turisti, che possono coinvolgere famigliari, amici sull’onda delle note musicali e dei fiati. E con un territorio da conoscere e da recuperare. L’archeologia industriale ”…senza fiati” dell’area della Valbasento con un concerto tra tubi, tube e ottoni o al fischio delle frecce dorate e rosse che transitano alla stazione di Ferrandina- Matera sono altri luoghi da utiizzare, in tempi e modi da definire, per accrescere l’appeal del festival. E poi ci sono i ragazzi con i ”campus” dedicati. Antonio Zizzamia il programma ce l’ha e senz’altro lo metterà in cantiere per il 2019. Un passo alla volta e tutti insieme come ha ricordato, seduto tra il pubblico, il professor Francesco Lisanti, con un contributo tra passato e presente…Nel frattempo non perdetevi e organizzativi per assistere al Festival e godere della ospitalità di Ferrandina e dei ferrandinesi, senza dimenticare la squisita gastronomia locale dalle olive al forno e non solo ai sospiri.

IL PROGRAMMA E GLI OBIETTIVI NELLA NOTA UFFICIALE

Cinque giorni di concerti, trenta ore di musica, dieci formazioni musicali provenienti da sette regioni italiane, laboratori musicali e sfide all’ultima nota.
Dal 25 al 29 luglio, con il Fiati Festival Ferrandina si cambia musica. Il Raduno nazionale delle bande da giro, giunto alla sua 33a edizione, torna con una formula completamente rinnovata. Non più una passerella per complessi bandistici ma un concorso musicale per bande da giro e orchestre di fiati con una giuria di maestri di alto profilo. Presidente sarà Michele Carulli, direttore artistico e musicale” della “Sinfonieorchester Wilde Gungl München”, già clarinetto solista della Scala e dell’Orchestra nazionale Rai. Al suo fianco i maestri Filippo Cangiamila, Alessandro Celardi e Antonella Mazzarulli. E ancora sette master class per fiati e percussioni che vedranno protagonisti circa 120 giovani musicisti. Tradizione, innovazione e formazione sono i tre capisaldi su cui il direttore artistico Antonio Zizzamia ha voluto riformulare la manifestazione.
Tre le bande da giro in concorso: Gran concerto bandistico “Città di Ailano” (direttore Nicola Samale), Gran concerto bandistico “Città di Noci” (Giuseppe Carbonara), Grande Banda del Cilento “Città di Agropoli” (Nicola Pellegrino). In palio oltre ai premi per il 1°, 2° e 3° classificato anche il premio Banda Sinfonica, Banda Operistica e il “Trofeo Banda da Giro” assegnato al complesso che avrà conseguito il punteggio medio più alto in assoluto.
Sei le orchestre di fiati iscritte. In gara nella terza categoria: Banda giovanile unione musicale Ciociaria di Alatri (direttore Luigi Bartolini), Concerto bandistico Città di Montalbano (Giovanni La Colla), Complesso bandistico Città di Pisticci (Mariano Pastore), Complesso bandistico “G.Verdi” Cerenzia-Caccuri di Crotone (Simone Pasculli). Sarà una sfida a due in prima categoria tra l’Orchestra fiati Regionale Fe.Ba.Si. di Acireale (Tralongo e Zito) e la Banda musicale Città di Procida (Francesco Trio). In palio un bonus di 2 mila euro valido per l’acquisto di uno strumento a fiato della linea Adams Brass Instruments. Il primo premio in assoluto “Trofeo Fiati Festival Ferrandina-Orchestra Fiati” verrà assegnato oltre il punteggio di 93,00/100 al complesso che avrà ottenuto il punteggio più alto tra le categorie: 1ª e 3ª.
Il Premio speciale Trofeo Adams (un bonus di 3 mila euro valido per l’acquisto di uno strumento a fiato della linea Adams Brass Instruments) verrà, invece, assegnato nella serata finale del festival al complesso che avrà conseguito il punteggio più alto in assoluto tra tutte le formazioni in competizione, sia tra le orchestre di fiati sia tra le bande da giro.
Due le orchestre fuori concorso: l’Orchestra Fiati Giovanni XXIII di Pianezza che si esibirà, in Piazza Plebiscito, venerdì 27 luglio, alle ore 22.30 e l’Italian Brass Band di San Gregorio di Sassola (Roma). Per la prima volta al sud Italia, la prestigiosa band diretta dal maestro Filippo Cangiamila sarà in concerto a Ferrandina giovedì 26 luglio, alle ore 22.
Diventeranno un’unica grande orchestra gli allievi dei laboratori di clarinetto (maestro Michele Carulli), di flauto (Alessandro Muolo), sassofono (Vito Soranno), brass orchestra (Giuseppe Scarati e Giuseppe Smaldino), percussioni (Nunzio Pietrocola) e esercitazione orchestrale (Antonio Zizzamia). Tutte le classi del Campus Fiati Festival Ferrandina saluteranno il pubblico del “nuovo” Raduno eseguendo in prima assoluta “C’era una volta”, una composizione originale del maestro Damiano D’Ambrosio. La perfetta sintesi del Fiati Festival Ferrandina che guarda al futuro, conservando la tradizione.

Programma Fiati Festival Ferrandina

Mercoledì 25 luglio 2018

• Ore 18:00 Bande in Parata
Convento San Domenico- c.so Vittorio Emanuele- Piazza Plebiscito

Gran Concerto Bandistico Città di Ailano (CE)
Gran Concerto Bandistico Città di Noci (BA)
Grande Banda del Cilento “Città di Agropoli” (SA)

• Ore 19:00 Esecuzione delle tre bande dell’Inno Nazionale Italiano
Piazza Plebiscito

• Ore 19:30: Concorso BANDA DA GIRO prova Sinfonica
Piazza Plebiscito.
Giuria: Michele Carulli (presidente) – Antonella Mazzarulli – Filippo Cangiamila

Gran Concerto Bandistico Città di Ailano (CE), dirige Nicola Hansalik Samale

a) Salix Alba di Michele Raso, arr. Salvatore Farina (brano obbligato)
b) Sinfonia n°8 detta “L’Incompiuta” di Franz Schubert, arr. Nicola Hansalik Samale. (brano a libera scelta)

Gran Concerto Bandistico Città di Noci (BA), dirige Giuseppe Carbonara

a) Salix Alba di Michele Raso, arr. Salvatore Farina (brano obbligato)
b) Sinfonia n°9 in Mi min. “Dal Nuovo Mondo” Op.95 di Antonin Dvorák, arr. Giuseppe Chielli (brano a libera scelta)

Grande Banda del Cilento “Città di Agropoli” (SA), dirige Nicola Pellegrino

a) Salix Alba di Michele Raso, arr. Salvatore Farina (brano obbligato)
b) Boris Godunov (Fantasia sinfonica) di Modest Mussorgsky, arr. G. Pennacchio
(brano a libera scelta)

• Ore 22.00: Concorso “Banda da giro” prova Operistica
Piazza Plebiscito.

Gran Concerto Bandistico Città di Ailano), dirige Nicola H. Samale
I Pagliacci (Selezione) di Ruggero Leoncavallo, arr. di Nicola H. Samale. (brano a libera scelta)

Gran Concerto Bandistico Città di Noci (BA) dirige Giuseppe Carbonara
Il Trovatore (Selezione) di Giuseppe Verdi, arr. di Ernesto Abbate (brano a libera scelta)

Grande Banda del Cilento “Città di Agropoli” (SA), dirige Nicola Pellegrino
La Traviata (Selezione) di Giuseppe Verdi, arr. Domenico Morea (brano a libera scelta)

Al termine delle prove concorsuali saranno assegnati i seguenti premi:
Premio Sezione Sinfonica – Premio Sezione Operistica – Trofeo Banda da Giro 33° Edizione.

Giovedì 26 luglio 2018

• Ore 20.00: Lezione Concerto
Chiostro Convento di San Domenico, calata S. Domenico.

L’evoluzione degli ottoni nella storia
Giuseppe Scarati : Tuba e Serpentone
Giuseppe Smaldino: Conchiglie e Corno

• Ore 22:00 Concerto di Italian Brass Band
Piazza Plebiscito.

San Gregorio di Sassola – Roma
Dirige Filippo Cangiamila

Venerdì 27 luglio 2018

• Ore 21:00 Concorso “Orchestra Fiati”.
Piazza Plebiscito.
Giuria: Michele Carulli (presidente) – Antonella Mazzarulli – Alessandro Celardi

– 3ª Cat. Banda Giovanile Unione Musicale Ciociaria – Alatri (FR), direttore Luigi Bartolini.
a) Abracadabra di Frank Ticheli, ed. Manhattan Beach (brano obbligato)
b) Symphony n°4 for Wind and Percussion di Andrew Boysen (brano a libera scelta)

– 3ª Cat. Concerto Bandistico Città di Montalbano (MT), direttore Giovanni La Colla
a) Abracadabra di Frank Ticheli, ed. Manhattan Beach (brano obbligato)
b) Ministry of Winds – Jacob de Haan (brano a libera scelta)

La premiazione avverrà domenica 29 luglio.

.
Ore 22:30 Concerto
Piazza Plebiscito.

Orchestra Fiati Giovanni XXIII
Pianezza – Torino
Dirige Antonio Zizzamia

Sabato 28 luglio 2018

• Ore 19:00 Concerto dipartimento di Sassofono.
Chiostro Convento di San Domenico, calata S. Domenico.
Vito Soranno (Docente di Sassofono al Conservatorio E.R.Duni di Matera)

• Ore 21: 00 Concorso “Orchestra Fiati”.
Piazza Plebiscito.
Giuria: Michele Carulli (presidente) – Antonella Mazzarulli – Alessandro Celardi

– 3ª Cat. Complesso Bandistico Città di Pisticci (MT), direttore Mariano Pastore
a) Abracadabra di Frank Ticheli, ed. Manhattan Beach (brano obbligato)
b) Festival suite di Andrè Waignein (brano a libera scelta)

– 1ª Cat. Orchestra Fiati Regionale Fe.Ba.Si. – Acireale (CT),
a) An outdoor Overture di Aaron Copland, ed. Boosey & Hawkes (brano obbligato)
direttore Salvatore Tralongo.
b) Omaggio a Bellini di Saverio Mercadante, arr. Franco Cesarini (brano a libera scelta) direttore Alfio Zito.

– 3ª Cat. Complesso Bandistico “G.Verdi” Cerenzia-Caccuri (KR), direttore Simone E. Pasculli
a) Abracadabra di Frank Ticheli, ed. Manhattan Beach (brano obbligato)
b) Camelot di Flavio Bar (brano a libera scelta)

– 1ª Cat. Banda Musicale Città di Procida (NA), direttore Francesco Trio
a) An outdoor Overture di Aaron Copland, ed. Boosey & Hawkes (brano obbligato)
b) Symphonic Suite di Clifton Williams (brano a libera scelta)

• Ore 23:30 ca. “Free Short Program”
Concluse le prove concorsuali le 4 bande partecipanti al concorso si esibiranno individualmente con uno programma libero della durata massima di 15 minuti.

La premiazione avverrà domenica 29 luglio.

Domenica 29 luglio 2018

• Ore 11:00 Concerto dipartimento di Flauto.
Chiostro Convento di San Domenico, calata S. Domenico.
Alessandro Muolo (Docente di Flauto al Conservatorio E.R.Duni di Matera)

• Ore 12:00 Concerto dipartimento di Clarinetto.
Chiostro Convento di San Domenico, calata S. Domenico.
Docente: m°. Michele Carulli (“Direttore Artistico e Musicale” della “Sinfonieorchester Wilde Gungl München” ex Clarinetto solista Scala e Orchestra Nazionale RAI)

• Ore 19:00 Concerto dipartimento Brass Band.
Chiostro Convento di San Domenico, calata S. Domenico.

Giuseppe Scarati (Docente di Tuba al Conservatorio N. Piccinni di Bari)
Giuseppe Smaldino (Docente di Corno al Conservatorio di Trento e Riva del Garda)

• Ore 20:00 Concerto dipartimento Percussioni.
Chiostro Convento di San Domenico, calata S. Domenico.
Nunzio Pietrocola (Docente di Percussione al Conservatorio di Musica “Gesualdo da Venosa” di Potenza)

• Ore 21:00 Sfilata in Corso
Convento San Domenico- c.so Vittorio Emanuele- Piazza Plebiscito

Associazione Gran Concerto Bandistico “Giuseppe Mascolo” Città di Ferrandina (MT)

• Ore 21.30: CONCERTO FINALE E PROCLAMAZIONE DEI VINCITORI
Piazza Plebiscito.

Orchestra Fiati Festival Ferrandina
Dirige, Antonio Zizzamia e Michele Carulli*

1) Aaron Copland: Fanfare for the Common Man *
2) Ferrer Ferran: Alba Overture
3) Damiano D’Ambrosio: C’era una volta – Marcia Sinfonica dedicata al Fiati Festival Ferrandina.
1ª Esecuzione Assoluta
4) Dmitry Shostakovich: Jazz Suite: March – Waltz N°2 – Finale *
5) Arturo Marquez: Danzon n.2- arrangiamento di Oliver Nickel
6) Oscar Navarro: Libertadores