Ce lo stanno chiedendo in tanti: ”…Ma quest’anno dove si terrà la stagione teatrale? E il Duni sarà disponibile…Avremo il nuovo teatro?” Per ora zero su tutta la linea, visto che sull’argomento è nebbia fitta.

Era circolata la voce di trattative con una cordata di imprenditori privati per l’acquisto del Teatro Duni, ma a quanto pare siamo in alto mare, dopo che la proprietà nei mesi scorsi aveva respinto l’offerta del Comune- giudicata inadeguata- dopo la stima dell’agenzia del Demanio per circa 3,5 milioni di euro. Girano le proposte dell’Open design school e di altre soluzioni e propose, ma che al momento sono al palo compresa quella di un teatro Tenda.

Pronto a realizzarlo l’imprenditore e operatore dello spettacolo Franco Braia, che ha attivato una società, per realizzare un teatro tenda da attivare lungo l’asse commerciale Matera- Venusio. Uno spazio con 2.000 posti a sedere, parcheggi, servizi che potrebbe essere pronto entro tre, quattro mesi, e utilizzabile tutto l’anno. Loro attendono che si realizzino le condizioni per passare ai fatti, come sono abituati a fare da sempre e come hanno fatto per il concerto ” Vincerò” dedicato a Luciano Pavarotti. Resta la domanda sulla stagione teatrale.

In quella appena trascorso il Consorzio Teatri Uniti di Basilicata ha utilizzato Casa Cava per l’offerta riservata al pubblico adulto. La città, e ci riferiamo all’Amministrazione comunale in primis, deve ripiegarsi sugli spazi fisici per le attività teatrali. Quello di La Martella è da adeguare e completare.

Il Duni continua a restare un punto interrogativo e una occasione mancata, sopratutto dopo la rinnovata fase di ”entusiasmo” annunciata due mesi fa dal sindaco Raffaello De Ruggieri ”…Rischiamo di acquisire il Duni”.

Il tempo passa,intanto, e la situazione non muta. Resta la proposta del sindaco di Ginosa (Ta) che ha messo a disposizione il Metropolitan.

Ce tajotr! Che teatro !…Io me la rido e voi?