Bambini a divertirsi come matti, e qualcuno era davvero al massimo dell’euforia, e genitori pronti a giocarci insieme e a farsi coinvolgere dalle pirotecniche inventive e ”goliardiche pratiche” di Otto Panzer… Mago e direttore di circo. dalle fattezze teutoniche, ma nato a Bari, che con la sua mise in costume a righe orizzontali bianche e nere di inizio Novecento, ha tirato fuori domenica scorsa a Matera, in piazza San Giovanni a mezzogiorno, e in serata a Piazza Pascoli uno spettacolo di altri tempi, quando gli artisti circensi trasformavano in platee piazze e giardini per conquistare grandi e piccini. E così è stato per l’anticipazione del ” Maggio all’Infanzia ( ne abbiamo parlato in altri servizi) che coinvolgerà Bari e Matera, rispettivamente dal 17 al 20 maggio e dal 17 al 27 maggio. Merito del Teatro Uniti di Basilicata se questo ”assaggio” è stato gradito dal pubblico e dai turisti, a conferma che l’animazione ”intelligente” e ”non dispendiosa” alla fine paga con le richieste- che abbiamo sentito- di replicare questo genere di iniziative. Se la gente si informasse di più cominciando a guardarsi intorno, a leggere e a utilizzare in maniera meno alienante e dispersiva i social avrebbe partecipato, per esempio, in maniera più consistente alle date programmate nel corso dell’anno dal Consorzio Teatri Uniti di Basilicata. Ma c’è tempo per recuperare a cominciare dal ”maggio all’ Infanzia”. E se gradite spettacoli di strada come quelli di Otto Panzer…fatevi sentire. Ma c’è dell’altro,ricordiamo, in cartellone. Le famiglie sono invitate a partecipare agli spettacoli in programma nei prossimi giorni sui siti di teatriunitidibasilicata.com e www.maggioal’infanzia.com
Naturalmente si parte dagli applausi tributati a Otto e a quanti, grandi e piccini, si sono fatti coinvolgere negli spettacoli, apprezzandone trovate, giochi, scioglilingua e situazioni apparentemente paradossali ma che hanno stimolato tanta autoironia. Otto-come riporta la sua biografia- è un ottimo e simpaticissimo clown, vestito da direttore di un improbabile e misterioso circo. Presenta numeri di autentica bizzarria coinvolgendo il pubblico nelle sue pazzesche avventure sceniche. Irriverente, sbruffone ma anche dolce ed arrogante, Otto è un clown con senso della scena e della comicità molto spiccate, regala gag da cui traspare una superba capacità ad adattarsi alla piazza e ad improvvisare, trasformando ogni suo spettacolo in un evento unico. Condividiamo. Piacere per il circo, il teatro e per quel magico rapporto tra attore e pubblico che si può recuperare stando aldiquà, dentro e aldilà del palcoscenico. E poi l’ironia Otto Panzer…o Panzer…Otto? Nel cognome “Risola” (di nome Gianni) la traccia della sua comicità.