Se non fosse stato per il buon Michele Saponaro che ce lo ha segnalato di domenica,a poche ore dallo spettacolo, non avremmo saputo assolutamente nulla del lavoro ” PerLa Mia terra”, in programma a Matera dalle 18 alle 20.00 presso la Chiesa del Carmine. Un lavoro di certo interessante che avrebbe meritato di essere presentato per tempo. Qualcosa non ha funzionato nella comunicazione o è passato di mente. Puo’ capitare. Ma la cosa non ci meraviglia più di tanto. E’ accaduto anche per altri lavori che hanno partecipato al bando comunale ” La Città che partecipa”, il cui cartellone è stato definito e presentato dopo un lungo periodo di gestazione. Quando il tempo è poco e si finisce per chiudere all’ultimo momento è inevitabile che il programma diventi di autoconsumo in loco. E servono a poco i siti web dedicati, che finiscono con l’essere poco noti e poco pubblicizzati. Un problema di fondo che aggrava la situazione paradossale di Matera dove le iniziative si sovrappongono e ognuno organizzare come e quando gli pare. Pazienza se in tanti ci restano male se hanno pochi visitatori o poco interesse. E’ nella logica delle cose: si raccoglie quello che si semina e come si semina. Auguriamo alla compagnia ”Abito in Scena” di raccogliere l’interesse e le adesioni che il loro spettacolo merita, con l’auspicio che anche questo passaggio su blog e pagina Fb giornalemio.it ( alle 16.00 del pomeriggio di domenica 14 gennaio 2018) serve a intercettare alcuni visitatori, facendo il tam con altri che magari si troveranno a passare per piazza Pascoli. E già perchè anche questa domenica non mancano le alternative (un bene, comunque) per come le rappresentazioni sui temi leviani di Talia Teatro, il concerto in Casa Cava di Antonello Fiamma e il concerto dello ” Stabat Mater” di G.B Pergolesi diretto dal maestro Giovanni Pompeo presso il Santuario di San Francesco da Paola.

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Nell’ambito delle iniziative sostenute dall’avviso pubblico del Comune di Matera “La Città che Partecipa”, con il supporto della Regione BasilicataPresidenza della Giunta [L.R. n° 37/2014] e in collaborazione con il Polo Museale Regionale della Basilicata, la compagnia Abito in Scena Domenica 14 gennaio 2018 [ore 18.00 e replica ore 20.00], a Matera, al Museo di Palazzo Lanfranchi nell’attigua Chiesa del Carmine [luogo particolarmente indicato e scenicamente importante per il tipo di lavoro], proporrà PerLa Mia Terra.

PerLa Mia Terra infatti nasce da un percorso, in continua evoluzione, che vede racconti e testi poetici declinarsi in quadri attraverso le parole sul tema della Terra, Terra lontana, amata, Terra Nostra. Terra che trema, terra che accoglie.

Il lavoro esprime un legame forte con la Basilicata, essendo peraltro tutti lucani i componenti della compagnia, e sono proprio di alcuni giovanissimi lucani diversi testi inseriti nella performance.

Alcune immagini ci riportano in un passato comune, alla storia, ma il concetto di Terra diventa qualcosa di intimo e universale, un “senso” cui dobbiamo restituire il nostro esserne parte, inevitabilmente…

Il lavoro nasce mutevole, ma ha partiture ben definite, viene proposto solo in luoghi non convenzionali in cui l’architettura e l’ambiente si incastrano con parole, musica e luci rendendo la rappresentazione unica, perché di volta in volta il luogo la caratterizza e soprattutto la alimenta.

A PerLa Mia Terra si accede preferibilmente con prenotazione, poiché i posti sono limitati. Sarà comunque possibile accedere anche senza prenotazione fino alla disponibilità consentita. E’ previsto un biglietto unico di 3,00 euro. Prenotazioni: mobile +39 342 9458761 o mail info@abitoinscena.com

Lo spettacolo è interpretato da Monica Palese per la regia di Leonardo Pietrafesa, fondatori storici della compagnia Abito in Scena.

Abito in Scena nasce con l’intento di promuovere la cultura attraverso forme artistiche variegate che hanno nella creatività la loro libera sperimentazione, produce e distribuisce i propri spettacoli, che sinora sono stati rappresentati in Basilicata e al di fuori dei confini regionali.

Abito in Scena è impegnata da sempre in attività rivolte al superamento del disagio sociale, in tal senso il progetto capofila è TeatrAbili, un laboratorio che sinora è stato condotto nei Dipartimenti di Salute Mentale, all’interno degli Istituti Penali e dei Centri diurni per l’accoglienza dei disabili. Abito in Scena opera anche nella sfera del teatro ragazzi, allestendo spettacoli e laboratori contro il disagio giovanile e per la formazione degli insegnanti.

Il teatro si propone ancora in veste di corsi sulla società multiculturale, spettacoli in appartamento e sedute di lettura creativa per famiglie. Azioni è invece il percorso della compagnia che si propone di trasferire il teatro in luoghi non convenzionali, focalizzando l’ attenzione del pubblico sul significato in continua evoluzione dei termini sperimentazione e contaminazione.

Sede operativa di Abito in Scena è il SotTeatro, luogo/non luogo dove vengono realizzate iniziative culturali che uniscono teatro, musica, poesia e cinema, nell’ottica di uno scambio continuo e di una crescita collettiva. Abito in Scena è ideatrice e organizzatrice del Festival FPT – teatro in breve giunto all’ottava edizione.

 

Matera, 10 gennaio 2018.

 

INFO

Abito in Scena

+39 342 9458761

info@abitoinscena.com

Polo Museale Basilicata

Ufficio Stampa

+39 338 8831053

pm-bas.stampa@beniculturali.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Nell’ambito delle iniziative sostenute dall’avviso pubblico del Comune di Matera “La Città che Partecipa”, con il supporto della Regione BasilicataPresidenza della Giunta [L.R. n° 37/2014] e in collaborazione con il Polo Museale Regionale della Basilicata, la compagnia Abito in Scena Domenica 14 gennaio 2018 [ore 18.00 e replica ore 20.00], a Matera, al Museo di Palazzo Lanfranchi nell’attigua Chiesa del Carmine [luogo particolarmente indicato e scenicamente importante per il tipo di lavoro], proporrà PerLa Mia Terra.

PerLa Mia Terra infatti nasce da un percorso, in continua evoluzione, che vede racconti e testi poetici declinarsi in quadri attraverso le parole sul tema della Terra, Terra lontana, amata, Terra Nostra. Terra che trema, terra che accoglie.

Il lavoro esprime un legame forte con la Basilicata, essendo peraltro tutti lucani i componenti della compagnia, e sono proprio di alcuni giovanissimi lucani diversi testi inseriti nella performance.

Alcune immagini ci riportano in un passato comune, alla storia, ma il concetto di Terra diventa qualcosa di intimo e universale, un “senso” cui dobbiamo restituire il nostro esserne parte, inevitabilmente…

Il lavoro nasce mutevole, ma ha partiture ben definite, viene proposto solo in luoghi non convenzionali in cui l’architettura e l’ambiente si incastrano con parole, musica e luci rendendo la rappresentazione unica, perché di volta in volta il luogo la caratterizza e soprattutto la alimenta.

A PerLa Mia Terra si accede preferibilmente con prenotazione, poiché i posti sono limitati. Sarà comunque possibile accedere anche senza prenotazione fino alla disponibilità consentita. E’ previsto un biglietto unico di 3,00 euro. Prenotazioni: mobile +39 342 9458761 o mail info@abitoinscena.com

Lo spettacolo è interpretato da Monica Palese per la regia di Leonardo Pietrafesa, fondatori storici della compagnia Abito in Scena.

Abito in Scena nasce con l’intento di promuovere la cultura attraverso forme artistiche variegate che hanno nella creatività la loro libera sperimentazione, produce e distribuisce i propri spettacoli, che sinora sono stati rappresentati in Basilicata e al di fuori dei confini regionali.

Abito in Scena è impegnata da sempre in attività rivolte al superamento del disagio sociale, in tal senso il progetto capofila è TeatrAbili, un laboratorio che sinora è stato condotto nei Dipartimenti di Salute Mentale, all’interno degli Istituti Penali e dei Centri diurni per l’accoglienza dei disabili. Abito in Scena opera anche nella sfera del teatro ragazzi, allestendo spettacoli e laboratori contro il disagio giovanile e per la formazione degli insegnanti.

Il teatro si propone ancora in veste di corsi sulla società multiculturale, spettacoli in appartamento e sedute di lettura creativa per famiglie. Azioni è invece il percorso della compagnia che si propone di trasferire il teatro in luoghi non convenzionali, focalizzando l’ attenzione del pubblico sul significato in continua evoluzione dei termini sperimentazione e contaminazione.

Sede operativa di Abito in Scena è il SotTeatro, luogo/non luogo dove vengono realizzate iniziative culturali che uniscono teatro, musica, poesia e cinema, nell’ottica di uno scambio continuo e di una crescita collettiva. Abito in Scena è ideatrice e organizzatrice del Festival FPT – teatro in breve giunto all’ottava edizione.

 

Matera, 10 gennaio 2018.

 

INFO

Abito in Scena

+39 342 9458761

info@abitoinscena.com

Polo Museale Basilicata

Ufficio Stampa

+39 338 8831053

pm-bas.stampa@beniculturali.it