La fruizione dei musei statali della Basilicata, come dalle tabelle che elenchiamo, sta facendo registrare una progressione crescente in termini di introiti e di visitatori ,come hanno confermato i dati 2013-2016 forniti dal ministro per i Beni culturali Dario Franceschini nel corso della conferenza programmata ,per il 13 novembre, presso la sala Ottagana di Roma sulla esperienza dei primi direttori dei musei autonomi . Per il 2017, come è ovvio che sia , si fa riferimento a una tendenza con un aumento del +1% dei visitatori ma con un calo degli introiti del -6,4 per cento. Bilanci a gennaio 2018, naturalmente, con i dati definitivi. Ma è opportuno analizzare, a bocce ferme, le cause dei mancati ritorni di cassa. Non abbiamo ancora i dati sui singoli Musei sparsi per la regione, dove gli afflussi dei visitatori sono -presumiamo-più continui a Matera, mentre ”stagionali” o legati a iniziative promozionali nel resto della regione. Nel report relazione del Ministro non sono riportati tra i primi tre siti musei censiti quelli di Basilicata. Auspichiamo che possano entrare nei prossimi report. E magari con mostre importanti, come quella sul Pianeta Rosso al museo archeologico” Domenico Ridola” di Matera, in programma fino al 14 gennaio 2018. Attendiamo la programmazione e la promozione per Matera 2019 e le peculiarità che il Polo Museale della Basilicata attiverà per ogni singolo sito culturale. Ma aspettiamo, sopratutto, che dal Ministero e anche dai privati arrivino investimenti adeguati per promuovere l’offerta della Basilicata, che ha notevoli potenzialità espositive.

ALCUNE TABELLE STATISTICHE

Musei Statali | Introiti per Regione (in euro)

Regione 2013 2014 2015 2016 2013-2016 % trend 2017*
Abruzzo 48.548,00 61.642,00 70.532,00 144.988,00 +198,6 -25,2
Basilicata 103.008,00 135.802,50 186.339,50 201.068,00 +95,2 -6,4
Calabria 45.583,00 477.460,00 408.853,00 826.893,50 +1.714 +13,9
Campania 28.794.412,32 31.364.258,37 35.485.065,23 41.711.743,99 +44,9 +13,9
Emilia Romagna 1.396.422,00 1.576.305,50 1.760.796,50 2.219.286,25 +58,9 +16,3
Friuli Venezia Giulia 600.185,00 786.722,00 1.151.233,50 1.456.039,00 +142,6 +19,2
Lazio 55.289.243,00 58.153.039,00 62.911.364,50 67.616.298,00 +22,3 +12,6
Liguria 115.062,20 142.429,40 182.674,90 390.503,55 +239,4 +8,4
Lombardia 4.561.523,25 5.003.515,20 5.986.736,50 7.994.976,35 +75,3 +19,8
Marche 737.434,50 901.488,50 986.158,50 1.356.043,50 +83,9 +6,8
Molise 17.669,00 26.039,00 28.464,00 48.693,50 +175,6 +60,5
Piemonte 6.071.803,10 6.709.213,90 10.931.980,29 13.367.382,44 +120,2 +2,1
Puglia 728.311,50 825.313,00 1.190.167,25 1.396.514,75 +91,7 +13,5
Sardegna 876.218,50 1.149.698,50 1.233.460,00 1.412.742,50 +61,2 +11,5
Toscana 23.971.396,00 25.231.128,00 29.902.126,25 31.085.537,75 +29,7 +14,9
Umbria 354.257,62 419.804,95 467.004,66 567.165,19 +60,1 -10,2
Veneto 2.706.390,39 2.546.841,92 1.766.508,31 3.192.844,96 +18,0 +73,3
Totale Italia 126.417.467,38 135.510.701,74 154.649.464,89 174.988.721,23 +38,4 +13,5

Musei Statali | Visitatori per Regione

Regione 2013 2014 2015 2016 2013-2016

%

trend 2017*
Abruzzo 159.688 168.104 160.995 140.181 -12,2 -15,7
Basilicata 198.483 227.402 256.084 235.468 +18,6 +1,0
Calabria 194.807 401.634 357.515 498.263 +155,8 -0,2
Campania 6.096.137 6.596.544 7.072.842 8.084.597 +32,6 +10,8
Emilia Romagna 842.201 916.530 1.008.438 1.035.469 +22,9 +0,4
Friuli Venezia Giulia 1.325.227 1.295.192 1.214.548 1.198.771 -9,5 +13,7
Lazio 17.717.234 18.515.841 20.364.956 20.371.718 +15,0 +10,2
Liguria 107.617 133.954 125.079 205.967 +91,4 +22,7
Lombardia 1.440.289 1.500.416 1.652.598 1.828.638 +27,0 +5,3
Marche 435.863 477.696 513.548 519.241 +19,1 -7,6
Molise 77.736 78.812 76.044 76.253 -1,9 -1,1
Piemonte 1.653.007 1.728.252 1.941.928 2.464.023 +49,1 +3,8
Puglia 516.106 553.782 591.217 628.389 +21,8 +18,3
Sardegna 347.289 446.399 494.628 519.468 +49,6 +5,5
Toscana 6.175.795 6.547.655 6.746.390 6.396.665 +3,6 +10,5
Umbria 217.436 242.153 241.596 260.034 +19,6 -13,8
Veneto 919.672 914.397 877.254 1.058.227 +15,1 +19,9
Totale Italia 38.424.587 40.744.763 43.695.660 45.521.372 +18,5 +9,4

MAGGIORI MUSEI VISITATORI

VISITATORI 2013 2014 2015 2016 2013-2016 % Trend 2017*
Colosseo 5.897.321 6.489.431 6.910.968 6.697.939 +13,6 +10,2
Pompei 2.556.981 2.799.595 3.135.466 3.505.422 +37,1 +5,4
Gallerie degli Uffizi 3.387.171 3.587.014 3.679.001 3.365.302 -0,6 +14,6
Galleria dell’Accademia di Firenze 1.257.261 1.335.741 1.415.397 1.461.185 +16,2 +11,3
Reggia di Caserta 439.813 428.139 497.197 683.070 +55,3 +23,3
Museo Nazionale del Bargello 599.611 643.149 661.559 632.443 +5,5 +3,4
Galleria Borghese 498.477 508.788 506.442 524.785 +5,3 +7,7
Museo Archeologico Nazionale di Napoli 308.331 350.433 381.632 452.431 +46,7 +19,9
Parco Archeologico di Paestum 259.787 280.503 300.343 383.172 +47,5 +16,8
Palazzo Ducale di Mantova 163.595 206.051 243.740 363.173 +122,0 +0,3
Pinacoteca di Brera 249.579 269.805 322.372 343.173 +37,5 +12,7
Musei Reali di Torino 243.333 277.858 307.357 314.195 +29,1 +20,5
Gallerie dell’Accademia di Venezia 325.026 272.191 286.821 311.645 -4,1 +83,2
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria 11.522 195.998 164.076 210.598 +1727,8 +3,5
Galleria Nazionale delle Marche 162.448 165.903 191.829 195.816 +20,5 -16,2
Museo di Capodimonte 116.627

(Parco: 909.171)

126.254

(Parco: 960.501)

144.692

(Parco: 974.531)

191.923

(Parco: 1.007.564)

+64,6 +55
Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma 143.637 136.604 155.292 146.933 +2,3 +7,4
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma 132.315 147.092 136.935 135.218 +2,2 +84
Gallerie Estensi 30.699 48.881 113.122 109.768 +257,6 -11,1
Palazzo Reale di Genova 68.023 79.601 94.865 102.209 +50,3 +4,7
Museo Archeologico Nazionale di Taranto 27.167 47.856 55.411 82.319 +203 -0,1
Galleria Nazionale dell’Umbria 61.327 64.440 68.713 66.087 +7,8 -17,6
Totale 17.849.222 19.421.828 20.747.761 21.287.621 +19,3 +11

MAGGIORI MUSEI INTROITI

INTROITI (IN EURO) 2013 2014 2015 2016 2013-2016 % Trend 2017*
Colosseo 40.716.406 42.562.307 45.777.542 45.439.271 +11,6 +9,3
Pompei 21.269.185 22.545.289 25.255.920 28.531.040 +34,1 +5,1
Gallerie degli Uffizi 14.963.926 15.450.980 18.007.012 18.486.666 +23,5 +15,1
Galleria dell’Accademia di Firenze 6.609.748 6.914.422 8.723.008 9.139.456 +38,3 +11,8
Galleria Borghese 3.193.709 3.218.949 3.355.542 4.153.627 +30,1 +57,4
Reggia di Caserta 1.759.919 2.289.572 2.739.601 4.112.306 +133,7 +27,1
Gallerie dell’Accademia di Venezia 1.834.320 1.603.056 1.676.220 2.085.618 +13,7 +205,8
Museo Archeologico Nazionale di Napoli 1.063.513 1.333.581 1.527.652 1.905.012 +79,1 +73
Pinacoteca di Brera 826.800 882.866 1.037.312 1.812.604 +119,2 +16,6
Museo Nazionale del Bargello 1.224.602 1.294.444 1.381.675 1.634.007 +33,4 +61
Parco Archeologico di Paestum 796.660 938.897 1.100.490 1.621.821 +103,6 +20,8
Palazzo Ducale di Mantova 495.820 685.314 1.069.791 1.564.997 +215,6 +11,6
Musei Reali di Torino 1.011.773 1.108.638 1.146.598 1.125.684 + 11,3 +13,3
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria 17.701 433.548 351.453 731.972 +4.035,2 +2,6
Galleria Nazionale delle Marche 366.540 409.676 498.071 699.518 +90,8 -5,7
Museo e Parco di Capodimonte 304.318 347.183 402.652 613.194 +101,5 +29,8
Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma 462.826 475.717 544.016 514.195 +11,1 +41,8
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma – Roma 395.106 337.767 430.708 414.616 +4,9 +182,1
Galleria Nazionale dell’Umbria 156.976 193.927 235.874 286.297 +82,4 -26,1
Palazzo Reale di Genova 98.579 119.728 146.733 224.230 +127,5 -2,5
Museo Archeologico Nazionale di Taranto 29.764 73.639 109.921 176.369 +492,6 +23,5
Gallerie Estensi 25.580 43.414 96.854 120.674 +371,8 +17,4
Totale 97.623.768 103.262.912 115.614.642 125.393.172 +28,4 +14,5

MUSEI AUTONOMI

I PRIMI MUSEI AUTONOMI DIRETTORE ISTITUTI AFFERENTI
Galleria Borghese Anna Coliva Galleria Borghese
Galleria dell’Accademia

di Firenze

Cecilie Hollberg Galleria dell’Accademia
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Cristiana Collu Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
Galleria Nazionale dell’Umbria Marco Pierini Galleria Nazionale dell’Umbria
Galleria Nazionale delle Marche Peter Aufreiter Galleria Nazionale delle Marche
Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt Cappella Palatina a Palazzo Pitti

Gabinetto Disegni e Stampe

Galleria d’Arte Moderna a Palazzo Pitti

Galleria degli Uffizi e Corridoio Vasariano

Galleria del Costume a Palazzo Pitti

Galleria Palatina e Appartamenti monumentali di Palazzo Pitti

Giardino di Boboli

Giardino delle Scuderie reali e pagliere

Museo degli Argenti a Palazzo Pitti

Museo delle Carrozze a Palazzo Pitti

Museo delle Porcellane a Palazzo Pitti

Gallerie dell’Accademia di Venezia Paola Marini Gallerie dell’Accademia
Gallerie Estensi Martina Bagnoli Galleria Estense di Modena

Biblioteca Estense Universitaria di Modena

Museo Lapidario Estense di Modena

Palazzo Ducale di Sassuolo

Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma Flaminia Gennari Santori Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini

Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Corsini

Musei Reali di Torino Enrica Pagella Armeria Reale

Biblioteca Reale

Cappella della SS. Sindone

Galleria Sabauda

Giardini Reali

Museo Archeologico

Palazzo Reale

Spazio espositivo di Palazzo Chiablese

Museo Archeologico Nazionale di Napoli Paolo Giulierini Museo Archeologico Nazionale
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria Carmelo Malacrino Museo Archeologico Nazionale
Museo Archeologico Nazionale di Taranto Eva Degl’Innocenti Museo Archeologico Nazionale
Museo di Capodimonte Sylvain Bellenger Museo di Capodimonte

Parco di Capodimonte

Museo Nazionale del Bargello Paola D’Agostino Cappelle Medicee

Chiesa e Museo di Orsanmichele

Museo della Casa Fiorentina Antica – Palazzo Davanzati

Museo di Casa Martelli

Museo Nazionale del Bargello

Palazzo Ducale di Mantova Peter Assman Palazzo Ducale
Palazzo Reale di Genova Serena Bertolucci Palazzo Reale
Parco Archeologico di Paestum Gabriel Zuchtriegel Area Archeologica di Paestum

Area archeologica del Santuario di Hera alla Foce del Sele

Museo narrante del Santuario di Hera Argiva alla foce del Sele

Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Pinacoteca di Brera James Bradburne Pinacoteca di Brera

Biblioteca Braidense

Reggia di Caserta Mauro Felicori Acquedotto Carolino

Giardino all’Inglese

Oasi di San Silvestro

Palazzo Reale

Parco del Palazzo Reale

LA RELAZIONE SUI MUSEI STATALI

La riorganizzazione del Ministero sta dando i suoi frutti. A tre anni dalla riforma che ha riconosciuto ai musei dello Stato piena dignità giuridica come Istituti, i visitatori nei luoghi della cultura statali sono passati da 38,5 milioni a 45,5 milioni e gli incassi hanno raggiunto i 175 milioni di euro. Numeri che sono destinati ad aumentare anche quest’anno, con la crescita del 9,4% dei visitatori e del 13,5% degli introiti nei primi 9 mesi, e che testimoniano una radicale inversione di tendenza dovuta alle importanti novità introdotte con il sistema museale nazionale.

Dario Franceschini

Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

PROGRAMMA

9:30 REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI E WELCOME COFFEE

10:00 SALUTI E INTRODUZIONE

ANTONIO LAMPIS

Direttore Generale Musei

10:15 INTERVENTI DEI DIRETTORI DEI MUSEI

PETER ASSMANN

Palazzo Ducale di Mantova

PETER AUFREITER

Galleria Nazionale delle Marche

MARTINA BAGNOLI

Gallerie Estensi

SYLVAIN BELLENGER

Museo di Capodimonte

SERENA BERTOLUCCI

Palazzo Reale di Genova

JAMES BRADBURNE

Pinacoteca di Brera

ANNA COLIVA

Galleria Borghese

CRISTIANA COLLU

Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea

PAOLA D’AGOSTINO

Museo Nazionale del Bargello

EVA DEGL’INNOCENTI

Museo Archeologico Nazionale di Taranto

MAURO FELICORI

Reggia di Caserta

FLAMINIA GENNARI SANTORI

Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma

PAOLO GIULIERINI

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

CECILIE HOLLBERG

Galleria dell’Accademia di Firenze

CARMELO MALACRINO

Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

PAOLA MARINI

Gallerie dell’Accademia di Venezia

MASSIMO OSANNA

Parco Archeologico di Pompei

ENRICA PAGELLA

Musei Reali di Torino

MARCO PIERINI

Galleria Nazionale dell’Umbria

EIKE SCHMIDT

Gallerie degli Uffizi

GABRIEL ZUCHTRIEGEL

Parco Archeologico di Paestum

13:45 CONCLUSIONI

DARIO FRANCESCHINI

Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

LA RIFORMA DEL SISTEMA MUSEALE

La Riforma del 2014 che ha riguardato i Musei statali in Italia è stata prevista dal nuovo regolamento di organizzazione del MiBACT.

Definita una vera e propria rivoluzione, essa ha concretizzato sia quel che il dibattito scientifico, sin dagli Anni Trenta del Novecento, delineava come obiettivo di sviluppo per i musei italiani, sia quanto previsto da numerose proposte di legge che ambivano alla creazione di istituti museali dotati di autonomia.

4 sono i principali obiettivi della riforma:

  1. Recupero della missione di educazione e ricerca di competenza del MiBACT
  2. Creazione di un sistema museale nazionale
  3. Autonomia degli Istituti museali
  4. Progettazione culturale pubblica, con nuove regole per l’affidamento dei servizi aggiuntivi.

Recupero della missione educazione e ricerca

La riforma collega l’amministrazione per i beni culturali alla scuola, all’università e alla ricerca, attuando l’art. 9 della Costituzione. Da un lato istituisce la nuova Direzione Generale Educazione e Ricerca, che ha già sottoscritto numerosi protocolli di intesa con il MiUR, e dall’altro crea la Scuola dei beni e delle attività culturali e del turismo: un istituto di formazione, ricerca e studi avanzati di livello internazionale con lo scopo di sviluppare le risorse umane, la ricerca, la conoscenza e l’innovazione nell’ambito delle competenze del MiBACT, e di fondare, sulla base dell’unicità del patrimonio culturale della Nazione, un modello formativo e di ricerca di eccellenza mondiale negli ambiti della tutela, gestione, valorizzazione e promozione dei beni, delle attività culturali e del turismo.

Sistema Museale Nazionale

La riforma ha dato piena dignità ai musei, prima semplici uffici delle soprintendenze, dando vita al nuovo sistema museale nazionale, costituito dalla Direzione Generale Musei, articolata sul territorio nazionale in 17 Poli Museali regionali, e da 32 istituti autonomi.

La Direzione generale cura le collezioni dei musei e dei luoghi della cultura statali, occupandosi di politiche di acquisizione, prestito, catalogazione, fruizione e valorizzazione per tutti i luoghi e la cultura dello Stato o affidati alla gestione statale. Sovraintende, inoltre, al sistema museale nazionale e coordina i poli museali regionali.

I 17 poli museali sono affidati a 14 direttori nominati dal Direttore Generale Musei: in Liguria, Marche e Umbria, le funzioni del Polo sono svolte rispettivamente dai direttori di Palazzo Reale di Genova, Galleria nazionale delle Marche e Galleria nazionale dell’Umbria.

I poli assicurano il servizio pubblico di fruizione e definiscono strategie di valorizzazione in rapporto all’ambito territoriale in cui si trovano.

I musei, ciascuno guidato da un funzionario, sono coordinati dai poli museali regionali in un costante dialogo con le reti dei musei civici e diocesani, in modo da favorire la fruizione del patrimonio diffuso di cui sono ricchi i nostri territori.

Le Soprintendenze, poste nuovamente in rapporto diretto con la struttura centrale e alleviate dalla gestione museale, tutelano il patrimonio culturale presente sul territorio, autorizzano gli interventi sui beni, svolgono attività di studio e ricerca.

Autonomia dei musei.

La riforma del MiBACT supera la contrapposizione ideologica tra tutela e valorizzazione. I principali musei statali sono divenuti istituti autonomi (30, ai quali si aggiungono i Parchi Archeologici Pompei e Colosseo), dove i direttori, selezionati attraverso bandi internazionali e da una commissione di esperti di chiara fama, agiscono secondo i più moderni e attuali standard di gestione museale. Hanno autonomia tecnico scientifica e svolgono funzioni sia di tutela, sia di valorizzazione. Sono dotati di un proprio statuto, di un bilancio e ciascuno possiede aree funzionali (dalla cura delle collezioni al marketing, dal fundraising all’amministrazione), in coerenza con gli standard internazionali elaborati da ICOM. L’organizzazione prevede un consiglio di amministrazione, un comitato scientifico aperto anche alle amministrazioni locali e alla società civile e un collegio dei revisori dei conti.

Progettazione culturale pubblica.

Con la riforma i musei statali recuperano la responsabilità della progettazione culturale. Prima della riforma il museo era un ufficio incardinato alla Soprintendenza, senza dirigente e senza alcuna autonomia. Soluzione quasi obbligata era l’affidamento all’esterno della gestione dei servizi per il pubblico, inclusa l’organizzazione di mostre, con inevitabili proroghe di affidamento per ritardi nel bandire le gare. Il MiBACT ha dettato ora nuove regole per l’affidamento dei servizi, grazie ad un accordo con Consip spa, con l’obiettivo di assicurare trasparenza ed efficienza per l’affidamento dei servizi – tra i quali l’attivazione di un sistema di biglietteria nazionale online – e recuperare il ruolo centrale della pubblica amministrazione nella progettazione culturale e scientifica, perché i bandi saranno predisposti su progetti elaborati dai musei e dai poli regionali.

È anche grazie a questa riforma che, dal 2013 ad oggi, i visitatori nei musei statali sono aumentati del 18,5% (+7 milioni), arrivando al record di 45,5 milioni di ingressi nel 2016 e confermando un positivo trend di crescita anche nel 2017.

Garantire la fruizione e la valorizzazione del patrimonio culturale sono stati i presupposti che hanno determinato un mutamento storico: il riconoscimento, nel 2015, del ruolo della cultura come servizio pubblico essenziale.

LE TAPPE DELLA RIFORMA

I NUMERI DEI MUSEI ITALIANI

Dopo l’anno record del 2016, con 45,5 milioni di visitatori e circa 175 milioni di euro di incassi, il 2017 conferma un trend di crescita dei musei statali italiani significativo: tra gennaio e settembre i visitatori sono cresciuti del +9,4%, mentre gli introiti sono aumentati del +13,5%.

Queste le regioni più virtuose in termini di visitatori e incassi: Liguria (rispettivamente +22,7% e +8,4%), Puglia (+18,3% e +13,5%), Veneto (+20% e +73,7%), Friuli Venezia Giulia (+13,7% e +19,2%), Toscana (+10,5% e +14,9%) e Campania (+10,8% e +13,9%).

Capitolo a parte i 30 musei autonomi: registrano un incremento del numero di visitatori di +11% e un aumento degli incassi di +14,5%.

Questa tendenza fa prefigurare il possibile raggiungimento di un altro record per il 2017: 50 milioni di visitatori. Tutto questo è il merito di una strategia di valorizzazione del sistema museale nazionale, delle domeniche gratuite e anche dell’incremento dello sviluppo turistico che l’Italia ha registrato negli ultimi anni.

Musei Statali | Visitatori per Regione

Regione 2013 2014 2015 2016 2013-2016

%

trend 2017*
Abruzzo 159.688 168.104 160.995 140.181 -12,2 -15,7
Basilicata 198.483 227.402 256.084 235.468 +18,6 +1,0
Calabria 194.807 401.634 357.515 498.263 +155,8 -0,2
Campania 6.096.137 6.596.544 7.072.842 8.084.597 +32,6 +10,8
Emilia Romagna 842.201 916.530 1.008.438 1.035.469 +22,9 +0,4
Friuli Venezia Giulia 1.325.227 1.295.192 1.214.548 1.198.771 -9,5 +13,7
Lazio 17.717.234 18.515.841 20.364.956 20.371.718 +15,0 +10,2
Liguria 107.617 133.954 125.079 205.967 +91,4 +22,7
Lombardia 1.440.289 1.500.416 1.652.598 1.828.638 +27,0 +5,3
Marche 435.863 477.696 513.548 519.241 +19,1 -7,6
Molise 77.736 78.812 76.044 76.253 -1,9 -1,1
Piemonte 1.653.007 1.728.252 1.941.928 2.464.023 +49,1 +3,8
Puglia 516.106 553.782 591.217 628.389 +21,8 +18,3
Sardegna 347.289 446.399 494.628 519.468 +49,6 +5,5
Toscana 6.175.795 6.547.655 6.746.390 6.396.665 +3,6 +10,5
Umbria 217.436 242.153 241.596 260.034 +19,6 -13,8
Veneto 919.672 914.397 877.254 1.058.227 +15,1 +19,9
Totale Italia 38.424.587 40.744.763 43.695.660 45.521.372 +18,5 +9,4

Le Soprintendenze, poste nuovamente in rapporto diretto con la struttura centrale e alleviate dalla gestione museale, tutelano il patrimonio culturale presente sul territorio, autorizzano gli interventi sui beni, svolgono attività di studio e ricerca.

Autonomia dei musei.

La riforma del MiBACT supera la contrapposizione ideologica tra tutela e valorizzazione. I principali musei statali sono divenuti istituti autonomi (30, ai quali si aggiungono i Parchi Archeologici Pompei e Colosseo), dove i direttori, selezionati attraverso bandi internazionali e da una commissione di esperti di chiara fama, agiscono secondo i più moderni e attuali standard di gestione museale. Hanno autonomia tecnico scientifica e svolgono funzioni sia di tutela, sia di valorizzazione. Sono dotati di un proprio statuto, di un bilancio e ciascuno possiede aree funzionali (dalla cura delle collezioni al marketing, dal fundraising all’amministrazione), in coerenza con gli standard internazionali elaborati da ICOM. L’organizzazione prevede un consiglio di amministrazione, un comitato scientifico aperto anche alle amministrazioni locali e alla società civile e un collegio dei revisori dei conti.

Progettazione culturale pubblica.

Con la riforma i musei statali recuperano la responsabilità della progettazione culturale. Prima della riforma il museo era un ufficio incardinato alla Soprintendenza, senza dirigente e senza alcuna autonomia. Soluzione quasi obbligata era l’affidamento all’esterno della gestione dei servizi per il pubblico, inclusa l’organizzazione di mostre, con inevitabili proroghe di affidamento per ritardi nel bandire le gare. Il MiBACT ha dettato ora nuove regole per l’affidamento dei servizi, grazie ad un accordo con Consip spa, con l’obiettivo di assicurare trasparenza ed efficienza per l’affidamento dei servizi – tra i quali l’attivazione di un sistema di biglietteria nazionale online – e recuperare il ruolo centrale della pubblica amministrazione nella progettazione culturale e scientifica, perché i bandi saranno predisposti su progetti elaborati dai musei e dai poli regionali.

È anche grazie a questa riforma che, dal 2013 ad oggi, i visitatori nei musei statali sono aumentati del 18,5% (+7 milioni), arrivando al record di 45,5 milioni di ingressi nel 2016 e confermando un positivo trend di crescita anche nel 2017.

Garantire la fruizione e la valorizzazione del patrimonio culturale sono stati i presupposti che hanno determinato un mutamento storico: il riconoscimento, nel 2015, del ruolo della cultura come servizio pubblico essenziale.

I NUMERI DEI MUSEI ITALIANI

Dopo l’anno record del 2016, con 45,5 milioni di visitatori e circa 175 milioni di euro di incassi, il 2017 conferma un trend di crescita dei musei statali italiani significativo: tra gennaio e settembre i visitatori sono cresciuti del +9,4%, mentre gli introiti sono aumentati del +13,5%.

Queste le regioni più virtuose in termini di visitatori e incassi: Liguria (rispettivamente +22,7% e +8,4%), Puglia (+18,3% e +13,5%), Veneto (+20% e +73,7%), Friuli Venezia Giulia (+13,7% e +19,2%), Toscana (+10,5% e +14,9%) e Campania (+10,8% e +13,9%).

Capitolo a parte i 30 musei autonomi: registrano un incremento del numero di visitatori di +11% e un aumento degli incassi di +14,5%.

Questa tendenza fa prefigurare il possibile raggiungimento di un altro record per il 2017: 50 milioni di visitatori. Tutto questo è il merito di una strategia di valorizzazione del sistema museale nazionale, delle domeniche gratuite e anche dell’incremento dello sviluppo turistico che l’Italia ha registrato negli ultimi anni.

Musei e i Parchi Archeologici autonomi

Il gradimento nei confronti del sistema museale nazionale è ancora più marcato se si considerano i nuovi istituti autonomi. Il focus sui primi venti musei e Parchi Archeologici del Colosseo e di Pompei evidenzia una crescita ancora più forte nel confronto tra i primi 9 mesi del 2017 e l’analogo periodo del 2016: i visitatori aumentano dell’11% e gli introiti del 14,5%. Gli istituti più performanti sono la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma (+84% visitatori e +182% introiti), le Gallerie dell’Accademia di Venezia (+83,2% visitatori e +205,8% introiti), seguiti dal Museo di Capodimonte (+55% visitatori e +29,8% introiti) dalla Reggia di Caserta (+23,3% visitatori e +27% introiti), dai Musei Reali di Torino (+20,5% visitatori e +13,3% introiti) e dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli (+19,9% visitatori e +73% introiti). Nel 2017 i grandi attrattori mantengono uno sviluppo costante: è il caso del Colosseo (+10,2% visitatori e +9,3% introiti), delle Gallerie degli Uffizi (+14,6% e +15,1%), della Galleria dell’Accademia di Firenze (+11,3% e +11,8%) e della Pinacoteca di Brera (+12,7% e +16,6%).

VISITATORI

Le percentuali di crescita dei visitatori nel periodo 2013 – 2016 registrano incrementi che variano da +2,2% a + 1727,8%. Tra gli aumenti più marcati figurano diverse realtà rilanciate dalle nuove direzioni autonome e interessate da crescite sostenute dei flussi del turismo culturale come il Museo Nazionale di Reggio Calabria, passato da 11.522 a 210.598 visitatori grazie alla apertura del nuovo museo e al nuovo allestimento dei Bronzi di Riace; il Museo Archeologico Nazionale di Taranto (+203%), il Museo di Capodimonte (+64,6%), la Reggia di Caserta (+55,3%), il Parco Archeologico di Paestum (+47,5%), il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (+46,7) e il Parco archeologico di Pompei (+37,1%). Allo sviluppo degli istituti della cultura del sud, corrispondono percentuali importanti anche al nord Italia: al Palazzo Reale di Genova (+50,3%), alla Pinacoteca di Brera (+37,5%) e ai Musei Reali di Torino (+29,1%).

TARIFFE

Il nuovo regolamento del Piano Tariffario dei musei e delle aree archeologiche introdotto nel 2015 – che di fatto rende equa la gratuità senza distinzione per fasce di età la prima domenica del mese e la mantiene invece per i minori di 18 anni, gli studenti universitari e di alcune categorie come gli insegnati – ha comportato un incremento degli introiti del quale è esemplare la rilevazione dei 20 istituti autonomi: tra questi merita citare, accanto ai grandi attrattori come Colosseo (+11,6%), Pompei (+34,1%) e Uffizi (+23,5%), nuovamente il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto (+492,6%), la Reggia di Caserta (+133,7%), il Parco archeologico di Paestum (+103%), ma anche le Gallerie Estensi (+371,8%), il Museo di Capodimonte (+101,5%), la Galleria Nazionale delle Marche (+90,8%) e la Galleria Nazionale dell’Umbria (+82,4%).

Art bonus

Il 10% delle erogazioni liberali di Art bonus avvenute dal 2014 ad oggi è andato al recupero e al restauro del patrimonio culturale di proprietà dei musei pubblici italiani. Si tratta di oltre 19 milioni di euro, su un ammontare complessivo di 199 milioni per interventi di restauro sul patrimonio culturale della pubblica amministrazione o a sostegno ad archivi, biblioteche, teatri di tradizione, fondazioni liriche e a enti di spettacolo. La cifra complessiva è merito di oltre 6.280 mecenati, che hanno scelto di investire nella bellezza del Paese, usufruendo della detrazione fiscale del 65% sulla somma donata.

#MUSEITALIANI

Dal 2014 la presenza digitale del MiBACT si è intensificata e strutturata, in particolare sulle principali piattaforme social: non soltanto su Facebook e Twitter, ma anche su Instagram colmando una mancanza con l’apertura del profilo ufficiale dedicato al racconto delle collezioni dei #museitaliani. Con un lavoro che ha messo a sistema gli Uffici promozione comunicazione dei principali Istituti e dei Poli museali, il Ministero ha dato vita alla rete dei musei sia con la creazione del gruppo Telegram #MuseiSocial, dove vengono condivisi i principali contenuti digitali, sia con la realizzazione di campagne che, ogni mese, esplorano le collezioni italiane secondo temi diversi, proponendo inedite interpretazioni.

Grazie anche alle campagne social, in poco meno di un anno e mezzo il nuovo profilo Instagram si è posizionato al livello nazionale come luogo di valorizzazione, scambio e condivisione delle collezioni museali e del racconto di curiosità, aneddoti e storie delle opere e degli artisti. Una programmazione che pone in reciproca relazione tutti gli strumenti della comunicazione tradizionale e digitale del Ministero, che lavorano insieme per potenziare la portata comunicativa del messaggio lanciato. La strategia digitale al fondo di questo metodo ha contribuito alla crescita di follower, like, commenti e condivisioni di tutti i canali social dei musei. Il potenziamento della presenza digitale della rete dei musei ha inoltre contribuito all’aumento della soddisfazione dei visitatori: riguardo all’offerta e all’esperienza digitale proposta dai musei, il pubblico ha espresso l’86,6% di rilevazioni positive (fonte: TravelAppeal).

In tanti casi per i musei non si è trattato soltanto di intensificare la propria attività sul web, ma di creare ex novo alcuni profili social. La diffusione dei luoghi della cultura sui social network ha risposto alla volontà di porre il museo al centro dell’intera strategia di comunicazione del Ministero: lo spazio museale, con la sua forza comunicativa, è stato infatti utilizzato anche come strumento trainante per rilanciare altre iniziative culturali. Giocando con le collezioni e con le

opere, si è aumentata la risonanza di numerose attività, allargando il campo della comunicazione e valorizzando altri settori parte integrante del Ministero.

In questi tre anni il sistema dei musei e la rete digitale cui si è dato vita hanno portato all’aumento della produzione di contenuti che, dall’avvio della riforma, si sono sostanzialmente quintuplicati. Anche di fronte a questa crescita esponenziale, il Ministero ha fronteggiato la necessità di assicurare agli utenti un’interazione autentica: per questo si è provveduto a contattare i principali gestori di piattaforme social per certificare gli account ufficiali dei musei che, ottenendo la spunta blu di verifica, sono divenuti immediatamente identificabili e ora garantiscono agli utenti di non incorrere in informazioni false o di cadere vittima di truffe. Oggi tutti i principali musei hanno la certificazione per Instagram e Facebook, ed è ancora in corso il dialogo con Twitter.

La pianificazione strategica delle campagne mensili ha avuto come cuore il sito del Ministero, ma si è concentrata prevalentemente su Instagram, il social network che più di ogni altro parla per immagini, centrale quindi per la comunicazione dei musei.

Accanto alle opere scelte dai musei di mese in mese, il sito web e tutti i canali social interagiscono in modo coordinato, mettendo in campo una strategia cross mediale che valorizza immagini e storie che toccano ogni ambito della quotidianità degli spazi museali: segreti, memorie, immagini rubate nei giorni di chiusura per raccontare il dietro le quinte, attività di educazione, laboratori didattici, le proposte per i bambini, i lavori di tutela e restauro delle opere, gli esterni e l’architettura. A questo si somma una strategia digitale per la promozione di tutte le edizioni della #domenicalmuseo, dei principali avvenimenti internazionali che hanno visto la partecipazione dei musei (dalle Giornate Europee del Patrimonio al G7 cultura, alle iniziative Unesco a tutela del patrimonio internazionale #Unite4Heritage), agli Stati Generali del Turismo sostenibile e del Paesaggio.

Centrale nella strategia dell’ultimo anno anche la campagna L’arte ti somiglia che, arrivata oggi alla sua terza edizione, ha ricevuto il premio Areté 2017 per la comunicazione pubblica. Ugualmente promossa su tutti i profili social, la campagna è stata valorizzata sul web e diffusa in televisione negli spazi istituzionali della Presidenza del Consiglio. Il grande successo registrato ha contribuito ad ampliare la conoscenza e la diffusione delle collezioni d’arte italiane, della loro ricchezza e varietà anche negli aspetti meno noti e a volte sconosciuti.

La fruizione dei musei statali della Basilicata, come dalle tabelle che elenchiamo, sta facendo registrare una progressione crescente in termini di introiti e di visitatori ,come hanno confermato i dati 2013-2016 forniti dal ministro per i Beni culturali Dario Franceschini nel corso della conferenza programmata ,per il 13 novembre, presso la sala OttagOna di Roma sulla esperienza dei primi direttori dei musei autonomi . Per il 2017, come è ovvio che sia , si fa riferimento a una tendenza con un aumento del +1% dei visitatori ma con un calo degli introiti del -6,4 per cento. Bilanci a gennaio 2018, naturalmente, con i dati definitivi. Ma è opportuno analizzare, a bocce ferme, le cause dei mancati ritorni di cassa. Non abbiamo ancora i dati sui singoli Musei sparsi per la regione, dove gli afflussi dei visitatori sono -presumiamo-più continui a Matera, mentre ”stagionali” o legati a iniziative promozionali nel resto della regione. Nel report relazione del Ministro non sono riportati tra i primi tre siti musei censiti quelli di Basilicata. Auspichiamo che possano entrare nei prossimi report. E magari con mostre importanti, come quella sul Pianeta Rosso al museo archeologico” Domenico Ridola” di Matera, in programma fino al 14 gennaio 2018. Attendiamo la programmazione e la promozione per Matera 2019 e le peculiarità che il Polo Museale della Basilicata attiverà per ogni singolo sito culturale. Ma aspettiamo, sopratutto, che dal Ministero e anche dai privati arrivino investimenti adeguati per promuovere l’offerta della Basilicata, che ha notevoli potenzialità espositive.

ALCUNE TABELLE STATISTICHE

Musei Statali | Introiti per Regione (in euro)

Regione 2013 2014 2015 2016 2013-2016 % trend 2017*
Abruzzo 48.548,00 61.642,00 70.532,00 144.988,00 +198,6 -25,2
Basilicata 103.008,00 135.802,50 186.339,50 201.068,00 +95,2 -6,4
Calabria 45.583,00 477.460,00 408.853,00 826.893,50 +1.714 +13,9
Campania 28.794.412,32 31.364.258,37 35.485.065,23 41.711.743,99 +44,9 +13,9
Emilia Romagna 1.396.422,00 1.576.305,50 1.760.796,50 2.219.286,25 +58,9 +16,3
Friuli Venezia Giulia 600.185,00 786.722,00 1.151.233,50 1.456.039,00 +142,6 +19,2
Lazio 55.289.243,00 58.153.039,00 62.911.364,50 67.616.298,00 +22,3 +12,6
Liguria 115.062,20 142.429,40 182.674,90 390.503,55 +239,4 +8,4
Lombardia 4.561.523,25 5.003.515,20 5.986.736,50 7.994.976,35 +75,3 +19,8
Marche 737.434,50 901.488,50 986.158,50 1.356.043,50 +83,9 +6,8
Molise 17.669,00 26.039,00 28.464,00 48.693,50 +175,6 +60,5
Piemonte 6.071.803,10 6.709.213,90 10.931.980,29 13.367.382,44 +120,2 +2,1
Puglia 728.311,50 825.313,00 1.190.167,25 1.396.514,75 +91,7 +13,5
Sardegna 876.218,50 1.149.698,50 1.233.460,00 1.412.742,50 +61,2 +11,5
Toscana 23.971.396,00 25.231.128,00 29.902.126,25 31.085.537,75 +29,7 +14,9
Umbria 354.257,62 419.804,95 467.004,66 567.165,19 +60,1 -10,2
Veneto 2.706.390,39 2.546.841,92 1.766.508,31 3.192.844,96 +18,0 +73,3
Totale Italia 126.417.467,38 135.510.701,74 154.649.464,89 174.988.721,23 +38,4 +13,5

Musei Statali | Visitatori per Regione

Regione 2013 2014 2015 2016 2013-2016

%

trend 2017*
Abruzzo 159.688 168.104 160.995 140.181 -12,2 -15,7
Basilicata 198.483 227.402 256.084 235.468 +18,6 +1,0
Calabria 194.807 401.634 357.515 498.263 +155,8 -0,2
Campania 6.096.137 6.596.544 7.072.842 8.084.597 +32,6 +10,8
Emilia Romagna 842.201 916.530 1.008.438 1.035.469 +22,9 +0,4
Friuli Venezia Giulia 1.325.227 1.295.192 1.214.548 1.198.771 -9,5 +13,7
Lazio 17.717.234 18.515.841 20.364.956 20.371.718 +15,0 +10,2
Liguria 107.617 133.954 125.079 205.967 +91,4 +22,7
Lombardia 1.440.289 1.500.416 1.652.598 1.828.638 +27,0 +5,3
Marche 435.863 477.696 513.548 519.241 +19,1 -7,6
Molise 77.736 78.812 76.044 76.253 -1,9 -1,1
Piemonte 1.653.007 1.728.252 1.941.928 2.464.023 +49,1 +3,8
Puglia 516.106 553.782 591.217 628.389 +21,8 +18,3
Sardegna 347.289 446.399 494.628 519.468 +49,6 +5,5
Toscana 6.175.795 6.547.655 6.746.390 6.396.665 +3,6 +10,5
Umbria 217.436 242.153 241.596 260.034 +19,6 -13,8
Veneto 919.672 914.397 877.254 1.058.227 +15,1 +19,9
Totale Italia 38.424.587 40.744.763 43.695.660 45.521.372 +18,5 +9,4

MAGGIORI MUSEI VISITATORI

VISITATORI 2013 2014 2015 2016 2013-2016 % Trend 2017*
Colosseo 5.897.321 6.489.431 6.910.968 6.697.939 +13,6 +10,2
Pompei 2.556.981 2.799.595 3.135.466 3.505.422 +37,1 +5,4
Gallerie degli Uffizi 3.387.171 3.587.014 3.679.001 3.365.302 -0,6 +14,6
Galleria dell’Accademia di Firenze 1.257.261 1.335.741 1.415.397 1.461.185 +16,2 +11,3
Reggia di Caserta 439.813 428.139 497.197 683.070 +55,3 +23,3
Museo Nazionale del Bargello 599.611 643.149 661.559 632.443 +5,5 +3,4
Galleria Borghese 498.477 508.788 506.442 524.785 +5,3 +7,7
Museo Archeologico Nazionale di Napoli 308.331 350.433 381.632 452.431 +46,7 +19,9
Parco Archeologico di Paestum 259.787 280.503 300.343 383.172 +47,5 +16,8
Palazzo Ducale di Mantova 163.595 206.051 243.740 363.173 +122,0 +0,3
Pinacoteca di Brera 249.579 269.805 322.372 343.173 +37,5 +12,7
Musei Reali di Torino 243.333 277.858 307.357 314.195 +29,1 +20,5
Gallerie dell’Accademia di Venezia 325.026 272.191 286.821 311.645 -4,1 +83,2
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria 11.522 195.998 164.076 210.598 +1727,8 +3,5
Galleria Nazionale delle Marche 162.448 165.903 191.829 195.816 +20,5 -16,2
Museo di Capodimonte 116.627

(Parco: 909.171)

126.254

(Parco: 960.501)

144.692

(Parco: 974.531)

191.923

(Parco: 1.007.564)

+64,6 +55
Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma 143.637 136.604 155.292 146.933 +2,3 +7,4
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma 132.315 147.092 136.935 135.218 +2,2 +84
Gallerie Estensi 30.699 48.881 113.122 109.768 +257,6 -11,1
Palazzo Reale di Genova 68.023 79.601 94.865 102.209 +50,3 +4,7
Museo Archeologico Nazionale di Taranto 27.167 47.856 55.411 82.319 +203 -0,1
Galleria Nazionale dell’Umbria 61.327 64.440 68.713 66.087 +7,8 -17,6
Totale 17.849.222 19.421.828 20.747.761 21.287.621 +19,3 +11

MAGGIORI MUSEI INTROITI

INTROITI (IN EURO) 2013 2014 2015 2016 2013-2016 % Trend 2017*
Colosseo 40.716.406 42.562.307 45.777.542 45.439.271 +11,6 +9,3
Pompei 21.269.185 22.545.289 25.255.920 28.531.040 +34,1 +5,1
Gallerie degli Uffizi 14.963.926 15.450.980 18.007.012 18.486.666 +23,5 +15,1
Galleria dell’Accademia di Firenze 6.609.748 6.914.422 8.723.008 9.139.456 +38,3 +11,8
Galleria Borghese 3.193.709 3.218.949 3.355.542 4.153.627 +30,1 +57,4
Reggia di Caserta 1.759.919 2.289.572 2.739.601 4.112.306 +133,7 +27,1
Gallerie dell’Accademia di Venezia 1.834.320 1.603.056 1.676.220 2.085.618 +13,7 +205,8
Museo Archeologico Nazionale di Napoli 1.063.513 1.333.581 1.527.652 1.905.012 +79,1 +73
Pinacoteca di Brera 826.800 882.866 1.037.312 1.812.604 +119,2 +16,6
Museo Nazionale del Bargello 1.224.602 1.294.444 1.381.675 1.634.007 +33,4 +61
Parco Archeologico di Paestum 796.660 938.897 1.100.490 1.621.821 +103,6 +20,8
Palazzo Ducale di Mantova 495.820 685.314 1.069.791 1.564.997 +215,6 +11,6
Musei Reali di Torino 1.011.773 1.108.638 1.146.598 1.125.684 + 11,3 +13,3
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria 17.701 433.548 351.453 731.972 +4.035,2 +2,6
Galleria Nazionale delle Marche 366.540 409.676 498.071 699.518 +90,8 -5,7
Museo e Parco di Capodimonte 304.318 347.183 402.652 613.194 +101,5 +29,8
Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma 462.826 475.717 544.016 514.195 +11,1 +41,8
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma – Roma 395.106 337.767 430.708 414.616 +4,9 +182,1
Galleria Nazionale dell’Umbria 156.976 193.927 235.874 286.297 +82,4 -26,1
Palazzo Reale di Genova 98.579 119.728 146.733 224.230 +127,5 -2,5
Museo Archeologico Nazionale di Taranto 29.764 73.639 109.921 176.369 +492,6 +23,5
Gallerie Estensi 25.580 43.414 96.854 120.674 +371,8 +17,4
Totale 97.623.768 103.262.912 115.614.642 125.393.172 +28,4 +14,5