Non solo incontri letterari, iniziative d’arte, mostre, teatro e cinema ma anche i canti dei cori religiosi,che sono tanta parte della storia e dell’anima millenaria del Bel Paese, servono a far conoscere valori intensi e aspetti della “Cultura” che è tanta parte di “Matera capitale europea della cultura 2019” .E una conferma di quanto possa interessare e coinvolgere questa parte importante di ”Cultura” è venuto nella mattinata di domenica 12 novembre nel nuovo Santuario di San Francesco di Paola (CS), in occasione del pellegrinaggio voluto ed organizzato dal rettore del Santuario San Francesco da Paola di Matera, don Davide Mannarella, e con la partecipazione di Monsignore Don Giuseppe Caiazzo, che ha presieduto la Santa Messa . In terra di Calabria, nella città del Santo, il Coro Polifonico Rosa Ponselle, diretto dal Maestro Giuseppe Ciaramella con la collaborazione pianistica di Benedetta Iannuzziello, ha animato la Santa Messa con un repertorio che ha  conquistato tutti e accresciuto la solennità del rito religioso. Sono stati eseguiti brani di autori ormai conosciuti ai più: “Laus Creatori” di L.van Beethoven ; “Kyrie – Gloria” dalla “Missa in Honorem S.Luciae” di L. Bottazzo; “Alleluia” Gregoriano , “Jubilate Deo” di C.De Siena; Sanctus-Benedictus dalla “Missa in Honorem S.Luciae” di L. Bottazzo, “Agnus Dei ” dalla “Missa in Honorem S.Luciae” di L. Bottazzo,”Fratello Sole e Sorella Luna”di R.Ortolani; Ave Verum Corpus di C.Saint-Saens e ”Regina Coeli” di C.De Siena”. Esecuzioni perfette al ” Settimo Cielo” e applausi al Coro da parte delle centinaia di giunti da Matera hanno partecipato con devozione alla Santa Messa . Bis d’obbligo a Matera nel Santuario di San Francesco da Paola.