Un campo di girasoli per racchiudere la speranza di un futuro sereno per tante donne, che potrebbero rivivere l’esperienza di Francesca Divella, strappata troppo presto agli affetti dei suoi cari. E per ricordarla hanno affidato a una Fondazione l’obiettivo di sostenere la ricerca sui tumori femminili e i figli di malati oncologici. Nella nota, che segue, i programmi e i prossimi appuntamenti disseminati sui petali gialli dei girasoli, come una corona di luce che “ruota” -come si suol dire- verso quel disco armonioso che ha impressionato pittori-viaggiatori in paesi esotici come Van Gogh. Un fiore bello a vedersi, che dai petali brillanti come il sole infonde gioia e allegria e tanto amore. Ed è questo che ispirerà l’opera della Fondazione, aperta al contributo di tutti, nel segno di Francesca e del suo sorriso rimasto nel cuore di tutti.

NASCE LA FONDAZIONE FRANCESCA DIVELLA
sosterrà la ricerca sui tumori e i figli di malati oncologici, diverse le iniziative a supporto

Si è costituita ufficialmente il 13 marzo, a Matera, la Fondazione Francesca Divella.

La Onlus nasce per ricordare la giovane materana scomparsa prematuramente il 23 giugno 2016 a causa di una grave patologia oncologica e si prefigge di sostenere attività di ricerca e cura dei tumori, in particolare femminili, nonché di supporto a minori figli o orfani di genitori colpiti da malattie simili.
Primo presidente della Fondazione Francesca Divella è Maria Piera Sarra e tanti sono coloro che hanno già voluto mostrarsi sensibili alla causa partecipando ad alcune iniziative private preliminari che hanno permesso di contare già su un rilevante numero di soci fondatori.
Tanti altri, però, potranno ancora iscriversi (attraverso modalità di iscrizione che saranno comunicate presto attraverso la pagina Facebook “Fondazione Francesca Divella”, cui seguirà un sito web) così come sarà possibile sostenere la Fondazione attraverso contributi liberi presso le postazioni che sono e saranno presenti in occasione di diverse iniziative culturali, a Matera.
Sta accadendo per gli spettacoli della rassegna Arteventi Matera dell’associazione MaterArte e accadrà con il Festival Duni, il cui direttore, Saverio Vizziello, ha accolto con piacere e sensibilità spiccata la proposta di promuovere nel cartellone estivo un grande evento in ricordo di Francesca: il concerto degli Afterhours, tra gli artisti da lei più amati, a cui si sta lavorando e che dovrebbero esibirsi a Matera alla fine del prossimo luglio.
Principalmente, però, si stanno attivando una serie di contatti importanti con realtà mediche nazionali e locali per concordare iniziative in grado di assicurare sostegno concreto alla lotta contro i tumori e sollievo alla sofferenza che questi provocano ai pazienti e ai loro cari, affinché il terribile sacrificio di Francesca, madre amorevole, compagna impareggiabile, persona vitale, solare, sempre sorridente, dotata di un’ironia e di un senso dell’umorismo spiccati, sempre disponibile e solidale, non resti vano.

Chiunque volesse mettersi in contatto con la Fondazione Francesca Divella, al momento, può farlo attraverso l’indirizzo e-mail fondivella@gmail.com.