Storie di uomini che hanno scelto un Paese lontano migliaia di chilometri dalla loro terra, per avere una vita migliore. Storie di chi, dopo sacrifici e un duro lavoro, ha ottenuto ricchezza e soddisfazioni.

L’emigrazione è stata questo e molto altro, come ha raccontato l’associazione materana Cittáchelegge al Salone del libro di Torino, con le storie contenute nel libro di Franco Conte su 100 anni di emigrazione lucana in Canada.

A leggere estratti di quelle pagine sono stati tre ragazzi lucani che vivono a Torino dove hanno scelto di studiare e laurearsi: Federica Mazzoccoli, Paola de Ruggieri e Vincenzo Vaccaro.

Abbiamo aperto le valigie di quegli emigranti – ha spiegato la presidente Antonella Ciervoe raccontato quelle storie, simbolo di uomini che con il loro sacrificio hanno contribuito a costruire quel Paese e oggi sono uomini di successo”.

La vice presidente Antonella Padula si è soffermata in particolare sulla figura di Paul Petrozza già presidente del club dei lucani di Toronto, descrivendone il percorso, da emigrato negli anni ’60 a imprenditore di successo nel settore dei viaggi.

Oggi -conclude Antonella Ciervol’emigrazione si muove anche su altre direttrici, ma il distacco è sempre molto forte. Con il viaggio indietro nel tempo,grazie alle pagine del libro di Conte, abbiamo voluto raccontare una parte di storia che meritava di essere raccontata. A questo proposito proporremo una ristampa del volume, che contiene anche uno straordinario materiale fotografico”.