L’amministrazione comunale materana, con riferimento alla telenovelas dell’acquisto del Teatro Duni,  ha reso noto che “Nella settimana scorsa si è tenuto un incontro ufficiale in Roma con i dirigenti del Dipartimento della Coesione Territoriale e con il Ministro Dott. Claudio De Vincenti.”

“Nella riunione, che ha visto la partecipazione del Sindaco Raffello De Ruggieri e del Presidente della Fondazione Matera-Basilicata 2019 Salvatore Adduce, è stata discussa e approvata –si precisa- la riprogrammazione degli interventi urgenti finanziati dall’art.1, comma 574 della legge n.205 del 27/12/2017 (legge di Bilancio).”

E “Nel quadro degli interventi e dei correlativi impegni finanziari è rientrato l’acquisto del Teatro Duni di Matera per un importo definitivo di euro 3.450.000,00.”

Ma ovviamente questo non basta perchè, viene chiarito: “Questa scelta comunale ha bisogno di essere garantita da due ulteriori atti:

1) la volontà dei proprietari di vendere l’immobile;
2) la presenza di risorse aggiuntive regionali necessarie per l’intervento di rifunzionalizzazione dell’indispensabile e inderogabile bene culturale.”

Ce la faranno i nostri eroi in questa impresa titanica?

A questi link le puntate precedenti:

–a proposito del punto 1)  http://giornalemio.it/cronaca/teatro-duni-i-neo-liquidatori-disponibili-ma/

–a proposito del punto 2) http://giornalemio.it/politica/pittella-risponde-a-de-ruggieri-per-il-duni-la-mia-risposta-e-si/