Poste Italiane è oramai in aperto conflitto con le esigenze dell’utenza specie se collocata nei piccoli paesini delle aree interne che costituiscono l’ossatura della Basilicata. I disagi denunciati e derivanti dalla nuova organizzazione logistica di PI, fanno parte integrante della cronaca quotidiana su stampa e TV locali. Ecco ora mobilitarsi l’ANCI di Basilicata – l’associazione dei municipi- che ha richiesto in merito un urgente incontro con Poste Italiane e la Regione Basilicata per mitigare i disagi sin qui registrati ed evitarne altri in futuro. Di seguito il comunicato stampa di Salvatore Adduce che precisa termini e modalità dell’iniziativa.

POSTE ITALIANE: ANCI BASILICATA CHIEDE INCONTRO IMMEDIATO CON POSTE E REGIONE. SINDACI SEGNALANO DISSERVIZI AD AGCOM

Poste Italiane deve dare conto della situazione di grave disagio che da quasi un anno si sta verificando in Basilicata a seguito della nuova organizzazione logistica che comporta il recapito della corrispondenza a giorni alterni in tutti i comuni lucani con le eccezioni solo di Potenza, Matera e Rionero”.

Questo si legge in una dichiarazione del Presidente dell’Anci Basilicata Salvatore Adduce sul problema del servizio postale.

“Da tutta la regione – prosegue Adduce – ci vengono segnalati disservizi clamorosi. Cittadini che ricevono oltre il termine di scadenza per il pagamento le bollette delle utenze gas, luce, acqua, telefono. Disagi inenarrabili per il personale di Poste Italiane costretto a fare chilometri e chilometri a causa di una irrazionale organizzazione che penalizza al tempo stesso l’utenza e i dipendenti di Poste. E’ necessario una verifica della situazione alla presenza della Regione Basilicata.

La questione – aggiunge il Presidente dell’Anci – è all’attenzione anche dell’Anci Nazionale che sta sviluppando una specifica iniziativa a tutela del servizio postale che riveste una funzione di “presidio” in particolare nei piccoli Comuni e nelle aree montane e interne che rappresentano oltre il 60% del Paese”.

In tale ottica, l’Agenzia Garante delle Comunicazioni (Agcom) ha deliberato l’avvio in questi giorni di un monitoraggio sui disservizi che i Sindaci dei Comuni interessati dovessero rilevare (elenco Comuni al link https://www.poste.it/manovra-2015-recapito-giorni-alterni.html) sulla terza fase del modello di recapito a giorni alterni degli invii postali.

Le segnalazioni possono essere inviate tramite la seguente casella di Posta Elettronica Certificata recapitogiornialterni@cert.agcom.it.

“L’Anci – conclude Adduce – intende condividere con Poste Italiane e la Regione Basilicata l’obiettivo di evitare le chiusure o la riduzione degli orari degli uffici postali, risolvere il problema specifico della consegna della corrispondenza a giorni alterni continuando a monitorare il disservizio mantenendo la “prossimità” di uno dei servizi maggiormente sentiti sul territorio nazionale, compreso il recapito della corrispondenza in linea con le direttive comunitarie”.

Potenza, 2 marzo 2017