E’ l’ennesima foto cartolina ”indecorosa” di uno degli ingressi a Matera, quello prossimo all’incrocio per l’Ospedale che porta al rione Cappuccini, via Montescaglioso, via Carlo Levi e bretella per la SS 7 Matera-Ferrandina, che attende di essere riqualificato. A segnalarcelo con una foto è Pasquale Di Pede, cantautore materano dalla vena ironica, che sbotta nel constatare come certe situazioni restino lì senza che nessuno intervenga. Eppure ci sono tutte le condizioni affinchè quell’area, presumiamo di proprietà privata, venga sistemata . Un tempo doveva essere un ”parco” di olive o mandorli con un arco di accesso ora chiuso da tavole  e tubi innocenti arrugginiti. che mostrano il segno degli anni. La cancellata c’è ancora e il muretto a secco, in tufo, realizzato con tecniche tradizionali mostra tutti i segni del degrado. Anche questo potrebbe essere recuperato quale segno della ”cultura” contadina e di edilizia rurale del passato, prossima all’accesso ai rioni Sassi da via Casalnuovo. Giriamo la richiesta all’Amministrazione comunale affinchè, nei modi e tempi che riterrà opportuni, possa intervenire anche su eventuali privati per restituire decoro a quell’ingresso. Pasquale,intanto, ci segnala un’altra situazione in via Lucana prossima alla scalinata di via Mirabene. Cantiere, deposito ? Anche in questo caso la foto parla chiaro.Siamo nella centrale via Lucana e l’occhio vuole la sua parte,tanto più che siamo a ridosso dell’isola ecologica della raccolta rifiuti- Non è la sola situazione da affrontare e rimuovere. La questione dei parcheggi in zona è una nota dolente. I cantieri di ripristino dei siti tradizionali dovrebbero risolvere la situazione. Ma è il caso di affrontare anche la questione delle pompe di carburante chiuse da tempo. Spetta al Comune mettere ordine in questo settore : da via Lucana a via Annunziatella a via Cererie, rientrando in possesso – con la dovuta bonifica- di aree per funzioni di pubblica utilità.