Nasce a Matera “WalkyDoggy” la prima agenzia di servizi legati ad una corretta cura e gestione quotidiana degli animali domestici con servizi rivolti in particolar modo ai proprietari dei cani.

La titolare Casalino Alessia vuole, infatti, offrire i servizi di dog-sitting e dog-walking, lezioni educative del cane e petsitting . Di seguito -nella nota diffusa nell’occasione- la filosofia e una specificazione delle attività a cui si potrà far ricorso alla bisogna.

Se fin’ora la figura del dog-sitter , o più ampiamente del pet-sitter,era associata alla figura di adolescenti,neo diplomati, che in attesa di un’occupazione a tempo pieno, si prestavano ad offrire passeggiate per i cani dietro corrispettivo simbolico, assistiamo adesso ad un cambiamento di questa nuova tipologia di lavoro, affermatasi già da parecchi anni in altri stati e da alcuni anni nelle regioni del centro nord dell’Italia , e analizziamo da dove nasce il bisogno che richiede che lo svolgere questo tipo di lavoro diventi una professione a tutti gli effetti.

Le motivazioni che spingono una persona, una famiglia , una coppia a rivolgersi ad un dog sitter sono numerose: motivi di salute, impegni lavorativi, impegni familiari, lontananza da casa per parecchie ore al giorno sono un impedimento per chi non vorrebbe rinunciare alla compagnia e all’affetto di un animale domestico ed ecco che in questi casi viene incontro la figura del dog-sitter che aiuta i proprietari del cane nella gestione quotidiana relativa alle passeggiate, all’attività fisica e sportiva nonché alla socializzazione con gli altri cani. Ma chi è il dog sitter? Amare gli animali è l’unica cosa che conta per poter fare questo tipo di lavoro? Si inizia a proporsi come dog-sitter stampando volantini con il proprio numero di telefono da lasciare nei negozi per gli animali, negli ambulatori veterinari , nei bar e in giro per la città. Spesso si legge “amante degli animali offre servizio di dog sitter” … L’intento è buono ma amare gli animali non è sufficiente.

Oltre l’amore per gli animali occorre conoscere le basi della psicologia canina , saper riconoscere ed interpretare i segnali che i cani mandano agli esseri umani ed ai propri simili, di conseguenza essere in grado digestire il cane altrui in città e nelle più svariate situazioni che si possono incontrare del tipo l’approccio del cane con persone e cani estranei, come evitare che i cani possano litigare e farsi male, queste sono le principali situazioni che chi offre un servizio riguardante l’affido di un cane deve essere in grado di saper fronteggiare all’occorrenza. Purtroppo non sempre chi decide di “improvvisarsi” in questo tipo di mestiere è all’altezza di prestare tutte le attenzioni dovute. E’ un lavoro che richiede infatti occhi sempre vigili sui cani in custodia e sull’ambiente circostante. A volte si verificano casi in cui cani di proprietà vengono lasciati liberi di andarsene in giro e questo oltre ad andare contro il regolamento vigente è un comportamento irresponsabile da parte del proprietario che a volte ha causato anche zuffe tra cani con gravi conseguenze.

Il servizio che l’agenzia offre nello specifico è quello di accudire il cane a domicilio ,andarlo a prendere da casa quindi per portarlo a passeggio per una durata di tempo che puo’ variare in base al carattere e all’energia del cane. La passeggiata si svolge in città e a volte in zone piu periferiche per poter ritrovare un contatto con la natura , sempre meglio per il nostro amico che necessita di piu spazio per potersi muovere in libertà ,mediante l’utilizzo dell’attrezzatura appropriata al caso, come ad esempio il guinzaglio estensibile che non sempre si può utilizzare durante le passeggiate nella città. La campagna rilassa e fa bene non solo al nostro amico ma anche a noi esseri umani (questo è un aspetto che molti proprietari di cani dovrebbero valutare e sul quale riflettere). Al termine della passeggiata l’amico viene riportato a casa, pulito e spazzolato all’occorenza, si provvede alla somministrazione del cibo e a cambiare l’acqua nella ciotola. Ciò avviene sempre dietro istruzione del proprietario che comunica al dog-sitter il da fare una volta rientrati dall’uscita di svago.

Ogni cane è diverso dall’altro ed ogni caso richiede le dovute accortezze e attenzioni. E’ questo il bello di questo fantastico lavoro. Nel caso dell’accudimento dei gatti , il petsitter si reca a casa del proprietario per provvedere a dare da mangiare croccantini e carne in scatola , cambiare l’acqua , pulirela lettiera, tenere in compagnia l’amato felino per un po’ e se il carattere lo permette perché non spazzolarlo e fargli due carezze?

Viviamo in una società in cui sempre di più gli animali rappresentano un vero e proprio valore affettivo per molte famiglie, giovani coppie e single, motivo per cui un proprietario nell’affidare il proprio beniamino ha bisogno di avere delle “garanzie”affinchè il cane possa ritornare a casa soddisfatto delle attività svolte all’esterno e in buona salute, nonché diventare riconoscente e affezionarsial nuovo membro del “branco” quale diventa il dog-sitter, che egli impara a riconoscere come membro effettivo della propria famiglia con il quale sviluppare una relazione .

Non dimentichiamoci mai che il cane è un animale sociale che necessita in primo luogo di interagire e creare delle relazioni con i propri simili e con gli esseri umani , compagni di vita dalla notte dei tempi. Diversamente un cane condannato ad una vita di privazioni e isolamento dalle relazioni sociali e con l’ambiente esterno diventerà per forza di cose un animale insicuro, pauroso e in alcuni casi aggressivo. Se decidete di adottare un cane non fatelo mai con superficialità, e preparatevi con spirito avventuriero a tutto ciò che deriverà dal convivere con un essere vivente di una specie diversa dalla nostra.”