A Matera, il governissimo ha approvato l’aumento della TARI per 1.8 mln di euro con il voto contrario di Materdomini (M5S), di seguito un comunicato ch ne illustra il punto di vista.

Venerdì 28 luglio, il consiglio comunale di Matera ha approvato l’ennesimo aumento della TARI, questa volta per 1,800,000 euro (circa il 20%), portando la spesa complessiva ad oltre 13 milioni di euro. Il voto del M5S è stato contrario. “Dopo aver già assistito ad aumenti vertiginosi negli ultimi anni, prendiamo atto di questa nuova impennata a cui purtroppo si è legato un paradossale calo verticale della qualità del servizio. Il M5S di Matera da anni denuncia la mancanza cronica di una strategia di efficientamento del sistema di conferimento/smaltimento dei rifiuti, l’inaudito ritardo nell’emissione del nuovo bando, scaduto ormai da due anni, in cui siamo riusciti a fare inserire nel mese di dicembre 2016 una modifica che prevede la ‘tariffa puntuale’. La prassi invece è quella di procedere di proroga in proroga, di emergenza in emergenza” ha dichiarato il consigliere comunale del M5S Antonio Materdomini.

Ad aggravare il quadro complessivo c’è la situazione disastrosa della discarica de La Martella, una bomba ecologica che secondo il M5S andrebbe immediatamente chiusa e che, in più occasioni, è stata oggetto di prescrizioni da parte della Regione Basilicata e per la quale la Comunità Europea ha comminato sanzioni economiche pesantissime.

“Una situazione paradossale – prosegue Materdomini – che da un lato vede il continuo conferimento di rifiuti in discarica, oltre ad un servizio di igiene urbana che presenta tantissime lacune e dall’altro la richiesta di un ulteriore balzello ai cittadini materani, costretti ad accollarsi, economicamente, i costi di un’incapacità politica nelle scelte di un servizio di raccolta rifiuti non degno di una Capitale Europea della Cultura.

Con l’attuazione del bando, si potrebbe dare seguito alla proposta del M5S che introduce da subito l’adozione della tariffa puntuale per la TARI, oltretutto approvata anche all’unanimità con una mozione nel mese di novembre 2015. La nostra proposta prevede che la tassa sui rifiuti venga calcolata per ogni utente in base al quantitativo dei rifiuti differenziati e indifferenziati che produce. Chi meno inquina, meno paga. Questo innescherebbe un ciclo virtuoso dei rifiuti. Un’idea che, purtroppo, continua a rimanere nel cassetto anche della nuova Giunta allargata”.

Antonio Materdomini – Movimento 5 Stelle Matera