Da varie parti era giunta pressante la richiesta di un intervento regolatore della pubblica  amministrazione cittadina sulle attività che gravitano intorno ai Sassi, diverse delle quali esercitate in modo abusivo, con una lesione degli interessi di chi lo fa rispettando le norme e un enorme danno d’immagine alla Città stessa rispetto alle migliaia di turisti che ci scelgono come meta per le proprie vacanze.

Il comunicato diffuso dall’assessora Paola D’Antonio sembra rispondere alle sollecitazioni e promette tolleranza zero per gli abusi (b&b e guide abusive, cartelli e parcheggi selvaggi). Ovviamente è augurabile che trattasi della instaurazione di un sistema di controlli “a regime” e non “una tantum” che non servirebbe davvero a nulla.

Agenti dell’Ufficio Sassi e della Polizia locale controlleranno, palmo a palmo, non solo tutte le strutture ricettive del centro storico e delle aree turistiche, i b&b, le guide abusive, le case-vacanze, ma anche i cartelli selvaggi, le auto parcheggiate in violazione del codice della strada”.

Lo annuncia l’assessora ai Sassi Paola D’Antonio che aggiunge: “La situazione che si verifica nei Sassi e in tutte le zone a maggior flusso turistico, in particolare nel centro storico, richiedono misure adeguate e per questo implementeremo i controlli per garantire la peculiarità che Matera ha acquisito come città in cui i valori dell’accoglienza turistica fanno parte dei valori che ne hanno fatto Capitale della Cultuea. Matera non può sottostare a meccanismi di abusivismo che non appartengono alla sua storia e alla sua cultura.”

Per questo – prosegue l’assessore – speciali squadre controlleranno in modo capillare gli operatori dei differenti settori alberghieri, i venditori ambulanti e chiunque violi le norme previste anche dal decoro urbano.”

Si tratta di misure ormai necessarie – conclude la D’Antonio – a tutela di coloro che svolgono queste attività rispettando le regole e pagando le tasse”.