Il progetto di Sostegno all’Inclusione Attiva (Sia) presentato dall’Ambito territoriale città di Matera è stato approvato e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per un importo complessivo di 1.725.533 di euro.

Lo ha reso noto il Sindaco Raffaello De Ruggieri che in un comunicato stampa afferma con soddisfazione: “E’ un riconoscimento alla professionalità,all’esperienza e all’impegno di una struttura comunale che, pur tra mille difficoltà logistiche opera con senso di missione “.

La Regione Basilicata ha coordinato e diretto la predisposizione dei progetti attraverso una cabina di regia risultata determinante per armonizzare ed equilibrare i 9 progetti lucani.

L’obiettivo della proposta materanaprosegue il sindacoè finalizzato al rafforzamento dei servizi per le famiglie in difficoltà. L’altro elemento portante è il potenziamento dei servizi per la presa in carico degli interventi sociali rivolti alle famiglie in difficoltà. Inoltre  sono state rese disponibili risorse per l’inserimento lavorativo di soggetti che risultino in disagiate condizioni economiche.”

“In questa prospettiva –si legge ancora nel comunicato–  il Comune attuerà progetti di utilità sociale e di decoro urbani nei quali impegnare questa nuova forza-lavoro. Per raggiungere tali finalità è previsto il potenziamento della struttura comunale, perché sia in grado di affrontare questi nuovi stimolanti compiti. Il Comune, quindi, dovrà assumere 10 operatori sociali suddivisi in: 3 psicologi, 6 assistenti sociali e 1 amministrativo.”

“Pur in un momento di difficoltà politica il governo della città – conclude il sindaco – continua nel suo impegno amministrativo, nel rispetto del bisogno dei singoli e delle fasce più deboli e bisognose. Il rafforzamento dell’organico dell’Ufficio Servizi sociali non solo creerà nuova occupazione specialistica, ma garantirà il raggiungimento degli obiettivi del progetto quali l’accoglienza, l’ascolto, la presa in carico dei bisogni e l’individuazione delle necessarie strategie