Un convegno nazionale, quello organizzato il 25 marzo alle 16.00 a Palazzo Gattini, con l’obiettivo di fare il punto su quello che è stato fatto, non è stato fatto o è stato fatto male, perdendo tempo e, sopratutto fuori dalla ufficialità di “Matera 2019”.

Con una città che in più occasioni, dentro e fuori del consiglio comunale, sente e ha detto di aver perso ruolo e autonomia con la regionalizzazione della “Fondazione”, le vicende del cda e avrebbe preferito dare un taglio netto a una gestione, che deve ancora consumare l’inevitabile dibattito in Parlamento sulle tre interrogazioni in attesa di risposta. Quando accadrà non lo sappiamo.

Ma resta l’attesa di conoscere l’ evoluzione della cosa. Al convegno ci sarà una figura di elevato spessore culturale, come Giampaolo D’Andrea, capo di gabinetto del Mibact, che voci affidabili davano come possibile ”commissario” per dare uno scossone alla Fondazione ” Matera-Basilicata 2019”. Di certo avremmo recuperato un anno. Il Ministro Dario Franceschi e il Governo hanno preso tempo e ribadito, nel corso della visita per la inaugurazione della Scuola di restauro, che il nostro Paese non manca mai di realizzare gli appuntamenti internazionali. Il caso Expo 2015 insegna, ma lì c’era stato un commissariamento.

Gli organizzatori di Matera si muove, e con l’apporto di Idea Azione . Cutura Idenità e Organizzazioni non profit e Ass Matheria, a giudicare dal parterre dei relatori e degli iscritti al dibattito riportati nell’allegato programma, hanno scelto di dar voce a quanti in questi anni dall’ Associazione Matera 2019 a figure senza peli sulla lingua come Giovanni Caserta, hanno portato avanti con coerenza una posizione diversa da quella istituzionale. Gli esclusi rumoreggiano. Niente passerella. Dibattito a distanza a parte.

Ci piacerebbe che venissero fuori proposte, suggerimenti da concretizzare e anche critiche ”costruttive”, sempre ben accette quando servono a valorizzare l’identità e funzioni di una città, che non può restare ancorata ai piloni gruviera del Ponte Musmeci. Ma che deve essere ”aperta” – piaccia o no – agli apporti naturali che possono venire dalla Puglia, dal Mezzogiorno, dal Bel Paese e perchè no da imprenditori illuminati di mezzo mondo. Noi cominceremmo dai tanti giovani imprenditori materani e lucani che si sono affermati fuori, senza andare con il cappello in mano dietro Tizio o Caio.

Ma poi ci sono imprenditori illuminati come Bill Gates o il sultano dell’Oman, Qābūs bin Saʿīd Āl Saʿīd, che a Matera investirebbero volentieri. Qualcuno li ha mai contattati? Finiamola con le doppiezze e con quanti, per opportunismo, hanno un piede “angelico” o “diabolico”, se preferite, in più scarpe e lavorano contro Matera.

IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO

INCONTRO-DIBATTITO
Saluti
Nicola Benedetto Assessore Regione Basilicata
Massimiliano Amenta Assessore
Riccardo Bertollini Presidente “IdeAzione”
Domenico Palombella Matera si Muove

INTERVENGONO
Giampaolo D’Andrea
Capo Gabinetto MIBACT
Magda Antonioli
Direttore MET-SDA Bocconi
Umberto Croppi
Pres. Federcultura Servizi
Pietro Laureano
UNESCO
Patrizia Minardi
DG Ufficio Cultura Regione

MODERA
Simonetta Sciandivasci
“Il Foglio”

GLI INTERVENTI

Avv. Angelo Bianco Consigliere Comunale – Dott. Daniele
Fragasso Consigliere Comunale – Dott. Francesco Cascino
Critico d’arte – Pasquale Lorusso Confindustria – Dott.ssa Paola
D’Antonio Assessore – Gianni Rosa Consigliere Regionale – On.
Cosimo Latronico Parlamentare – Dott. Rocco Leone Sindaco
di Policoro – Vincenzo Zito Sidaco di Montescaglioso – Ing. Vito
Labarile Critico d’arte – Dott.ssa Marta Ragozzino Dir.. Polo
Museale Basilicata – Prof. Angelo Minieri Già Sindaco di Matera –
Sen. Salvatore Adduce Già Sindaco di Matera – Mario Paolicelli
Consulta giovanile – Arch. Tonio Acito Ass. Matheria – Francesco
Contini Ass. Matheria – Avv. Enzo Santochirico Fondazione Sassi
– Paride Leporace Lucana Film Commission – Prof. Giovanni
Caserta Storico – Antonio Andrisani Regista – Antonello Fiamma
Musicista – On. Vincenzo Viti Svimez – Nicola D’Imperio Medico
chirurgo – Francesco Salvatore Associazione Matera 2019

CONCLUSIONI
Raffaello De Ruggieri
Sindaco di Matera