“Alimenti biologici, lotta agli sprechi e poca plastica sulle tavole dei bambini. E’ questo l’obiettivo perseguito dal Comune di Matera, grazie alla collaborazione della Asm e della Ladisa Srl, gestore del servizio di mensa scolastica, con l’avvio di progetti sperimentali per incoraggiare gli alunni a produrre meno rifiuti e a non sprecare cibo, attraverso attività ludiche che andranno avanti per tutto l’anno.”

E’ quanto reso noto con un comunicato stampa dell’Assessore alla Scuola, Marilena Antonicelli, in cui si specifica che: “Nelle mense sono state distribuite compostiere didattiche per educare i ragazzi alla circolarità del riuso dei rifiuti organici e sensibilizzarsi sull’importanza della pratica della raccolta differenziata per salvaguardare l’ambiente. “

Con “Un’altra novità” costituita dalla introduzione “sulla tavola dei bambini del pane di Matera biologico, servito in fette, in sostituzione dei panini di grano tenero finora distribuiti.”

Per conseguire meglio gli obiettivi la Antonicelli specifica che: “Durante l’anno scolastico, la Ladisa, in collaborazione con il Comune, organizzerà, inoltre, incontri informativi e formativi sulla mensa scolastica per genitori e docenti e aprirà il centro cottura di Matera ai genitori che desiderino visitarlo e vedere da vicino gli spazi in cui vengono confezionati giornalmente i cibi consumati dai loro figli.”

“Anche quest’anno- dunque, si conferma che – per la mensa scolastica di Matera, candidata dal Ministero Politiche Agricole e Forestali tra le mense biologiche d’eccellenza italiane, si utilizzeranno ingredienti quasi totalmente bio, si utilizzeranno stoviglie compostabili e si incoraggeranno gli studenti a differenziare i rifiuti prodotti.”

“Nel corso dell’anno –inoltre– gli studenti delle classi che usufruiscono della mensa scolastica saranno coinvolti in visite guidate alle masserie didattiche che forniscono i prodotti biologici a km 0, poi consumati a tavola nel corso dell’anno, e saranno coinvolti in attività di scoperta ed esplorazione dei sapori.”

 

Si tratta di un percorso di apprendimento e di condivisionesottolinea l’Assessore alla Scuola, Marilena Antonicelliche intende formare studenti, genitori e docenti sull’importanza di una corretta alimentazione per uno stile di vita sano. Vogliamo promuovere la mensa come momento di socialità fondamentale per i ragazzi consentendo loro, attraverso pratiche giornaliere, di imparare a conoscere l’importanza dei concetti di riciclo e riuso, di sostenibilità ambientale e di riduzione degli sprechi”.