Una bella idea quelli di tappezzare con gigantografie della Festa della Bruna i versanti prossimi all’ingresso della ”fabbrica” del carro, nella piazzetta del carro trionfale al rione Piccianello. Si tratta di foto in bianco e nero e una colori, realizzate negli anni da Antonio Sansone, un fotografo che il 2 Luglio lo vive da ”veterano”, e da Andrea Semplici nel giorno più lungo dei materani.

E Antonio ha scelto, tra i tanti scatti, quelli riferiti ai volti di tanti giovani, sopratutto. Immortalati per le strade del centro in attesa di ammirare la processione serale del 2 luglio con la Protettrice, Maria Santissima della Bruna, il carro di cartapesta scortato dai cavalieri in costume e dall’entusiasmo di un popolo festante, che per nessuno motivo al mondo si perderebbe una sola fase della Festa.

Non mancano le curiosità e non mancano i consueuti selfies dei protagonisti, che si riconoscono in questo o quel pannello insieme a Tizio o a Caio che ancora si preparano all’assalto…o Sempronio che ora è fuori Matera.

Ma nelle foto c”è anche chi non c’è più e un pizzico di commozione prende chi indica volti e accenna a ricordi.

Anche questo fa parte dell’anima e degli annali del 2 Luglio. src=”http://giornalemio.it/wp-content/uploads/2018/06/carro-foto-sansone-_091711079.jpg” alt=”” width=”667″ height=”500″ class=”alignnone size-full wp-image-44539″ />