Indovina chi viene a cena?

Prendiamo in prestito il  titolo del celeberrimo film interpretato da Spencer Trasy e Katharine Hepburn, per adattarlo alle sorprese che si possono incontrare ai tavoli de L’Abbondanza Lucana.

Come l’ultima, in ordine di tempo, del team di cuochi stellati di MasterChef, Joe Bastianich, Antonino Canavacciuolo, Bruno Barbieri,   orfano di  Carlo Cracco che ha preferito restare in albergo.

In visita a Matera per girare le riprese della prima puntata in esterna della sesta edizione di MasterChef, il noto show coking che andrà in onda il prossimo autunno su Sky Uno,  i giudici più noti del piccolo schermo, si sono concessi una serata di relax prima del giorno delle riprese.

Certo che avere a cena dei colleghi stellati, mette sempre un po’ di ansia. Ma Francesco L’Abbondanza non si è lasciato intimorire e, al contrario, ha osato con menù particolari.

Ho deciso di preparare piatti dell’antica tradizione della collina materana. Pensa che ho voluto che venisse mia mamma da Gorgoglione a darmi una mano nella preparazione del ragù e della pasta fresca.

Ma perché la mamma è ancora più brava di te in cucina? Chiedo banalmente.

La mamma è sempre la mamma ed io l’ho voluta al mio fianco con la sua passione e la sua semplicità, in questo momento particolare. Quando penso al ragù penso subito ad un giorno di festa e ad un profumo indescrivibile che si spandeva per casa.

E come dargli torto.

E così, tra sapore e passione,  li ha presi per la gola, accantonando i gusti delicati, che spesso sono  vincenti nelle trasmissioni culinarie, e osando con gusti decisi, a partire dagli antipasti.

Due, per l’esattezza. Cicorielle campestri e fagioli di Sarconi, il primo, e patate peperoni cruschi e salsiccia del pezzente, l’altro.

Insolito il  ragù, fatto con salsiccia del pezzente e involtini di cotiche  con cui sono stati conditi  i ravioli dolci, farciti con ricotta e limone. Involtini di agnello nostrano, i tipici “gnummaridd” della gastronomia gorgoglionese , invece, per il secondo, con costolette di agnello con lampascioni e peperoni cruschi. E ancora, polpette di rafano adagiate su una insalatina di arance tarocco.

Tris di dolci, invece, per concludere la cena con il “sospiro” di Ferrandina, tipico dolce di pan di spagna ricoperto di glassa e farcito con crema a limone, calzone di ricotta, limone e cannella e cartellate spennellate di vincotto e fonduta di fichi.

Un menù che i popolari chef e il team della produzione, la  Endemol Italia, hanno apprezzato molto,  tanto da far dire di Francesco Abbondanza che “lui è uno bravo”: Parola di MasterChef.