Sarà proiettato a Genova, presso l’aula magna del liceo classico Doria, il cortometraggio del regista Gianni Saponara “8 Giugno ‘76”, che rievoca a partire già dal titolo la strage, ad opera delle Brigate Rosse che uccise il procuratore generale della Repubblica, Francesco Coco e gli agenti di scorta Giovanni Saponara e Antonio Deiana.

A riproporlo il comitato che ogni anno nel capoluogo ligure ricorda la memoria delle vittime dell’attentato.

Il documentario ripropone quei terribili momenti ma visti da un punto di vista lucano.

Uno degli agenti uccisi, Giovanni Saponara, era di Salandra, paese dove risiede anche il regista (solo omonimo ma non parente della vittima) e che con il suo lavoro finanziato da un bando della Lucana Film Commission ha permesso di far memoria su uno dei più tragici avvenimenti della storia repubblicana.

Alla manifestazione genovese che avrà luogo mercoledì 06 giugno, interverranno diverse autorità e istituzioni e  avrà il suo prologo nella Salita Santa Brigida dove avvenne l’attentato, per poi spostarsi nel liceo dove saranno premiati gli studenti vincitori di un concorso in memoria delle vittime.

Parteciperanno anche il regista del cortometraggio accompagnato da una delegazione della giunta comunale di Salandra composta dal sindaco Gianfranco Tubito, dal suo vice Sebastiano Lo Bianco, e dall’assessore ai lavori pubblici Angelo Grillo.

Il cortometraggio di Gianni Saponara sta ricevendo importanti riconoscimenti nei festival dove viene presentato, infatti di recente ha ricevuto la “Segnalazione speciale per l’impegno civile” ai Nastri d’argento 2018, e il “Premio speciale per la miglior interpretazione” alla protagonista Donatella Finocchiaro al Catania Film Festival.