La caduta di una serie di massi a Porta Pistola ha costretto a chiudere il tratto di strada sottostante che portava giù nella gravina sino al Ponte Tibetano.

Se ne è occupato anche la stampa nazionale, come il Giornale a cui l’assessore ai Sassi  e al patrimonio Unesco, Paola D’Antonio aveva detto che: “L’area da cui sono caduti i massi è di gestione comunale, però è al confine con il territorio rientrante nel Parco della Murgia. I tecnici sono prontamente intervenuti e il Comune per sicurezza ha chiuso subito l’area. Sono stati avviati rapidamente i dovuti controlli e si sta studiando come intervenire in tempi immediati.”

Dichiarazioni che hanno fatto porre la domanda al giornale: “Insomma chi ha la competenza di occuparsi dello sgretolamento di quei sassi “di confine” (in questo caso è interessato il Sasso Barisano)?

Dal comunicato diffuso oggi dal Comune di Matera si rileva che l’assessore ai lavori pubblici Casino ha operato un sopralluogo con i tecnici per definire gli interventi da adottare.

Questo il testo diffuso:

 

CROLLI NELL’AREA DI PORTA PISTOLA. SOPRALLUOGO DELL’ASSESSORE CASINO
“INTERVERREMO CON STRUMENTI DI MESSA IN SICUREZZA”

Nelle prime ore di oggi l’assessore ai Lavori pubblici Michele Casino ha effettuato un sopralluogo nell’area che da Porta Pistola conduce al ponte tibetano, interessata da alcuni crolli nei giorni scorsi.
Insieme a lui, il dirigente ing. Sante Lomurno, l’ing. Emanuele Lamacchia Acito e il disaster manager di Legambiente Pio Acito.

Nel corso del sopralluogo lungo il percorso interessato dagli episodi dei giorni scorsi, sono state individuate già alcune criticità.

“Da una prima verifica, sembra che il danno – spiega l’assessore Michele Casino – sia stato causato dalla neve e dall’abbassamento delle temperature che hanno creato crepe nelle fessure. Per questa ragione abbiamo provveduto a mettere in sicurezza anche la zona dell’affaccio di Porta Pistola.

Nell’ambito di un progetto preliminare già esistente, che riguarda la riqualificazione della zona – aggiunge l’assessore – stiamo individuando le risorse per effettuare l’ancoraggio di alcune reti metalliche per speronare il muro e contenere l’eventuale cedimento di massi o tufi. Si interverrà anche sotto il profilo architettonico per apportare migliorìe di tipo estetico.

E’ evidente che i crolli che si sono verificati richiedono, nel complesso, un intervento più ampio che passi ad esempio anche da un muro di contenimento da realizzare nella zona di Porta Pistola”.

Nel corso del sopralluogo, inoltre, l’assessore Casino ha verificato anche la pericolosità del percorso pedonale che conduce al ponte tibetano.

“Nelle prossime ore – precisa – invierò all’Ente Parco della Murgia una segnalazione ufficiale affinchè si provveda e rendere meno insidioso quel passaggio”.