Tanto tuonò…che il piazzale della  stazione di Ferrandina-Matera  non si allagò, ma arrivarono soldi con delibera della Regione Basilicata per investire su riqualificazione e dotazione dei servizi. A darne notizia il presidente dell’Associazione Matera Ferrovia Nazionale Nicola Pavese.

I lavori, pari a 1 milione di euro saranno realizzati da Rete Ferrovie Italiane  e prevedono la sistemazione del piazzale con la realizzazione di 50 posti auto e quattro per gli autobus.

Sarà migliorata anche la  sicurezza di accesso alla Basentana. E si annuncia anche l’apertura del ‘’Bascalo’’ il punto di ristoro chiuso da alcuni anni.

Ma attendiamo di conoscere tempi di avvio e di consegna delle opere. Matera 2019 è tra appena cinque mesi. Serve un’accelerata…

COMUNICATO STAMPA

 “Buone notizie per la Ferrandina-Matera provenienti dalla Regione Basilicata e da Rete Ferroviaria Italiana. In data 6 luglio una delibera della Giunta regionale, la n. 639 del 2018, ha infatti assegnato i fondi necessari per avviare i lavori di riqualificazione del piazzale della stazione di Ferrandina-scalo Matera. Un intervento importante e atteso che consentirà di rendere efficiente e accogliente la stazione basentana e di risolvere anche l’annoso problema degli allagamenti in presenza di precipitazioni piovose e superare altre criticità.

La notizia è stata accolta molto favorevolmente dall’Associazione “Matera Ferrovia Nazionale” (sempre più incalzata da utenti e cittadini) che da oltre un anno sollecitava l’intervento, per il quale nelle prossime settimane partiranno i lavori affidati alla sede di Bari di RFI, diretta dall’ing. Roberto Laghezza, che ha curato anche la progettazione secondo criteri di sicurezza, modernità e decoro.

Il tutto rientra in un progetto più ampio denominato “Miglioramento mobilità regionale”, all’interno del Programma operativo Fers Basilicata 2014-2020. Per Ferrandina -scalo Matera è a disposizione la somma di un milione di euro assicurata dalla Regione Basilicata, il cui iter burocratico è stato seguito dal dirigente dell’Ufficio Trasporti, ing. Donato Arcieri, e dal suo staff. Somma necessaria per il rifacimento e l’ammodernamento del piazzale esterno, dove, tra l’altro, ci sarà un parcheggio per 50 autovetture e 4 stalli per i bus delle linee extraurbane provinciali e le lunghe distanze.

Ferrovie dello Stato, invece, con fondi propri, curerà il decoro e l’installazione di alcune strumentazioni e strutture utili per chi viaggia, insieme all’adeguamento del collegamento con la Basentana sia in direzione Potenza che per Matera-Metaponto e comuni limitrofi. Insomma, la situazione è destinata a migliorare decisamente proprio in vista di Matera 2019 e all’importante ruolo di accoglienza turistica che lo scalo basentano è chiamato a svolgere. Anche per questa ragione i lavori si concluderanno al massimo nelle prime settimane del nuovo anno, e nel contempo si lavora anche per l’imminente riapertura del bar Bascalo-Cafè. Proprio il servizio offerto già in passato dai gestori è diventato ormai indispensabile sia come punto ristoro, che per le informazioni, la biglietteria e l’uso dei bagni per i viaggiatori. Anche dall’altro versante della Ferrandina Matera, nella stazione di La Martella, a breve sarà sistemato l’ampio parcheggio da utilizzare per Matera 2019. Anche dall’altro versante della Ferrandina-Matera, nella stazione de La Martella, a breve sarà sistemato da utilizzare durante M;atera 2019.

Da sottolineare inoltre che, proprio su richiesta dell’Associazione “Matera Ferrovia Nazionale”, già da alcune settimane sono migliorati i collegamenti dei bus delle Fal per Matera in coincidenza con alcuni treni da/per Napoli, Salerno, Potenza e Taranto.

Ma insieme al Dipartimento regionale dei Trasporti si studieranno altre modifiche agli orari per ottimizzare al massimo i suddetti collegamenti anche in corrispondenza degli Intercity da/per Roma Termini e si chiederà di ripristinare i treni notturni per la Capitale.

Tuttavia, gli obiettivi del sodalizio materano sono anche quelli di far proseguire la costruenda tratta Ferrandina-Matera (via Gioia del Colle) fino a Bari, con una diramazione dalla città federiciana per Taranto-Brindisi-Lecce, già in esercizio e ammodernata da FS. Un progetto, quindi, ambizioso e ormai irrinunciabile per la Città dei Sassi, al quale stanno mostrando attenzione anche il ministro e vicepremier Di Maio, la responsabile del dicastero per il Sud Lezzi (entrambi sollecitati con una lettera aperta dal presidente Pavese), oltre ai ministri Toninelli, Centinaio e Bonisoli. Anche per queste ragioni prossimamente una delegazione di “Matera Ferrovia Nazionale”, accompagnata dall’on. Mirella Liuzzi, incontrerà il sottosegretario alle Infrastrutture Edoardo Rixi e avvierà successivamente una serie di incontri con i parlamentari materani e regionali.”

Associazione “Matera Ferrovia Nazionale”