Se i numeri della tombola e del gioco del Lotto arrivassero fino a 100 Matera avrebbe puntato sul 99…dal nome della statale che si innesta sulla 96 ad Altamura e quindi a Bari, della quale in questo periodo stiamo parlando abbondantemente.E del resto finora è l’unica opera infrastrutturale e comprensoriale per ” Matera 2019”. A questo dobbiamo aggiungere la realizzazione delle arterie complanari, quella viabilità di servizi sollecitata per quasi 20 anni da residenti e operatori economici dislocati lungo la Matera- Altamura e in particolare lungo l’asse viario che conduce a Venusio.Le note del presidente della Provincia, Francesco De Giacomo, che parla di cronoprogramma rispettato per le opere da appaltare, e le felicitazioni del consigliere regionale Roberto Cifarelli per la aggiudicazione dei lavori, confermano l’importanza delle opere per un investimento di sei milioni di euro e con ricadute occupazionali. Ci riferiamo ai cantieri e al movimento economico che quelle opere accessorie potranno garantire lungo un asse viario per il quale ci sono indicazioni e possibili investimenti commerciali. Si tratta di continuare su questa strada…in attesa che si muova qualcosa anche per la ss 7 Matera-Ferrandina. Si attendono l’aggiudicazione del bando per la progettazione complessiva della ”Murgia -Pollino’ con innesto a Gioia del Colle, ma anche interventi per la messa in sicurezza della strada. Troppi dossi, fossi e dissesti su una strada ultratrafficata e a due corsie e con una estate che induce a correre e a fare incidenti. Attendiamo altre buone notizie…magari di somma urgenza. L’Anas, ormai laziale, trovi i soldi.

IL PRESIDENTE DE GIACOMO ” RISPETTATO CRONOPROGRAMMA”

Rispettando il cronoprogramma stabilito e con l’aggiudicazione dei lavori per la realizzazione delle complanari della SS99 Matera-Altamura, l’Amministrazione Provinciale di Matera, può oggi dare avvio all’opera che permetterà di collegare  all’arteria principale le diverse attività produttive insediate lungo l’asse commerciale Matera-Venusio.

L’impegno a rispettare tempi e procedure, con l’assegnazione di un importo di 6 milioni di euro a valere sul fondo di coesione 2007-2013, fu assunto da parte del Presidente De Giacomo, in un incontro tenutosi nell’Agosto 2015 con il presidente Pittella e l’assessore Braia.

Dopo quasi 20 anni, finisce la lunga attesa per una infrastruttura strategica che darà una risposta concreta al tessuto imprenditoriale materano, penalizzato dalla mancanza di complanari lungo questa importante via di collegamento interregionale.

Dopo la conferma dell’avvio lavori, annunciato ieri dal Ministro Delrio, per il completamento della Ferrovia Matera-Ferrandina, il cui finanziamento è stato ottenuto anche grazie all’interesse continuo e determinato da tempo dell’On. Antezza, il rilancio definitivo della Matera-Altamura attraverso le complanari, rappresenta un ulteriore traguardo per il miglioramento dei collegamenti da e verso Matera, in prospettiva del 2019.

Pur alle prese con il complesso riordino istituzionale imposto dalla legge di riforma n. 56/2014, la Provincia di Matera continua a dare risposte concrete anche sul fronte dell’edilizia scolastica, con l’appalto e l‘aggiudicazione di ulteriori interventi quali, in particolare, il Polivalente di Marconia per 4 milioni di euro e altri istituti superiori importanti nei territori di Ferrandina, Matera e Tursi.

Il Presidente

Francesco De Giacomo

 

Cifarelli (Pd): “Complanari SS99 Matera-Altamura, soddisfazione per aggiudicazione lavori”

“Ho appreso oggi della aggiudicazione da parte della Provincia di Matera dei lavori per la realizzazione delle complanari della SS99 Matera-Altamura”. Così il capogruppo consiliare Pd, Roberto Cifarelli, che continua: “Era da tempo che aspettavamo questa notizia che finalmente potrà togliere dall’isolamento e porre rimedio alle difficoltà delle diverse aziende insediate lungo l’asse commerciale Matera-Venusio”. “Da oggi si tratta di controllare che il cronoprogramma dei lavori sia rispettato e che nel più breve tempo possibile l’opera sia realizzata e consegnata. Insomma – continua Cifarelli – dopo un non facile percorso e grazie al contributo determinante della Regione Basilicata, si avvia a soluzione un problema che ha creato non poche difficoltà agli imprenditori materani che hanno creduto nello sviluppo del cosiddetto ‘Asse attrezzato Matera-Venusio’”.