Il rischio di incidenti c’è sempre, complice anche le diverse condizioni meteo altalenanti, a conferma che una frenata improvvisa o di un mezzo pesante che ti si para davanti può combinare il patatrac. E così i residenti del Borgo La Martella hanno raccolto 667 firme per una petizione inviata al presidente della Provincia, Francesco De Giacomo,al sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri, e ai dirigente del settore tecnico, e per conoscenza al Prefetto Antonella Bellomo per le azioni che vorrà attivare verso gli Enti di competenza,affinchè vengano attivati gli interventi di ”manutenzione straordinaria e urgente” del tratto di strada compreso tra lo svincolo della statale 655 ”Bradanica” e via Monterosa presso il borgo La Martella. Una esigenza sentita ed evidenziata dopo l’inaugurazione di una arteria, contrassegnata da una storia e da una vicenda tortuosa che sta subendo una ulteriore interruzione dei lavori più avanti, lungo quel viadotto di tre chilometri, sul quale dovranno esserci perizia e ricerca di risorse aggiuntive. Quando e come si riprenderà? Nel frattempo c’è l’istanza dei residenti del borgo, che hanno nominato come referenti Tommaso Martinelli ed Enzo Massari, e attendono – auspicano in tempi brevi- di essere convocati e informati sulle decisioni che le parti intendono prendere. Del resto la premessa sintetizza ”preoccupazioni e disagi” sulla necessità di rendere sicuri quel pezzo di Bradanica a ridosso del borgo, partendo dalla premessa sui disagi che i 2500 residenti e le migliaia di automobisti hanno dovuto subire negli anni a causa del persistere dei cantieri. Da qui le considerazioni che ”l’accesso alla Bradanica per i ‘martellesi’ avviene attraverso lo svincolo posto all’altezza della zona industriale, utilizzando la strada di collegamento indicata, lunga 700 metri” . E che ” La strada provinciale presenta una carreggiata molto stretta ed interamente dissestata- con presenza di dossi, avvallamenti e false pendenze- non in grado di sopportare il notevole incremento di traffico automobilistico conseguente al citato tratto della Bradanica, risultando così obsoleta e inadeguata e costituendo, per contro, fonte di notevole pericolo per gli stessi automobilisti”. Da qui la richiesta di ”manutenzione straordinaria” per prevenire ed evitare il verificarsi di pericolosi incidenti stradali e di migliorare al contempo la fruibilità , per cittadini e utenti della nuova arteria stradale”. Richiesta legittima che attende i necessari interventi del caso. Una prece a San Vincenzo De Paoli, protettore del Borgo, affinchè illumini la strada e acceleri con l’ausilio di San Cristoforo, protettore degli automobilisti, l’iter di esecuzione delle opere.