Lo Statuto della Fondazione ” Matera-Basilicata 2019” c’è ed è stato pubblicato da tempo sul sito, su un link dedicato insieme ad altre deliberazioni del consiglio di amministrazione, mentre per il bilancio 2015 si attende l’approvazione dell’organismo direttivo non appena saranno state espletate tutte le procedure.

La conferenza stampa di mezzogiorno, un orario infelice e penalizzante per i giornalisti, tenuta dalla presidente la rettrice dell’Università di Basilicata, Aurelia Sole, e dal direttore Paolo Verri, è servita a illustrare i programmi della  Fondazione per il 2016 dopo un periodo sofferto caratterizzato da ritardi e da una serie di problemi sopratutto di natura politica e organizzativa non ancora risolti.

Tiene banco la questione del nuovo Logo, per il quale c’è stato un bando con 450 partecipanti, che un ordine del giorno del consiglio comunale e dalle dichiarazioni conseguenziali del sindaco Raffaello De Ruggeri (assente alla conferenza stampa) non dovrebbe essere espletato. Il passo indietro, se dovesse verificarsi, porterebbe la Fondazione a fare una pessima figura di immagine. Di altro avviso il direttore Paolo Verri, e la stessa rettrice, propensi e determinati a tirare dritto su un argomento ampiamente deliberato e previsto dal dossier, allo scopo di conquistare nuove partnership.E sostegni e risorse sono importanti per realizzare i programmi.

Una prova di forza in Fondazione? Facciamo la conta e ci sembra difficile salvare capra e cavoli…a merenda. Qualcuno potrebbe soffrire di indigestione, altri finirebbero a digiuno. Mediatore cercasi. Auguri….

conf3
I PROGRAMMI DELLA FONDAZIONE 2016
Trasparenza, attività realizzate nel 2015 e programma di lavoro del 2016 della Fondazione Matera-Basilicata2019. Sono i tre temi principali affrontati stamane nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Matera, nella sede di via San Rocco dell’Università degli studi della Basilicata.
In merito alla trasparenza è intervenuta la Presidente della Fondazione Matera-Basilicata2019, Aurelia Sole, che ha portato i saluti di tutto il cda: “Sul nostro sito internet – ha detto – è già possibile scaricare una serie di documenti riguardanti l’attività della Fondazione come i verbali dei consigli di amministrazione. Non è stato possibile farlo prima perché c’era bisogno dell’approvazione da parte degli organi competenti. Quindi nessun tentativo di nascondere qualcosa. Tutto il lavoro che facciamo è trasparente e lo diventerà sempre di più non appena avremo una struttura organizzativa più adeguata alle sfide che abbiamo davanti. Anche i bilanci, prima di pubblicarli, devono essere approvati dagli organi competenti. Entro il 30 giugno, pertanto, pubblicheremo il bilancio 2015. Sul sito pubblicato anche il primo report post designazione giuria per comprendere cosa ci chiede fare la Commissione europea”.
La presidente della Fondazione, Aurelia Sole, ha sottolineato la “sintonia fra tutti le istituzioni coinvolte in questo esaltante cammino. Nel prossimo cda approveremo l’ingresso di nuovi soci e entro il 30 giugno produrremo tutta la documentazione contabile per consegnarla agli organi competenti e per pubblicarla sul sito. E’ evidente che scontiamo dei ritardi dovuti sostanzialmente alla modifica dello statuto, anch’esso pubblicato sul sito di Matera2019, ma ora abbiamo ripreso a camminare approvando il progetto dell’Open Design school, e nel prossimo cda approveremo la parte relativa al build up, alla formazione delle competenze. Ovviamente l’Università sta svolgendo appieno il suo ruolo mettendo in campo progetti di livello internazionale sul sentiero di Matera2019 come, ad esempio, la convenzione con l’Istituto di restauro, o la nascita della recente cattedra Unesco”.
Rossella Tarantino si è soffermata sulle prossime tappe della Fondazione. “Così come previsto dal dossier di candidatura abbiamo davanti a noi tre biennalità: 2015-2016 costruzione delle competenze; 2017-2018 co-produzione e preparazione del programma culturale; 2019-2020 produzione, presentazione e consolidamento dei progetti. Abbiamo chiuso la progettazione del build up che verrà costruito sui bisogni dei soggetti culturali del territorio per metterli in grado di operare al meglio nella costruzione delle azioni del dossier”.
Il percorso di capacity bulding prevede azioni di: investimento nel futuro e sulle persone; non consumi, ma coproduzioni culturali; una squadra di persone che a vario titolo lavoreranno sui progetti del dossier; un forte coinvolgimento dei pubblici (cittadini culturali); promozione di questo approccio presso varie istituzioni ed organizzazioni non solo culturali; dialogo e cooperazioni con esperienze europee e nazionali.
“Tre sono le azioni in programma nei prossimi mesi. Il primo si chiama “Rimettiamoci in gioco” e prevede un primo ciclo di incontri, da giugno a dicembre 2016) rivolti ad un pubblico ampio su vari temi (es: politiche dell’accesso alla cultura; turismo e contenuti culturali; nell’era digitale quali nuovi mercati). In programma anche 2-3 giornate di laboratori con casi studio specifici. Il programma verrà realizzato su scala regionale nelle sedi Unibas e di Visioni urbane.
Il secondo si chiama “Matera links”. A settembre si selezioneranno 20-25 operatori culturali che esploreranno e sperimenteranno nuovi approcci per il coinvolgimento dei pubblici, creando legami tra: Cittadini temporanei e cittadini permanenti (patrimonio non bene di consumo di turisti); Centro e periferie; Nuovi mercati; Le istituzioni culturali ed il mondo di fuori; Circolazione (sud-sud/sud-Europa).
Il terzo si chiama “Matera changemakers”.  A dicembre 2016 previsto l’avvio di un programma di seminari, laboratori e mobilità sul management culturale che sarà strettamente connesso anche allo sviluppo progetti del dossier.
Siamo – ha concluso Tarantino – la prima capitale europea della cultura che investirà sulle competenze”.
In relazione all’Open Design School il direttore della Fondazione, Paolo Verri ha reso noto che presto verrà pubblicato il bando per la selezione del responsabile scientifico. Insieme ad I-Dea, ODS è uno dei progetti chiave del programma culturale di Matera 2019. Sarà la prima scuola di design in Europa a fondarsi sui principi dell’Open Culture (condivisione della conoscenza). Riunirà designer, artisti, artigiani, sviluppatori web, diplomati, studenti, professionisti e accademici provenienti sia dal contesto locale che dall’Europa. Sarà in rete con altre organizzazioni già all’avanguardia nell’ambito dell’Open Design, quali la Eindhoven Design Academy (Eindhoven, NL) e altre ancora, per organizzare tirocini, scambi e simposi.
“La Master class dell’Ods lavorerà su due committenze, una del Comune e una della Fondazione stessa. Si tratta di mettere in campo progetti di trasformazione e rigenerazione urbana mettendo subito a disposizione i budget per la gestione”.
In parallelo “riprenderemo in mano i progetti del dossier e individueremo 4 o 5 progetti esecutivi. Nel frattempo il Mibact ci dirà come trasferire le risorse del decreto Franceschini alla Fondazione e stiamo provvedendo per avere nella squadra un funzionario amministrativo che seguirà tutta la parte finanziaria.
Intanto il 9 maggio, in occasione della festa dell’Europa, Il Polo museale della Basilicata, la Fondazione Matera-Basilicata 2019, Matera Hub e Liberascienza hanno organizzato, a Palazzo Lanfranchi, una grande iniziativa per riflettere su come raccontarci in Europa e come l’Europa deve raccontarci”.

Lo Staff
Fondazione Matera-Basilicata2019

conf1

Conferenza stampa Matera 2019 – 05 maggio 2016
1. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa Matera capitale europea della cultura 2019
2. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2019/20produzione, presentazione e consolidamento dei progetti 2017/18co-produzione e preparazione 2015/16costruzione delle competenze LE TAPPE PRINCIPALI DELLA FONDAZIONE COMPITI, TEMPI, RISORSE
3. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO TRASPARENZA In data 08 aprile 2016 sono stati pubblicati sul sito web della Fondazione Matera- Basilicata 2019 sezione ARCHIVI >> DOCUMENTI: • Consigli di indirizzo del 08 febbraio e del 16 febbraio 2016 (cartella: DOCUMENTI CONSIGLIO D’INDIRIZZO FONDAZIONE) • Nuovo statuto Fondazione del 16 febbraio (cartella: DOCUMENTI UFFICIALI FONDAZIONE)
4. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO TRASPARENZA In data 04 maggio 2016 sono stati pubblicati sul sito web della Fondazione Matera- Basilicata 2019 sezione ARCHIVI >> DOCUMENTI: • Tutti i verbali APPROVATI del CdA della Fondazione con relativi allegati (piano di attività, progetti, etc) (cartella: DOCUMENTI CdA FONDAZIONE)
5. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO TRASPARENZA In data 04 maggio 2016 sono stati pubblicati sul sito web della Fondazione Matera- Basilicata 2019 sezione ARCHIVI >> DOCUMENTI: • Il 1° report post designazione della giura di monitoraggio (settembre 2015) in versione originale (inglese) e anche tradotto in italiano. (cartella: DOCUMENTI SELEZIONE E POST DESIGNAZIONE)
6. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2015 COSA ABBIAMO FATTO
7. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO Proseguono le attività di Basilicata Fiorita con le residenze di designer/ artisti di fama nazionale e internazionale che porteranno alla riqualificazione di aree urbane abbandonate gestite da gruppi di cittadini.
8. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO Abbiamo avviato le riflessioni, i “think thanks”internazionali e locali, previste dal cluster FUTURE DIGS del programma culturale. Dibattiti aperti al pubblico che hanno l’obiettivo di dare una visione internazionale dei nostri futuri possibili seguendo l’impostazione del dossier di candidatura.COME E PERCHÈ CONTINUARE ALEGGERE I CLASSICI #2 DIG IT BILL 23 APRILE 2016 GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO UNA GIORNATA DI LETTURE E NARRAZIONI DIGITALI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO E DEL QUARTO CENTENARIO DELLA MORTE DI WILLIAM SHAKESPEARE E MIGUEL DE CERVANTES IN COLLABORAZIONE CON FUTURE DIGS #1 #2
9. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO Si sta invece chiudendo lo studio per il build up che verrà costruito sui bisogni dei soggetti culturali del territorio per metterli in grado di operare al meglio nella costruzione delle azioni del dossier. IL PERCORSO DI CAPACITY BUILDING
10. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO • investimento nel futuro- le persone! • non consumi, ma coproduzioni culturali • squadra di persone che a vario titolo lavoreranno sui progetti del dossier • forte coinvolgimento pubblici (cittadini culturali) • promuovere approccio presso varie istituzioni ed organizzazioni non solo culturali • dialogo e cooperazioni con esperienze europee e nazionali IL PERCORSO DI CAPACITY BUILDING
11. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO PROSSIMI MESI • Rimettiamoci in gioco (giugno- dicembre 2016) • Matera links (settembre 2016-febbraio 2017) • Matera changemakers (ottobre 2016-aprile 2017) IL PERCORSO DI CAPACITY BUILDING
12. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO RIMETTIAMOCI IN GIOCO! Un primo ciclo di incontri (giugno –dicembre 2016) rivolti ad un pubblico ampio su: • – vari temi (es: politiche dell’accesso alla cultura; turismo e contenuti culturali; nell’era digitale quali nuovi mercati) • 2-3 giornate, testimonianze e tendenze + laboratori con casi studio specifici • diffusi sul territorio (sedi unibas e centri visioni urbane) IL PERCORSO DI CAPACITY BUILDING
13. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO MATERA LINKS A settembre si selezioneranno 20-25 operatori culturali che esploreranno e sperimenteranno nuovi approcci per il coinvolgimento dei pubblici, creando legami ad tra: • Cittadini temporanei e cittadini permanenti (patrimonio non bene di consumo di turisti) • Centro e periferie • Nuovi mercati • Le istituzioni culturali ed il mondo di fuori • Circolazione (sud-sud/sud-europa) IL PERCORSO DI CAPACITY BUILDING
14. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO MATERA LINKS Dicembre 2016 Avvio di un programma di seminari, laboratori e mobilità sul management culturale che sarà strettamente connesso anche allo sviluppo progetti del dossier IL PERCORSO DI CAPACITY BUILDING
15. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA NON STIAMO FACENDO E’ stato fermato il processo di cambiamento del logo nonostante sia stato approvato ufficialmente dal Cda. Tale azione è necessaria per avviare tutte le azioni marketing. Era stato bloccato il lavoro dell’Open Design School anch’esso approvato dal Cda nel 2015. Adesso si riparte, finalmente!
16. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO Insieme ad I-Dea, ODS è uno dei progetti chiave del programma culturale di Matera 2019 Sarà la prima scuola di design in Europa a fondarsi sui principi dell’Open Culture (condivisione della conoscenza) OPEN DESIGN SCHOOL (ODS)
17. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO Riunirà designer, artisti, artigiani, sviluppatori web, diplomati, studenti, professionisti e accademici provenienti sia dal contesto locale che dall’Europa Sarà in rete con altre organizzazioni già all’avanguardia nell’ambito dell’Open Design, quali la Eindhoven Design Academy (Eindhoven, NL) e altre ancora, per organizzare tirocini, scambi e simposi OPEN DESIGN SCHOOL (ODS)
18. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO PRINCIPI • si impara facendo • Interdisciplinarietà • la pratica ha ugual rilievo alla teoria • piattaforma orizzontale in cui tutti insegneranno e tutti apprenderanno • un luogo di scambio interdisciplinare in cui si imparerà attraverso la prototipazione e la sperimentazione • rete collaborativa europea con spazi sociali aperti a tutti, dedicati allo scambio di conoscenza intorno al design • diario di bordo: si racconta quanto avviene, si impara dagli errori OPEN DESIGN SCHOOL (ODS)
19. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO TEMI • progetti di trasformazione e rigenerazione urbana (es. Cava del Sole, Sistema delle Cave) • nuovi processi relazionali tra cittadini (community workshop) • design di nuovi oggetti e prodotti (es. strutture modulari per performance artistiche, segnaletica eventi, ecc) OPEN DESIGN SCHOOL (ODS)
20. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO FINALITA’ • sviluppare il concept di un teatro/luogo per performances altamente innovativo negli spazi della Cava del Sole • progettare la futura sede di ODS che sarà ospitata nel Complesso del Casale • contribuire ad ideare un programma di lavoro a lungo termine di ODS (fino al 2019) • elaborazione del concept di gestione e azioni di fundraising relativi al teatro OPEN DESIGN SCHOOL (ODS)
21. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 COSA STIAMO FACENDO LANCIO ODS • sviluppare il concept di un teatro/luogo per performances altamente innovativo negli spazi della Cava del Sole • progettare la futura sede di ODS che sarà ospitata nel Complesso del Casale • contribuire ad ideare un programma di lavoro a lungo termine di ODS (fino al 2019) • elaborazione del concept di gestione e azioni di fundraising relativi al teatro OPEN DESIGN SCHOOL (ODS)
22. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa 2016 ALTRE INIZIATIVE MATERADIO 2016 EDIZIONE MATERADIO (23-25 settembre): Utopie e distopie – in occasione dei 500 anni dopo la pubblicazione dell’Utopia di Tommaso Moro MIBACT Lavoro proficuo di interazione con il Mibact per pervenire al Decreto Franceschini che stanzia 11 milioni di euro per l’attuazione del dossier di Matera 2019 Convegno sul Turismo di Comunità (novembre 2016)
23. Piattaforma on-line European Award for self constructionof oublic space opera di architettura La capitale diffusa Fondazione Matera-Basilicata 2019 Palazzotto del Casale Via Madonna delle Virtù 75100 Matera (Italy) tel: +39 0835256384 web: www.matera-basilicata2019.it facebook: Matera 2019 twitter: @Matera2019 hashtag: #matera2019 #mt2019 #openfuture